Giovedì 19 Luglio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Gli ftalati negli oli

Li conosciamo per davvero? Le aziende sono realmente informate sui rischi? Queste sostanze di sintesi possono effettivamente migrare dai materiali plastici fino a entrare negli oli, con le serie conseguenze che ne derivano. Le imprese possono prendere le dovute precauzioni, avvalendosi di un metodo di analisi accreditato per oli e grassi

Chemiservice

Gli ftalati negli oli


Inizia a partire da questo articolo, la collaborazione con Chemiservice, il più prestigioso laboratorio di analisi internazionale che si dedichi agli oli da olive, laboratorio che tuttavia estende la propria attività su più fronti, non limitandola solo all'analitica dei grassi. Chi vuole conoscere l'impegno di questa azienda fondata da Giorgio Cardone, può cliccare QUI.

GLI FTALATI NEGLI OLI, DA ALLARME A RISCHIO EFFETTIVO

Gli Ftalati costituiscono un gruppo di sostanze di sintesi utilizzate nel processo di produzione di materiali plastici e vinilici per ammorbidirli ed aumentarne la flessibilità. Proprio a causa della loro presenza non costitutiva all'interno dei materiali ed a causa della loro elevata lipofilicità, possono facilmente migrare dai materiali plastici ai prodotti alimentari. Il problema della migrazione dunque riguarda anche le olive e gli oli con cui venissero a contatto nel processo di produzione e raffinazione, nonché durante la conservazione.

La stessa criticità riguarda altresì le bevande alcoliche la cui contaminazione può̀ essere causata dall’impiego di materie prime inquinate, dall’uso di bacini di stoccaggio rivestiti internamente con materiali polimerici addizionati di plastificanti, dall’uso di tubi flessibili per la cui fabbricazione sono stati utilizzati ftalati e di contenitori plastici in genere. In questo tipo di matrici è la gradazione alcolica a svolgere un ruolo importante sulla migrazione degli ftalati dal materiale inquinante alla bevanda. Ad elevate gradazioni alcoliche aumenta la solubilità̀ degli ftalati, insolubili in soluzioni acquose.

La loro presenza ed in particolare il tenore degli stessi nei prodotti alimentari è fonte già da tempo di preoccupazione sotto il profilo della sicurezza alimentare a causa degli effetti dannosi sulla salute umana. Essi infatti si sono rivelati in grado di perturbare il sistema endocrino con possibili conseguenze a carico della riproduzione e di altri organi come fegato e reni.

Ad oggi i soli Regolamenti Europei che si occupano di questo tema (Regolamento CE n° 1935/2004 e Regolamento UE n° 10/2011) fissano limiti al loro tenore nelle plastiche destinate al contatto con alimenti, ma non ci sono disposizioni né limiti espressamente previsti per il contenuto di ftalati nei prodotti alimentari.

Ciò rappresenta un vuoto normativo che il legislatore ha senza dubbio percepito come necessario da colmare in tempi brevi. In questo contesto pensiamo possa essere collocata la Decisione di Esecuzione (UE) 2017/1210 del 04/07/2017 relativa all'identificazione del bis(2-etilesil)-ftalato (DEHP), del dibutil-ftalato (DBP), del benzil-butil-ftalato (BBP) e del diisobutil-ftalato (DIBP) che stabilisce l'inserimento di queste sostanze nella categoria delle sostanze con "livello di preoccupazione equivalente con probabilità di effetti gravi per la salute umana".

Tale documento non prevede ancora dei limiti al contenuto di ftalati nei prodotti finiti, ma suggerisce che l’individuazione degli stessi, rappresentando una preoccupazione formale, è prossima.

Le imprese dell’agroalimentare vengono sensibilizzate ad un monitoraggio dei propri processi produttivi allo scopo di individuare eventuali fasi critiche che possano favorire indesiderati fenomeni di migrazione perché possano essere eliminati o ridimensionati nonché ad effettuare un controllo dei prodotti finiti per verificare l’efficacia delle predette azioni e la conformità ai limiti che dovessero essere stabiliti.

Anche nell’attuale assenza di limiti legali, si rivela utile e prudente avviare una valutazione delle condizioni del proprio prodotto sotto il profilo del tenore di ftalati.

Il nostro Laboratorio esegue l’analisi degli ftalati ormai da diversi anni, avvalendosi di un metodo di analisi accreditato per oli e grassi e vantando una consolidata esperienza anche su matrici alimentari diverse.

Vi invitiamo a visitare il nostro sito (CLICCARE QUI) per maggiori informazioni e a non esitare a contattarci in caso di necessità di un supporto tecnico legale.

Chemiservice - 10-10-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Sono Matteo Grandi, chef e patron del ristorante De Gusto Cuisine (San Bonifacio, in provincia di Verona), Claudio Sadler, chef e patron del Ristorante Sadler (Milano) e Antonello Sardi, chef del ristorante La Bottega del Buon Caffè (Firenze) i tre finalisti della seconda edizione del Premio Laudemio, rispettivamente nelle categorie “secondo piatto”, “primo piatto” e “antipasto”

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è elemento cardine

In cucina non si può prescindere dalla scelta di un ottimo olio extra vergine di oliva. Il principio ispiratore deve essere riconducibile al territorio: gli oli del territorio con gli alimenti del territorio. Nostra intervista allo chef Vincenzo Butticè, del Ristorante “Il Moro” di Monza, nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese