Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite del Bajo Aragón

Speciale oli Dop spagnoli. Ci troviamo nella Comunità Autonoma di Aragona. Qui si producono oli dall'aspetto limpido, di un colore giallo con sfumature che vanno dal giallo dorato al giallo ocra. Sono extra vergini caratterizzati da sapori vegetali, che al palato hanno un impatto morbido e rotondo, con percezioni che rimandano a un gusto di mandorla, con note piccanti che evolvono verso la sensazione di dolce (Ottava puntata, continua)

OO M

Aceite del Bajo Aragón

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop Aceite del Bajo Aragòn. Buona lettura.

 

 

L'Aceite del Bajo Aragón si riferisce all’ olio extra vergine di oliva compreso nel territorio sud-orientale della valle dell'Ebro, tra le province di Zaragoza e Teruel, ad ovest della Comunità Autonoma di Aragona.

È un olio ottenuto da olive di varietà Empeltre, in una percentuale minima dell'80% e Arbequina e Royal per il restante 20%.

È di origine antichissima l’inizio delle produzioni dell'aceite del Bajo Aragón. I primi uliveti sono stati piantati dai fenici mille anni a.C. La prima testimonianza è possibile attribuirla al poeta latino Rufo Alieno, risalente al IV secolo. 

La notorietà che il prodotto vanta oggi lo si deve alla sua area geografica: alla fine del XIX secolo, era divenuta un importante snodo commerciale. A partire dal XVIII secolo fino alla prima metà del XX, il prezzo dell'olio si è mantenuto il più alto tra tutti i mercati internazionali, è per questo che è considerato il settore più importante nella storia di Bajo Aragòn. 

Negli ultimi anni, purtroppo, la zona di produzione dell'olio ha risentito delle tendenze socioeconomiche: spopolamento, invecchiamento della popolazione e alta meccanizzazione di altre coltivazioni sono state le principali cause della sofferenza degli ultimi anni.

Tra novembre e fine marzo i mesi in cui avviene la raccolta del frutto. L'estrazione dell'olio secondo il disciplinare di produzione deve avvenire entro le 48 ore dalla raccolta delle olive, le quali successivamente verranno sottoposte a processi meccanici per l'estrazione, dopo essere state lavate. 

Il condizionamento dell’olio avviene in appositi contenitori prima del confezionamento e, in questa fase, l'olio perde parte degli aromi amari e acquisisce quelli dolci e gradevoli. 

L'aceite del Bajo Aragón certificato Dop è chiaro e limpido, di colore giallo, con sfumature di giallo che variano dal dorato all'ocra. Dopo la spremitura delle olive, il sapore degli oli è fruttato, ma diventa più dolce e delicato con il passare del tempo. L' aroma è mandorlato, leggermente piccante e tendente al dolce.

L'aceite del Bajo Aragón Dop è ottimo per la cucina mediterranea. Sarebbe meglio consumarlo a crudo, perché permette di gustare l'intera gamma di sapori che lo compongono. Si possono fare tanti abbinamenti gastronomici con quest'olio, ma per la sua delicatezza è preferibile utilizzarlo con verdure tenere e piatti freschi e semplici senza coprirne il sapore. È anche ideale per condire le prime pappe dei bambini.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 22-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo