Venerdì 17 Agosto 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Il blend è proprio necessario?

Proseguiamo la nostra inchiesta sul blending, riportando le considerazioni degli addetti ai lavori. Questa settimana vi presentiamo i punti di vista di Giulio di Groppello, della Tenuta di Carma, di Valter Cestini, de L’Olivaio, e di Andrea Battaglini, dell’azienda agricola e del frantoio omonimi. E voi, cosa ne pensate? (3. continua)

OO M

Il blend è proprio necessario?

Per chi voglia approfondire il tema, è sufficiente leggere il numero 5 di OOF International Magazine, la rivista trimestrale in edizione cartacea, bilingue italiano/inglese, appena edita da Olio Officina. Per chi voglia abbonarsi, è sufficiente cliccare QUI.

Sul web, in Olio Officina Magazine, riportiamo invece alcune delle tante risposte che abbiamo ricevuto su nostra sollecitazione, ringraziando quanti hanno voluto esprimere il proprio parere.

Non ci soffermiamo sulle risposte, entrando nel dettaglio e commentandole, almeno non ora. Preferiamo farlo – ed è giusto in realtà farlo - al termine di questo viaggio alla scoperta del blend. 

Per quanti vogliamo veramente acquisire tale consolidata pratica del settore, il nostro consiglio è di leggere l’intero numero monografico, appena uscito, il numero 5 dell’estate 2018, i cui strilli di copertina riportano il seguente richiamo: Arte e scienza del blending. Extra vergini a misura di mercato.

Intanto, buona lettura.

 

L’INCHIESTA

 

DOVENDO SPIEGARE AI NON ADDETTI AI LAVORI COS’E’ IL BLENDING, COME LO DEFINIREBBE?

Giulio di Groppello TENUTA di CARMA: Il blending è l’arte della ricerca dell’equilibrio e dell’armonia. Nell’olio è una arte particolarmente complicata. perché non si può intervenire a posteriorisul prodotto; al contrario del vino, che è molto più malleabile. Le olive possono essere raccolte a diversi gradi di maturazione, le tipologie sono anche diverse.La nostra esperienza è quella di lavorare su partite omogenee e controllate, e solo alla fine del raccolto, per ogni prodotto, cerchiamo il miglior equilibrio possibile,ovvero cerchiamo di eliminare le note stonate per restituire un prodotto armonico, sia nel gusto che ne profumo. Ogni anno l’olio è diverso, e l’equilibrio non si misura meccanicamente, ma l’esperienza, in questi casi, è un fattore determinante.

Valter Cestini, L’Olivaio – Frantoio Oleario: Il blend è la miscela tra due o più oli ottenuti da monocultivar.

Andrea Battaglini, Azienda Agricola e Frantoio Battaglini:  Definirei il blend come l'armonizzazione dei gusti dei vari oli derivanti da olive diverse al fine di creare l'olio giusto per ogni gusto.

 

UNA DOMANDA SECCA: PERCHE’ IL BLENDING E’ NECESSARIO? LO E’ PER DAVVERO? 

Giulio di Groppello TENUTA di CARMA: Il blending è indispensabile, ma è solo l’ultimo anello di un processo più complesso che riguarda la sostenibilità del processo di produzione, la protezione e la cura delle piante, la raccolta per tipologia, la molitura controllata con impianti all’avanguardia, la conservazione sotto azoto delle partite. Un lavoro che dura un anno intero e che può essere rovinato da scelte sbagliate nella fase di miscelazione. L’olio, come il vino, deve rispettare il terroir e la differenza delle stagioni. Se un olio extra vergine di oliva è ogni anno uguale vuol dire che è un prodotto di laboratorio e non della terra. Una miscelazione sbagliata ha effetti sul prodotto, ma anche sulla durata organolettica dello stesso.

Valter Cestini, L’Olivaio – Frantoio Oleario: Il blend non è necessario, però serve per avere un prodotto equilibrato e abbastanza costante nel tempo, e contraddistingue l’azienda stessa che lo produce.

Andrea Battaglini, Azienda Agricola e Frantoio Battaglini: Penso che il blending sia necessario per venire incontro ai gusti del consumatore medio, che non necessariamente riesce ad apprezzare, per scarsa cultura dell'olio Evo e del cibo in generale, le caratteristiche dell'olio monovarietale e dell'olio di qualità in genere. Si sono fatti molti passi avanti in questi anni, per diffondere la conoscenza sull'olio Evo, ma il mercato è ancora dominato da altri tipi di olio.

 

LEGGI ANCHE

Zefferino Monini, Cos’è davvero il blending

Giovanni Zucchi, Cosa significa fare blending?

Luigi Caricato, L’aspetto gnoseologico del blending

 

La foto di apertura è di Olio Officina

 

OO M - 07-08-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Sossio Giametta
L'INCURSIONE

SOSSIO GIAMETTA

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Gli oli

Gli oli "speciali" fanno crescere in Italia la Pietro Coricelli Spa

Il primo semestre si chiude con un fatturato di circa 63 milioni di euro e un aumento del 20% rispetto allo scorso anno. Una linea di successo, "Ethnos", che comprende Chia, Cocco, Argan, Avocado, Sesamo, Noce, Zucca, Canapa e Lino. Ma vi sono anche gli oli certificati Vegan OK, biologici e di sola spremitura, scelti dalle maggiori catene distributive italiane 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il progetto Dedicati

Innovare nel comparto olio da olive non è semplice, ma è proprio a partire dal mondo della ristorazione che si può dar luogo a una decisiva e significativa svolta al prodotto. Nostra intervista ad Anna Baccarani, Trade Marketing Manager di Olitalia, durante i lavori della prima edizione (28 maggio 2018) del Forum Olio & Ristorazione 

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese