Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

Il successo dell’Oil Bar

L’ho ideato io, introducendolo nelle manifestazioni fieristiche e in altri eventi pubblici. E’ uno strumento di comunicazione semplice e immediato, molto funzionale ed efficace. Dal Simei a Olio Capitale, da Olio Officina Food Festival a ogni angolo del mondo

Luigi Caricato

Il successo dell’Oil Bar

L’Oil Bar l’ho ideato io, concependolo come uno strumento di comunicazione semplice e immediato. Infatti viene apprezzato subito da chi si avvicina alle bottiglie d’olio con curiosità e interesse.

Ho immaginato tale strumento pensando in particolare a un pubblico che non conosce bene gli oli ricavati alle olive e che li consuma soprattutto per abitudine. Ma anche a un pubblico che li conosce bene ma che vuole approfondirne la conoscenza. Tutti in fondo hanno bisogno di verificare il profilo sensoriale di un olio, valutarne la qualità e le peculiarità. I consumi d’olio da olive d’altra parte crescono e si estendono verso nuovi Paesi, anche in quelli che poco prima non conoscevano neppure tale prodotto. Il fatto che i consumi crescano e si diffondano non significa che tutti abbiano la capacità di individuare la vera qualità, quella oggettiva di un olio.

Proprio per questo occorre metterci sempre il naso, e provare direttamente, verificando magari con il supporto di assaggiatori esperti, collocati dietro al bancone dell’Oil Bar, soprattutto se non si è del tutto sicuri o si vuole comunque avere un confronto. Ho pensato così di proporre tale strumento operativo nelle fiere, perché mi sembra uno strumento molto funzionale ed efficace.

Ho ideato l’Oil Bar esattamente quando mi hanno chiesto una consulenza in una nota manifestazione fieristica italiana, il Simei di Milano. Poi, dopo il grande successo ottenuto, ho trasferito tal quale l’Oil Bar in un’altra nota fiera a Trieste, Olio Capitale. Ed è stato un altro grande successo. Ora vedo spuntare Oil Bar dappertutto e questo mi gratifica, è segno che ho visto giusto.

Non ho voluto brevettare tale formula, anche perché a mio parere deve essere uno strumento di tutti, da condividere e perfezionare. Non è un caso che ho pensato all’Oil Bar come a un luogo di confronto e di dialettica, in cui si annusano i vari oli e si degustano nel bicchiere, per provarli con calma, senza fretta.

Oil Bar
L'Oil Bar al SimeiL'Oil Bar al SimeiL'Oil Bar a Olio CapitaleL'Oil Bar a Olio CapitaleL'Oil Bar a Olio Officina Food FestivalL'Oil Bar a Olio Officina Food FestivalL'Oil Bar a Olio Officina Food FestivalL'Oil Bar a Olio Officina Food FestivalL'Oil Bar Leonardo in IndiaL'Oil Bar Leonardo in IndiaL'Oil Bar Leonardo in IndiaL'Oil Bar in una manifestazione fieristica a BarcellonaL'Oil Bar a Dignano, in IstriaL'Oil Bar a Dignano, in IstriaL'Oil Bar a Dignano, in Istria

L’intento è di far provare gli oli a chi visita una fiera come pubblico, siano essi operatori del settore o semplici consumatori. Mettere tutti gli oli a disposizione nei vari stands usufruibili anche nell’Oil Bar, equivale a consentire, a chi si accosta davanti all’Oil Bar, di avere un approccio personale e libero, senza che vi sia il produttore dell’olio a sollecitare un riscontro o a condizionarlo.
In tal modo è stato possibile far soddisfare ogni curiosità, con la dovuta calma e riflessione, per poi far avere in secondo momento, dopo aver preso nota dei vari oli degustati, un momento di dialogo costruttivo con il produttore, incontrandolo di persona e approfondendo l’olio degustato.

In questo modo, tutto diventa più semplice, e anche se non vi è alcuna intenzione di acquistare un olio, si torna comunque a casa più sapienti, dopo una fiera, con una visione più ampia e documentata. Ed è proprio per questo, in fondo, che oggi ovunque, in diversi Paesi, viene utilizzato l’Oil Bar.

A Milano, a Olio Officina Food Festival, grazie all’Onaoo, l’Organizzazione degli assaggiatori di olio di oliva, l’Oil Bar è stato ripensato e attualizzato, rendendolo uno strumento più interattivo e tecnologico. Ora, il compito degli esperti è di perfezionare tale strumento, rendendolo uno strumento strategico di marketing e comunicazione. Non c’è altra via che il sapere per giungere a una scelta degli oli saggia e qualificata.

Luigi Caricato - 02-03-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora