Martedì 26 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

L’Oro dei Martelli

 I concept della quinta edizione del Premio Le Forme dell’Olio. Proseguiamo la nostra rassegna con l’azienda agricola di Marta Martelli e l’art direction di Francesco Schinaia. I criteri alla base del progetto di packaging sono gli elementi che racchiudono preziosità, eleganza, riconoscibilità e riproducibilità in piccoli quantitativi. Si tratta di una piccola impresa che non ha voluto rinunciare alla cura e valorizzazione del proprio prodotto e identità, seppur con limitate risorse (4. continua)

 

OO M

L’Oro dei Martelli

Anche questa settimana proseguiamo il nostro percorso di valorizzazione delle varie aziende partecipanti al concorso Le Forme dell’Olio, giunto alla sua quinta edizione, presentandovi i concept  di quelle che si sono contraddistinte per originalità.

A breve sarà possibile partecipare alla sesta edizione, ma nel frattempo scopriamo quanto è avvenuto. Così, dopo alcuni mesi dalla premiazione, avvenuta nel corso di Olio Officina Festival, lo scorso 2 febbraio 2018, riprendiamo le presentazioni questa volta con l’Oro dei Martelli, dell’Azienda Agricola Marta Martelli

 

MENZIONI D’ONORE CATEGORIA OLI DA SCAFFALE

L’Oro dei Martelli, dell’Azienda Agricola Marta Martelli, San Baronto (Pistoia), Italia

L’art direction è stata affidata a Francesco Schinaia e sono preziosità, eleganza, riconoscibilità e riproducibilità in piccoli quantitativi. Son queste le richieste per il packaging de l’Oro dei Martelli da parte di una piccola azienda agricola che non rinuncia alla cura e valorizzazione del proprio prodotto ed identità, seppur con limitate risorse.

Il percorso parte dal naming e marchio: l’Oro dei Martelli – si legge nella nota di presentazione del concept - vuol richiamare la preziosità dell’Olio Evo, ma, soprattutto,  rappresentare la preziosità del rapporto tra le persone che, con passione e dedizione, concorrono alla sua produzione.

Da qui la scelta di un packaging scuro che permetta di preservare il prodotto alla luce e al contempo di comunicarne la preziosità. Attraverso la scelta di un supporto cartaceo finemente perlato, nascosto in gran parte dal fondo scuro sovrastampato, si mette in risalto il disegno circolare dorato rappresentativo della rotazione della mola in pietra utilizzata in origine per la frangitura. La scelta di caratteri graziati richiama la storia della tenuta Martelli attribuendo valori di eleganza e classicità.

La confezione nel suo insieme prevede l’utilizzo di una bottiglia preesistente classificata come “etrusca” in richiamo della Toscanità.

La forma dell’etichetta è trapezoidale verso il basso per correggere l’effetto visivo dato dal maggiore diametro della spalla della bottiglia rispetto alla base, conferendo fierezza e stabilità visiva.

La tecnica di riproduzione dei soggetti, per motivi legati ai volumi di riproduzione e aggiornamento delle informazioni in funzione alle diverse normative, non si avvale di tecniche industriali ma di cura artigianale.

 

 

LEGGI ANCHE

Forme dell’olio 2018, i premiati

 

I CONCEPT

1. Riserva del Presidente, Coricelli

2. Quest’olio è Coltofranto, Morettini

3. C’è una Olivetta per te, Murgia Dei

 

 


La foto di apertura è di Gianfranco Maggio

OO M - 12-06-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le olive da tavola a marchio Carapelli

Le olive da tavola a marchio Carapelli

Novità di prodotto. E ora non soltanto l’olio, anche il frutto dell’oliva destinato al consumo tal quale. In diverse soluzioni e varianti. In vaso in vetro, con tre varietà: Leccino, Peranzana e Taggiasca; e in busta stand up per uno snack comodo da provare in ogni occasione, anche fuori casa

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria