Sabato 21 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite de Mallorca

Speciale oli Dop spagnoli. Ci troviamo nell'arcipelago delle isole Baleari, nei comuni dell’isola di Maiorca. Qui si producono due espressioni diverse di oli: uno dalle note fruttate, ricco di aromi e dal gusto leggermente piccante e amaro; e un olio, invece, che si apre dolce, non particolarmente amaro e piccante e senza note fruttate (Quarta puntata, continua)

OO M

Aceite de Mallorca

 

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop de Mallorca. Buona lettura.

 

L'aceite de Mallorca si riferisce a un olio extra vergine di oliva nell'arcipelago delle isole Baleari, nei comuni dell’isola di Maiorca e viene ottenuto da olive Olea Europea L., della varietà Mallorquina o Empeltre, Arbequina e Picual.

La diffusione dell'olivo nella penisola iberica,secondo fonti storiche, viene attribuita ai fenici e i greci ed è quindi grazie a loro se poi è arrivata poi fino a Maiorca. Testimonianze storiche sulla produzione dell'Aceite de Mallorca Dop risalgono già al XIII secolo, durante il Regno di Aragona. Tradizionalmente l'olio di oliva elaborato a Maiorca è stato riconosciuto ed apprezzato sia dagli abitanti dell'isola che dagli abitanti delle località, come ad esempio il sud della Francia, con cui storicamente sono state intrattenute relazioni commerciali. Il secolo XVI ha segnato un importante salto di qualità sia in termini di coltivazione che di produzione di olio, diventato poi la principale fonte di ricchezza della zona.

In questo territorio gli uliveti si trovano principalmente in montagna e spesso sono organizzati in terrazze, soluzione che permette la coltivazione di terreni anche molto difficili da raggiungere e che consente un perfetto utilizzo dell'acqua pluviale riducendo notevolmente l'erosione del terreno. La raccolta avviene per mezzo della bacchiatura, della scuotitura o tramite la raccolta manuale. Successivamente le olive raccolte vengono trasportate con cura e immagazzinate per un periodo che non supererà le 48 ore a una temperatura inferiore dei 24°C. Dopo essere state lavate e mondate, le olive vengono sottoposte ai tradizionali procedimenti meccanici per l'estrazione dell'olio.

L’olio Dop de Mallorca si può distinguere in due varianti: da una parte un olio fruttato, ricco di aromi, mandorlato, e dal sapore piccante e amaro; e dall'altra un olio dolce per niente amaro, poco piccante e senza particolari aromi fruttati. Ciò avviene a seconda del periodo di raccolta delle olive.  Anche il colore degli oli può di conseguenza variare, andando dal giallo dorato dai riflessi verdi al giallo chairo, paglierino per gli oli ottenuti da olive mature. 

Come sappiamo, l'olio extra vergine di oliva è un alimento facilmente deperibile che necessita di una corretta conservazione per mantenere intatte le sue caratteristiche organolettiche quindi è opportuno conservarlo in ambienti freschi e al riparo dalla luce, a una temperatura compresa fra 14 e 18 °C, lontano da fonti di calore e da prodotti che emanino particolari odori.
È inoltre consigliabile consumarlo entro quattro - sei mesi dalla spremitura, per gustarlo nel periodo di massima espressione del suo sapore.

L'Aceite de Mallorca Dop può essere consumato a crudo o utilizzato nella preparazione di una molteplice varietà di piatti. È consigliabile utilizarlo per il condimento di ortaggi, verdure sia crude che cotte e come ingrediente chiave per la preparazione di tanti piatti a base di carne o di pesce. Come abbinamento, l'olio più intenso si abbina meglio con piatti più saporiti, zuppe di legumi, carne alla griglia mentre l'olio più delicato si abbina molto bene con verdure a foglia tenera o in frittura, dal momento che per le sue caratteristiche organolettiche non copre i sapori.

 

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 19-08-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo