Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

Dove sono finiti i claims?

Tutti dicono “fa bene, fa bene, prendi l’olio extra vergine di oliva che è tutta salute”. Sì, e poi? Poi niente. Nonostante l’Efsa si sia espressa favorevolmente, le indicazioni in etichetta non compaiono, di fatto, sulle bottiglie presenti sugli scaffali dei punti vendita. Una incredibile occasione persa

Maria Carla Squeo

Dove sono finiti i claims?

Tutti sono al corrente, almeno si spera, ma nessuno si è preoccupato di comunicare ciò che sarebbe bene comunicare: quel quid in più che rende gli oli da olive i grassi migliori per la nostra salute. Che sbadataggine!

Eppure l’Autorita europea per la sicurezza alimentare, l’Efsa, appunto, l’European Food Safety Autorithy, nel 2011 si era espressa favorevolmente, circa la possibilita di riportare, in etichetta il ricorso a claim che ne mettano in evidenza le proprieta nutrizionali e salutistiche in senso stretto.

Quanto all’olio extra vergine di oliva, sono stati approvati tre messaggi in particolare. Chiari, semplici, inequivoci. Claim che sono consentiti, autorizzati.

Risultati? Nessuno. Basta scorrere le etichette poste sugli scaffali dei punti vendita e non si legge nulla di tutto ciò. Eppure, come tutti sanno, tali messaggi sono stati approvati da parte di un apposito Comitato tecnico-scientifico, e l’Efsa, peraltro, ha sede a Parma, è a casa nostra.

Vale la pena ricordare a chi ha dimenticato: ai sensi del Reg. Ce 1924, del 20 dicembre 2006, è possibile riportare in etichetta le seguenti voci:

“L’olio extra vergine di oliva è un alimento ricco di vitamina E, che protegge le cellule del
corpo dal danno ossidativo”.

Va precisato, tuttavia, che la presenza della vitamina E, affinchè possa essere riportata in etichetta, dovrà essere presente per almeno 3 mg, da comprovare con un’analisi da effettuare sul campione confezionato.

“La sostituzione dei grassi saturi con grassi monoinsaturi e polinsaturi contenuti nell’olio
extra vergine di oliva può aiutare a mantenere i normali livelli di colesterolo LDL nel sangue”.

Va precisato che tale messaggio si riferisce alla ordinaria composizione in acidi grassi dell’olio da olive. Di conseguenza, non è richiesta alcuna analisi specifica, anche perché la normativa in materia sancisce i livelli minimi e massimi dei diversi acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi presenti negli oli da olive.

“I polifenoli dell’olio extra vergine di oliva possono evitare lo stress ossidativo”

Oppure: “hanno effetti antiossidanti”

Oppure: “migliorano il metabolismo dei grassi”

Oppure: “proteggono la frazione LDL dal danno ossidativo”

Tali messaggi ovviamente esaltano il ruolo della vasta famiglia dei biofenoli. Tali composti, tra l’altro, costituiscono un insieme eterogeneo di sostanze organiche di origine vegetale che si contraddistinguono per essere molecole non sintetizzabili dall’organismo umano, e che, pur non essendo indispensabili, esercitano importanti e numerose funzioni biologiche ad attività antiossidante, stimolando il sistema immunitario.
Non solo: i biofenoli contribuiscono a loro volta a preservare la qualita stessa dell’olio, proprio in ragione dell’attivita antiossidante nei confronti dei grassi.
Attenzione, però: nel caso specifico dei biofenoli, questi possono essere riportati in etichetta solo se garantito un contenuto minimo specifico tale da generare un consumo giornaliero di 5 mg di idrossitirosolo.

Tutto chiaro fin qui? Bene. Allora perché non vi è traccia di questi claim nelle etichette degli oli extra vergini di oliva?

Maria Carla Squeo - 10-03-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

augusto antonelli franceschini

12:23 | 12 ottobre 2015

Buongiorno,
ho provato a mettere in etichetta la scritta "I polifenoli dell' olio extravergine di oliva hanno effetti antiossidanti" ma ho rinunciato per i problemi e complicazioni che mi sono stati posti da repressione frodi ed organismo di controllo (produco in biologico) citando anche il reg. UE 432/2012 che essendo posteriore a quello da Lei menzionato dovrebbe prevalere.
Mi può chiarire la situazione?
Grazie
Augusto Antonelli Franceschini

antonio iannacci

08:40 | 03 aprile 2015

Salve, considerando che la quantità di polifenoli e delle altre componenti minori varia col passare del tempo, per usare i claims in etichetta bisognerebbe ripetere le analisi prima di imbottigliare ogni lotto?

Grazie

antonio iannacci

09:46 | 13 marzo 2015

Salve, i claims devono comparire in una parte precisa dell'etichetta? Inoltre, l'altezza deve essere sempre di 1,2 mm?
Grazie

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo