26 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite Priego de Cordoba

Speciale oli Dop spagnoli.  Anche questa settimana restiamo nella Comunità autonoma dell’Andalusia, nel sud-est della provincia di Cordoba, all'interno dei Monti Subbetici, areale in cui si producono extra vergini caratterizzati daun colore verde intenso fruttati, con sfumature erbacee che richiamano la mela e il pomodoro. Hanno un impatto dolce e si aprono gradualmente a note amare piacevoli, per chiudere con gradevoli punte di piccante (Ventunesima puntata, continua)

 

OO M

Aceite Priego de Cordoba

 

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop Priego de Cordoba.

 

La Dop Priego de Cordoba rimanda all’olio extra vergine di oliva prodottonel sud-est della provincia di Cordoba, all'interno della Sierra Subbetica, una zona di produzione compresa nei comuni di Almedinilla, Carcabuey, Fuente Tójar e Priego de Córdoba.

All’interno del Parco Naturale della Sierra Subbética, si trovano uliveti centenari popolarmente noti come "oliveti di Sierra", con tronchi robusti, che hanno resistito allo scorrere del tempo.

I terreni sono in pendenza e grazie all’instancabile lavoro di agricoltori, trasformatori e commercianti questo areale di produzione è riuscito nell’intento di posizionare l'olio extra vergine di oliva della Denominazione di origine protetta Priego de Córdoba quale uno dei più premiati e riconosciuti extra vergini a livello mondiale.

Gli oli della Dop Priego de Cordoba sono ottenuti principalmente dalle varietà Picuda, Hojiblanca e Picual, ed esattamenteper il 60%  Picuda, il 20% Hojiblanca e il 20% Picual.  

La storia dell’areale produttivo vanta una lunga presenza attiva, sin dalle popolazioni ispano-romano, dal momento che al centro delle attività economiche vi era l’agricoltura, e in particolare la coltivazione degli olivi. Tante le testimonianze del passato, tra cui i vari reperti archeologici, con manufatti in pietra utilizzati per la frangitura delle olive, alcuni di essi risalenti perfino al II secolo d. C.

Tra i tanti documenti disponibili, se ne segnalano diversi risalenti al 1700, dove si fa riferimento alla grande quantità di olio prodotto nella zona dal Marchese di Priego, su ordine del Re.

Come si sa, la storia è fatta di fasi alterne e nel corso dei secoli resta comunque sempre un solido punto di riferimento la coltivazione degli olivi, e oggi, a testimonianza di un popolo tenace, la coltura degli olivi è sensibilmente cresciuta lentamente, occupando la quasi totalità della superficie coltivabile della zona di produzione dell'olio extra vergine di oliva Priego de Córdoba, tra le più prestigiose Dop al mondo.

Gli oli extra vergini di oliva certificati a marchio Dop sono di color verde intenso, piacevolmente fruttati, con sfumature erbacee, che rievocano aromi di frutta come mela e banana verde, oltre che note vegetali e richiami a ortaggi come pomodoro e carciofo. In bocca, al palato, hanno buona fluidità e un impatto iniziale dolce, per poi aprirsi a note amare e piccanti ben dosate e piacevoli, progressive. 

Sono oli ideali da utilizzare a crudo, quale condimento con piatti a base di carne e pesceo come ingrediente nelle salse. Sono oli però versatili, adatti per usi in cottura e anche perfetti per friggere, poiché resistono alle alte temperature senza degradarsi.

 

 La foto di apertura è tratta dal sito del Consorzio di tutela della Dop Priego de Cordoba

OO M - 23-12-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

A Montefalco si prepara l’”Anteprima Sagrantino” con le varie degustazioni tecniche. A febbraio l’evento organizzato dal Consorzio Vini > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo