Lunedì 17 Giugno 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Il food che non conosciamo

Nuove professioni per il settore alimentare. Oggi, oltre agli operatori che tutti ormai conoscono e frequentano, tra ristoratori e baristi, entrano in scena con grande enfasi anche altre figure: le Iad, per esempio, acronimo di Imprese Alimentari Domestiche. E poi i Social Eating, operativi su piattaforme online, e gli Home Restaurant. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone

Il food che non conosciamo

 

I.A.D, SOCIAL EATING E HOME RESTAURANT

Il Regolamento CE 852/04 sull’igiene dei prodotti alimentari – all’Allegato II Capitolo III – inserisce tra le imprese alimentari anche quelle aventi sede in “locali utilizzati principalmente come abitazione privata ma dove gli alimenti sono regolarmente preparati per essere commercializzati”. Quindi le imprese alimentari domestiche (IAD) sono vere e proprie imprese, che, come tali, possono vendere i propri prodotti (come il pane e i lievitati, o il cake design...) mediante mercati, e-commerce oppure anche stand in centri commerciali. 

Le IAD non possono però somministrare il cibo ed esporlo in vetrina e non possono vendere prodotti preparati con la carne. Le IAD si distinguono dai Social Eating, visibili su piattaforme online, ma anche dagli Home Restaurant. 

I Social Eating sono caratterizzati dalla saltuarietà e occasionalità dell’evento; gli Home Restaurant, invece, dall’imprenditorialità organizzata dell’attività come nel caso delle IAD ma, a differenza di queste microimprese, possono somministrare cibo e bevande. I Social Eating, perciò, necessitano che l’evento si configuri, dal punto di vista normativo e fiscale, come prestazione occasionale di servizi tra privati. Ne deriva l’obbligo per il titolare di emettere una ricevuta fiscale agli ospiti e il rispetto del tetto massimo di €. 5.000,00/anno come reddito derivante dall’attività di Social Eating.

Gli Home Restaurant, che hanno ad oggetto l'attività di cuoco a domicilio, in base alla Risoluzione n. 50481, sono paragonati ai tradizionali ristoranti, bar e food, in quanto praticano una vera e propria somministrazione di bevande e cibo e, pertanto, vengono assoggettati ad analoghe procedure burocratiche e responsabilità. La finalità per gli Home Restaurant, pur ancora mancando una normativa specifica che li disciplini, è comunque quella di garantire e verificare i requisiti professionali per tutelare il consumatore e la sua salute.

 

Per quanti desiderino contattare il Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law, è possibile farlo scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: avvocati.csda@libero.it

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Giorgia Antonia Leone - 31-08-2018 - Tutti i diritti riservati

Giorgia Antonia Leone

Avvocato patrocinante in Cassazione, fa parte del Centro Studi Diritto Alimentare.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'avete mai provato? È l'espressione delle olive Casaliva (nella quasi totalità: 60%) e, per la restante parte, Leccino, Pendolino, Raza e Moraiolo. L'azienda ha sede in un luogo altamente vocato, a Cavaion Veronese, nel Veneto > Silvia Ruggieri

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Sono le due nuove varietà di ulivo brevettate dall’Università di Pisa. Si tratta di cultivar che si contraddistinguono per i numerosi vantaggi in termini di produttività e qualità dell’olio rispetto alle varietà standard, date in concessione esclusiva a Co.Ri.Pro-Olivi di Pescia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo