21 Ottobre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Made Green in Italy

Nasce una certificazione, italiana, per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodottialimentari o dei servizi. In vigore dal 13 giugno 2018, il marchio viene rilasciato su richiesta delle imprese che hanno attuato e promuovono una politica di sviluppo sostenibile. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law 

Giorgia Antonia Leone

Made Green in Italy

E’ NATA LA CERTIFICAZIONE ITALIANA DELL‘IMPRONTA AMBIENTALE: “MADE GREEN ITALY” 

Il 29 maggio scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministeriale 21 marzo 2018 n.56, in vigore dal 13 giugno 2018, recante il Regolamento per l'attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato "Made Green in Italy", di cui all'Art. 21, comma 1, della Legge 221/2015.

È stato quindi istituito un marchio progettato dal Ministero dell’Ambiente, che riguarda anche le categorie dei prodotti, alimentari o servizi. 
Il marchio viene rilasciato su richiesta delle Imprese italiane, che hanno attuato e promuovono una politica di sviluppo sostenibile, dopo la verifica di specifici requisiti necessari (obbligatori e facoltativi) sulla base di indicazioni metodologiche, e le licenze di utilizzo del marchio hanno durata triennale. 

Tutti i prodotti alimentari o servizi già dotati del marchio “made in Italy” potrebbero, ipoteticamente, conseguire il “made green in Italy”.

Il marchio "made green in Italy" certifica, oltre evidentemente l’origine del prodotto alimentare “italiano”, anche il rispetto di determinati limiti di produzione a basso impatto ambientale, con lo scopo specifico di ridurre gli impatti ambientali in relazione a tutte le attività del ciclo di produzione e fornitura: estrazione delle materie, trasporto, distribuzione per la vendita, gestione del prodotto a fine vita, che diviene rifiuto da smaltire.

Questa nuova certificazione ha anche la finalità di rinforzare il circuito di competitività del sistema produttivo italiano, anche internazionale, mediante l'indicazione e la comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti, ma altresì di garantire, un consumo dei prodotti che siano “ecologici”.

I prodotti "made green in Italy" devono presentare, per essere considerati tali, prestazioni ambientali pari o superiori ai cd. “benchmark” di riferimento, la stima delle quali è espletata secondo la metodologia detta Product Environmental Footprint (P.E.F.) dell’Unione Europea. 

L’impronta ambientale è precisamente definita con i criteri indicati dalla Raccomandazione 2013/179/U.E.

 

Per quanti desiderino contattare il Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law, è possibile farlo scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: avvocati.csda@libero.it

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Giorgia Antonia Leone - 07-08-2018 - Tutti i diritti riservati

Giorgia Antonia Leone

Avvocato patrocinante in Cassazione, fa parte del Centro Studi Diritto Alimentare.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
A difesa del panel test. Si punta su ricerca e innovazione

A difesa del panel test. Si punta su ricerca e innovazione

In occasione del cinquantesimo Congresso della Società italiana per lo studio delle Sostanze Grasse a Bari, Assitol, l’associazione degli industriali ribadisce la propria fiducia e impegno a favore dei nuovi sistemi di analisi, allo scopo di rafforzare l’analisi sensoriale e garantire in tal modo il consumatore

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio secondo Vittorio Sgarbi

Nostra intervista al celebre critico d’arte e opinionista su una materia prima, l'olio extra vergine di oliva, tra le più significative e determinanti per una sana e corretta alimentazione. La produzione dell'olio è una operazione dell'uomo. Si tratta, in quanto tale di una operazione diretta della natura, ed essendo l'olio un elemento primario, è prova che Dio è uno solo

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato