Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite Gata-Hurdes

Speciale oli Dop spagnoli. Questa settimana ci spostiamo nella Comunità autonoma dell’Extremadura, nell’ovest della Spagna, in un areale nel quale si producono oli extra vergini di oliva delicati, dal colore che vira dal giallo oro a sfumature di toni verdi, con sentori fruttati vegetali e mandorlati, dalle note amare e piccanti tenui e armoniche (Quindicesima puntata, continua)

OO M

Aceite Gata-Hurdes

 

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop Gata-Hurdes. Buona lettura.

 

L’Aceite Gata-Hurdes rimanda all’olio extra vergine di oliva della zona ovest della Spagna, esattamente nella provincia di Cáceres, collocato nella Comunità autonoma dell'Extremadura. Si compone di 84 comuni situati a nord della provincia di Cáceres e comprende le regioni di Gata, Hurdes, Granadilla, Ambroz, Jerte e La Vera.

In questo territorio, gli ulivi si trovano in terreni rocciosi circondati da colline, tra i ripidi pendii di Gredos e la fossa del fiume Tiétar e il Parco Culturale della Sierra de Gata.

È un olio, quello certificato Dop, ottenuto dal frutto dell'olivo (Olea europea, L.), della varietà Manzanilla Cacereña, una varietà che produce olive dalla polpa finissima con piccoli noccioli. È un frutto di dimensioni medio-grandi di circa 3-4 grammi, sferico, leggermente asimmetrico e di colore scuro quando è maturo.

Anche se le informazioni storiche su questo olio non sono molte, è comunque accertata una storia antica. Nel corso di scavi archeologici sono venuti infatti alla luce reperti legati alla produzione dell'olio d'oliva, risalenti all'epoca romana, tanto che ancora oggi sul territorio è possibile trovare ulivi risalenti almeno al XVI secolo.

Il metodo di raccolta delle olive avviene ancora manualmente e per facilitare tale operazione, le piante sono mantenute basse.Le olive vengono raccolte direttamente dalla pianta e il loro trasporto avviene prestando ogni cura per la loro integrità e igiene, in modo da garantire un’alta qualità del prodotto. La spremitura deve avvenire entro le 12 ore dalla raccolta, e le olive devono essere frante, dopo esser state controllate nella loro integrità e opportunamente lavate. L'olio che si ottiene viene immagazzinato identificandolo per una sua coerente tracciabilità, tenendo sempre conto che siano presenti nell’olio tutti i requisiti sanitari e osservati tutti i punti riportati nel disciplinare di produzione. Non meno importante è il controllo della qualità effettuato anche all'atto del confezionamento.

 

Questo olio a marchio Dop Gata-Hurdes si contraddistingue per la sua alta fluidità, e, a seconda della maturazione del frutto, il suo colore può variare dal giallo oro al giallo con sfumature dai toni sul verde. Il suo sapore è contraddistinto da aromi fruttati vegetali, una buona sapidità e note amare e piccanti tenui e armoniche, toni mandorlati.

Per quanto concerne l’impiego, è versatile. L’olio Gata-Hurdes Dop può essere consumato a crudo, quanto in cottura, ed esprime il giusto equilibrato di aromi e sapori a ogni pietanza. Il suo impiego ideale è con piatti a base di verdure, sia crudi sia cotte, ma è ben congegnato anche su piatti a base di carne o pesce, e, proprio in ragione della sua delicatezza è particolarmente adatto in frittura, avendo il pregio di non coprire i sapori di altri alimenti. Inoltre, è un olio di grande potere antiossidante, indicato nei problemi digestivi o per eliminare il colesterolo.

 

La foto di apertura e quella interna sono della Diputación de Cáceres - Area de Deasarollo y Turismo sostenible

OO M - 11-11-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Buoni Dentro

Buoni Dentro

Ovvero, il laboratorio che produce valore. Un progetto che insegna un mestiere ai ragazzi dell’Ipm Beccaria e una buona idea per un regalo utile, solidale e gustoso da mettere sulle nostre tavole natalizie > Ilaria Santomanco

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora