Martedì 26 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

Aurum, il lusso è servito

Nuovi modi di comunicare. Non solo la bontà dell'olio extra vergine di oliva, ma anche l'esclusività e unicità nel presentarlo. Le sorelle marchigiane Gabriella ed Elisabetta Gabrielloni, dell'omonimo e celeberrimo frantoio a Recanati, si presentano in commercio con una lodevole iniziativa, dove è anche possibile, per quanti lo desiderano, avere un tocco di personalità ulteriore, con il nome del cliente serigrafato

Maria Carla Squeo

Aurum, il lusso è servito

Per anni le bottiglie di olio extra vergine di oliva sono state sempre bottiglie austere, poi, pian piano, la svolta, lenta ma progressiva, tanto da approdare perfino nell’ambito del segmento del lusso, proprio come per l’alta moda. Ne è esempio, una bottiglia delle celebri sorelle Gabrielloni, di Recanati: Aurum, con l’anello, e Aurum Mignola, che si presenta invece avvolta da una foglia.

Nel primo caso un collare di foglie d’olivo, forgiato a mano, in argento 925 e bagnato in oro per elettrodeposizione, abbraccia il collo della bottiglia. Lo stesso bagno in oro viene anche effettuato sul marchio Aurum. Non ci si ferma qui: nel collare si trovano incastonate delle pietre d’onice, nere, a rappresentare l’oliva. Nulla va sprecato: il collare, tolto dal collo della bottiglia, diviene un originale anello, facilmente adattabile a qualsiasi tipo di falange, in quanto regolabile.

C’è la massima cura nella confezione studiata in ogni minimo particolare da Gabriella ed Elisabetta Gabrielloni: ogni bottiglia è numerata, in un cartellino dove oltre viene riportata l’etichetta. Il particolare che salta subito alla vista è anche il nome Gabrielloni, serigrafato sotto il marchio Aurum, unitamente alla specifica merceologica olio extra vergine di oliva. Per quanti desiderano un tocco di personalità, è possibile su richiesta serigrafare anche il nome del cliente. La bottiglia viene custodita in un cofanetto in tessuto. L’olio contenuto nella bottiglia è il celebre “Laudato”, un blend di oli da olive Frantoio e Leccino, insieme a Coroncina, Orbetana, Piantone di Mogliano, Ascolana Dura e Tenera ed altre varietà.

Stessa cura dei particolari per "Aurum Mignola”. Qui, tuttavia, è una fogliolina di olivo ad abbracciare il collo della bottiglia, e si tratta di una vera foglia di olivo, della varietà Mignola. Ogni foglia viene disidratata e bagnata in oro per elettrodeposizione. Nel margine, tra l’altro, ha uno Swarovski. La foglia è legata a un cordino in alcantara, che diviene a sua volta un ciondolo. Tutto il resto è uguale alla prima bottiglia, con le medesime cure dei particolari. Cambia solo l’olio, ricavato da una cultivar delle Marche.

Entrambe le bottiglie contengono 100 ml di olio extra vergine di oliva. I prezzi al pubblico delle due bottiglie? Rispettivamente 70 e 56 euro.

Maria Carla Squeo - 29-08-2017 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le olive da tavola a marchio Carapelli

Le olive da tavola a marchio Carapelli

Novità di prodotto. E ora non soltanto l’olio, anche il frutto dell’oliva destinato al consumo tal quale. In diverse soluzioni e varianti. In vaso in vetro, con tre varietà: Leccino, Peranzana e Taggiasca; e in busta stand up per uno snack comodo da provare in ogni occasione, anche fuori casa

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria