Martedì 23 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Ripensare l’etichettatura

La campagna di sensibilizzazione lanciata da Olio Officina - Etichetta olio: Visto, si stampi! - sta riscuotendo un grande consenso, segno che le imprese vivono uno stato di grande incertezza e tensione. Una bottiglia d’olio immessa in commercio non può tramutarsi in qualcosa di farraginoso e complicato al punto da ingenerare le più svariate e contraddittorie interpretazioni in chi deve esercitare i controlli a garanzia dei consumatori. Se ne parlerà a Olio Officina Festival

Alfonso Pascale

Ripensare l’etichettatura

Il tema lo avevamo trattato nell'edizione 2015 di Olio Officina festival. E avevamo anche atteso che qualcosa avvenisse, nel cuore dell’apparato burocratico, ma, si sa, la semplificazione in Italia `e sempre un’utopia. Così, anche nell'edizione 2017 del grande happening che si svolgerà a Milano dal 2 al 4 febbraio affronteremo il tema (leggi il programma QUI), ma questa volta con l’impegno a prendere le firme e cercare di agire concretamente. Non si sa mai.
Ecco allora una firma prestigiosa, lo storico dell’agricoltura Alfonso Pascale, con un suo intervento.
Per saperne di più, leggete anche QUI: Etichetta olio: Visto, si stampi!


Olio Officina ha lodevolmente lanciato una campagna di sensibilizzazione sul tema dell’etichettatura dell’olio d’oliva (QUI). Il fine è quello di ottenere una procedura semplificata per fare in modo che, da una parte, il produttore abbia la certezza di aver rispettato gli obblighi di legge e, dall’altra, il cittadino consumatore abbia la garanzia che i controlli funzionino in modo efficiente.


L’etichetta rappresenta il “biglietto da visita” di una bottiglia d’olio per mettere in condizione il consumatore di conoscere l’identità del prodotto, il suo livello di qualità e le indicazioni sulla provenienza.

È, dunque, paradossale che un atto così essenziale per favorire la fiducia nello scambio economico si sia trasformato nel suo contrario: un qualcosa di farraginoso e complicato al punto tale da provocare un senso di incertezza in chi lo deve compiere e ingenerare le più svariate e contraddittorie interpretazioni in chi deve esercitare i controlli a garanzia dei consumatori.

La fiducia ha bisogno di sincerità, univocità, collaborazione, responsabilità. Non si costruisce la fiducia alimentando inutili vessazioni, atteggiamenti discrezionali e odiosi pregiudizi nei confronti delle imprese, sia grandi che piccole. E soprattutto quando ad accentuarli è la pubblica amministrazione, agendo senz’anima, in modo burocratico e asettico.

Non si costruisce la fiducia insinuando il sospetto che tutti gli operatori economici siano di per sé disonesti. E che, quindi, non ci sia altro da fare che gravare le imprese di ogni specie di carico per poterle tormentare in continuazione.

L’economia non potrà mai decollare se non si liberano le attività produttive da questa mentalità ottusa, che serpeggia ancora indisturbata nella pubblica amministrazione.

Sia chiaro, la campagna di sensibilizzazione non ha il fine di modificare le normative con il rischio di ridurre le garanzie per i consumatori. Intende sollecitare soltanto un percorso semplice che permetta di tranquillizzare gli operatori, far rispettare le norme, consolidare la fiducia e salvaguardare i cittadini.

Qual è questo percorso? La proposta molto semplice è questa: s’individui in un solo ufficio dell’Icqrf l’autorità unica a cui far pervenire le etichette da autorizzare con un “visto si stampi”. Una volta ottenuta la validazione da parte di tale organismo, essa dovrà essere considerata incontestabile da parte di altri controllori. I quali naturalmente potranno accertare la piena osservanza di quanto disposto dalla autorizzazione ufficiale. Ma dovranno limitarsi a fare solo questo.

Come appare evidente, si tratta di una proposta di buon senso che tutti dovrebbero accogliere con sollievo. La buona politica è fatta di queste cose normali per fare in modo che vendere al pubblico una bottiglia etichettata diventi davvero un atto di fiducia. E questo può avvenire se lo scambio economico torna a fondarsi sulla semplicità e “intimità” di una relazione tra le istituzioni e le imprese che pone al centro la responsabilità reciproca.

Il senso dello Stato si alimenta di tale responsabilità in un rapporto biunivoco, fluido e solidale.

 

LEGGI ANCHE

Etichetta olio: Visto, si stampi!

 

 

 

Alfonso Pascale - 10-01-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il “Selezione Oro” di Pantaleo

Il “Selezione Oro” di Pantaleo

L’oliva fresca, pulita, le connotazioni erbacee, la mandorla verde. Ecco una recensione a firma di un non esperto, ma che frequenta ormai assiduamente il mondo dell'olio, visto che ricopre l'incarico della direzione tecnica di Olio Officina Festival. Il punto di vista del consumatore è importantissimo, anzi fondamentale > Luca Sarni

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

L’olio diventa solidale lunedì 22 luglio, a Imperia. La famiglia Mela, patron della prestigiosa azienda olearia ligure, ha ideato e organizzato una cena il cui intero ricavato andrà a favore della Onlus L’Abbraccio. Ai fornelli, nella suggestiva terrazza che dall'alto domina la storica capitale dell’olio italiana Imperia, gli chef Alberto Basso del Ristorante Trequarti di Val Liona e Emanuele Donalisio de Il Giardino del Gusto di Ventimiglia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo