Sabato 21 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite de La Alcarria

Speciale oli Dop spagnoli. Ci troviamo nella Comunità Autonoma di Castilla La Mancha. Qui si producono oli di un colore verde-limone abbastanza intenso caratterizzato da sapori fruttati e aromatici che conferiscono al palato la giusta piccantezza (Quinta puntata, continua)

OO M

Aceite de La Alcarria

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop Aceite de La Alcarria. Buona lettura.

 

L'Aceite de La Alcarria si riferisce all’olio extra vergine d’oliva compreso nella regione naturale di La Alcarria che comprende 95 comuni della provincia de la Guadalajara e 42 comuni della provincia di Cuenca, situati a nord-est della comunità autonoma di Castilla-La Mancha. È un olio extra vergine di oliva ottenuto da olive della varietà Castellana (Verdeja). 

Le prime testimonianze della produzione dell'Aceite de La Alcarria Dop risalgono al XIV secolo nell'opera “Historia Ecónomica de la Tierra” di Huete e in pubblico documento, datato 18 settembre 1431, della località dell'Alcarria Huete. Queste fonti forniscono importanti notizie sulla produzione dell'olio del tempo perché offrono dati sul numero di ettari dedicati all'olivicoltura e sul numero di frantoi presenti nella zona, dimostrando che anche con il passare del tempo questa attività si sia sempre più specializzata e diffusa.

La coltivazione delle olive avviene in terreni poveri, caratterizzato da elevate pendenza e ad alta concentrazione di carbonato di calcio. Il clima della zona di produzione, con estati molto calde e inverni rigidi, è responsabile di gran parte della selezione naturale delle olive: vengono usate per la produzione dell'olio solo quelle integre non ancora cadute dai rami.

Il trasporto si effettuata con rimorchi o con contenitori rigidi di capacità limitata per evitarne il deterioramento e le olive portate al frantoio vengono lavorate entro 24 ore dalla raccolta.

Il processo di estrazione viene realizzato mantenendo la temperatura massima di 27°C durante la fase di pressatura e di 35°C durante la centrifugazione della pasta. Dopo lo stoccaggio, l'olio imbottigliato viene conservato in depositi che gli consentono di non superare la temperatura interna di 25°C.

L'Aceite de La Alcarria è definito da un colore verde-limone più o meno intenso che dipende a seconda del momento della raccolta e del grado di maturità dell'oliva. Dal punto di vista organolettico, l'olio di questa varietà è fruttato ed aromatico, con un netto odore di foglia che mescolato a sapori di erba, di nocciola o di banana fa sì che in bocca risulti dal sapore piccante.

Inoltre, è un alimento che si conserva bene sino al momento del consumo, mantenendo intatta la freschezza ed il sapore se tenuto lontano da temperature elevate, dall'umidità e dalla luce. È opportuno, dopo l'apertura, conservare l'olio in ambienti freschi, preferibilmente ad una temperatura compresa fra 10°C e i 20°C, lontano da fonti di calore o da prodotti che emanano particolari odori. È inoltre importante non mescolare l'olio vecchio con quello di recente produzione, al fine di non alterare le sue qualità.

L'Aceite de La Alcarria Dop è un olio estremamente versatile, adatto ad impreziosire una grande varietà di pietanze. È ideale per le fritture, per le conserve e la preparazione di piatti precotti, grazie alla sua forte resistenza alle temperature molto elevate e all'ossigenazione. È un olio molto leggero tant'è che può essere raccomandato nelle diete a basso contenuto calorico.

 

La foto di apertura è di Olio Officina 

 

OO M - 03-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo