19 Agosto 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

Le belle forme degli oli

Distinguersi grazie al packaging design per le aziende olearie è fondamentale. Data per scontata la qualità del contenuto, il packaging fa davvero la differenza. Gli aspetti dai quali non transigere sono idoneità funzionale dei materiali che compongono la confezione, design ergonomico, facilità di un reiterato utilizzo, creatività, equilibri e contrasti, immediatezza e completezza del messaggio. Ecco la testimonianza di un giovane giurato del concorso Le Forme dell'Olio

Francesco Di Donato

Le belle forme degli oli

Da sempre interessato alle regole sottese al comparto alimentare, mi sto specializzando in legislazione internazionale, con particolare attenzione sui temi packaging, packaging design ed etichettatura. Un mondo vasto, complesso, estremamente tecnico ed in continua evoluzione, strettamente correlato alla moderna economia alimentare.

Il 14 dicembre 2017, chiamato per la prima volta a far parte della giuria del concorso internazionale "Le Forme dell'Olio", di Olio Officina, ero un po' intimidito, sia per l'importanza del ruolo assegnatomi, sia per il trovarmi in una giuria composta da grandi esperti. La sensazione è scomparsa all'inizio dei lavori: 68 schede, 68 confezioni da osservare, analizzare, commentare, discutere e valutare.
Data per scontata la qualità del contenuto, il packaging fa davvero la differenza.

Gli aspetti dai quali non transigere sono idoneità funzionale dei materiali che compongono la confezione, design ergonomico, facilità di un reiterato utilizzo, creatività, equilibri e contrasti, immediatezza e completezza del messaggio.
Per esprimere un giudizio il più possibile oggettivo sui prodotti in concorso mi sono imposto di non farmi trascinare dalla prima impressione e di valutare secondo i seguenti criteri: affinità tra packaging e contenuto, tecnica grafica, originalità dell'insieme.
Mi sono chiesto ogni volta quale fosse il messaggio trasmesso dalla confezione ed in particolare dalla sua etichetta in termini non soltanto verbali, ma anche di forme, colori, insieme della composizione, riflettendo sul messaggio che l'azienda sarebbe riuscita a trasmettere ad un consumatore di media avvedutezza interessato ad acquistare per sé o per un regalo.

Ho notato come in questo settore prevalga ancora la tradizione, nei materiali (bottiglie in vetro pesante ed etichette in carta impreziosite con oro o metallizzazioni a caldo), nei colori, nelle forme, nei font utilizzati per i testi.
La maggior parte delle informazioni importanti sono al centro dell'etichetta, i loghi sono belli, efficaci nel comunicare i valori dell'azienda ma talvolta difficili da ricordare, soprattutto per una generazione come la mia abituata ad una comunicazione rapida più basata sulle immagini che sulle parole.

Mi ha molto colpito, sia per l'originalità del progetto, sia per la sua versatilità anche in una prospettiva di acqusti on-line il multipack di Evoleum, Oliveclub.
La sorpresa derivante da un'unica confezione pentagonale, scomponibile in 5 astucci triangolari, ciascuno contenente due bottiglie da 50 ml di oli di diverse aziende, caratteristiche e provenienze.
Ho trovato altrettanto importante la presenza in etichetta non solo delle diciture obbligatorie, ma anche delle note di assaggio che educano il consumatore al gusto e lo indirizzano verso il miglior utilizzo dei singoli prodotti.

Le etichette applicate alle bottiglie sono pulite, semplici, distintive e complete.
Una bella idea sfociata, in un altrettanto ben riuscito progetto.
Mi ha particolarmente colpito la grafica delle etichette di Rea e Anfitrite di Pujje. Le due confezioni con stesso design, la prima nera e la seconda bianca, sono semplici ma di grande impatto, hanno linee morbide, essenziali e comunicano in modo chiaro le informazioni necessarie.
Sono entrambe caratterizzate dalla grande scritta centrale “Pujje”, nella prima bianca e nell’altra nera, dove le lettere del dittongo“jj” si accendono di un oro opaco, con un prolungamento della prima j dopo il puntino verso l’alto fino all’inizio del collo della bottiglia: dal mio punto di vista a simboleggiare una goccia d’olio (oro) colante dal collo. Le diciture di legge sono riportate su un pendaglio fissato con un elegante nastrino nero ed il logo “jj” in ceralacca al collo dell'importante e robusta bottiglia.

Far parte del progetto Olio Officina e collaborare alla sua realizzazione è stata un’esperienza unica, piacevolmente interessante, onorevole oltre che formativa. Da questa ho intuito che sicuramente si può fare di più, ricercare ed innovare per migliore: studiare un tappo specifico per l’olio, ad esempio. Sono curioso di vedere come l’impegno delle aziende partecipanti porterà prodotti ancora più efficienti e a soluzioni vincenti.

 

 

In apertura una foto di Nicola Morabito che riprende una scena di Olio Officina Festival 2018, il giorno della consegna dei premi Le Forme dell'Olio

Francesco Di Donato - 06-02-2018 - Tutti i diritti riservati

Francesco Di Donato

Milanese, laureando in Scienze Giuridiche, ha 24 anni. Fondatore e direttore creativo di Zanza Brew srl, la beer firm che produce Amnesia Haze Beer e collaboratore del progetto iFoodQ

Sossio Giametta
L'INCURSIONE

SOSSIO GIAMETTA

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Gli oli

Gli oli "speciali" fanno crescere in Italia la Pietro Coricelli Spa

Il primo semestre si chiude con un fatturato di circa 63 milioni di euro e un aumento del 20% rispetto allo scorso anno. Una linea di successo, "Ethnos", che comprende Chia, Cocco, Argan, Avocado, Sesamo, Noce, Zucca, Canapa e Lino. Ma vi sono anche gli oli certificati Vegan OK, biologici e di sola spremitura, scelti dalle maggiori catene distributive italiane 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il progetto Dedicati

Innovare nel comparto olio da olive non è semplice, ma è proprio a partire dal mondo della ristorazione che si può dar luogo a una decisiva e significativa svolta al prodotto. Nostra intervista ad Anna Baccarani, Trade Marketing Manager di Olitalia, durante i lavori della prima edizione (28 maggio 2018) del Forum Olio & Ristorazione 

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese