Martedì 26 Luglio 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olivo

La Xylella avanza

Un panorama da apocalisse. In un documento fotografico, il vero quadro della realtà, frutto in un sopralluogo effettuato il 3 febbraio nelle campagne di Surbo, in provincia di Lecce. Alla solita domanda “Dotto’, novità?”, la solita risposta “Speriamo presto”. Nonostante insulti, minacce, violenti attacchi e autorevoli intimidazioni, si continua a studiare il fenomeno

Pierfederico La Notte

La Xylella avanza

Sveglia alle cinque, partenza per Surbo, destinazione quattro oliveti: rispettivamente, uno diserbato, uno arato, uno in biologico, ed uno praticamente allo stato naturale. Ahimè, tutti nelle stesse condizioni.

Non venivo da un paio d’anni negli oliveti di questa zona, a quasi 50 km dall’epicentro di Gallipoli. La situazione è praticamente analoga, un panorama da apocalisse.

Nonostante insulti, minacce, discredito, violenti attacchi vendicativi e autorevoli intimidazioni, si continua a studiare il fenomeno xylella e la sua epidemiologia per cercare un rimedio. Mi chiedo chi diavolo ce lo faccia fare.

Incontro un ex imprenditore agricolo (con 15 ettari di oliveti) oggi operaio a giornata, intento con la moglie a tagliare legna da portar via. Gli stringo la mano, fredda e nodosa come i tronchi secchi eliminati dalle piante in agonia. Alla solita domanda “Dotto’, novità?”, la solita risposta “Speriamo presto”.
Sono comunque entrambi sorridenti, io proprio non ci riesco, mi viene da piangere.

Finiti i rilievi, nel triste viaggio di ritorno in macchina trovo la risposta: devo continuare a fare il mio lavoro, dare il mio piccolo contributo anche contro l’ignoranza e l’incoscienza di molti, anche in un Paese che “odia la scienza”, per amor di verità, per l’olivo e la mia amata terra.

Reportage fotografico di Pierfederico La Notte

 

 

 

Pierfederico La Notte - 05-02-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Pierfederico La Notte

E’ ricercatore presso l’Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Consiglio nazionale delle ricerche, unità di Bari.

ULTIMI
Alberto Guidorzi
L'INCURSIONE

ALBERTO GUIDORZI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L’olio Social, quello con la lettera “i” al rovescio

L’olio Social, quello con la lettera “i” al rovescio

E’ un olio da agricoltura biologica certificato Icea, da olive Rotondella e Leccino, prodotto dalla Cooperativa sociale Capovolti, una onlus con sede operativa in Campania, a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno. Proprio nel cuore dei Monti Picentini > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Girello di pesce sciabola

Girello di pesce sciabola

Poche ed essenziali indicazioni, nella ricetta di Antonio Vitale, chef all'Atletico Farina, di  Marina di Ragusa. L'olio extra vergine di oliva da utilizzare? Ovviamente siciliano, possibilmente ragusano: per esempio un monovarietale Tonda Iblea: e magari anche un Dop Monti Iblei. Perché no?

EXTRA MOENIA
Atletico Farina

Atletico Farina

A Marina di Ragusa vi è qualcosa di inedito e insolito: un concept originale che introduce una nuova idea di locale. Quando infatti il caffè incontrò un tempo il calcio, divenne per tutti "bar sport”; ma ora, quando il bar sport si è da poco trasformato in ristorante (ma anche pizzeria, american bar e piscina) non si può più chiamare "ristorante sport”. Vi pare? > Nicola Dal Falco

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

L'olfatto secondo il filosofo Sossio Giametta

Luigi Caricato incontra l'autore di volumi come Il bue squartato e altri macelli, L'oro prezioso dell'essere e Cortocircuiti e discorre intorno ai temi dei piaceri del buon cibo e dell'arte culinaria

BIBLIOTECA OLEARIA
Racconti a macchia d’olio

Racconti a macchia d’olio

E’ stata pubblicata fresca di stampa un’antologia di piccole storie quotidiane di cui sono autori gli stessi protagonisti della filiera. Le micro narrazioni fanno parte di un contest letterario organizzato dall’Università di Bari "Aldo Moro" e si sono concretizzate in un volume a cura di Maria Lisa Clodoveo e Maria Antonietta Colonna