17 Dicembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olivo

Troppa ignoranza

Il giornalismo affronta i temi agricoli senza conoscerli. Manca una conoscenza della materia, come dimostra un articolo di Marco Mangano apparso sul quotidiano "La Gazzetta del Mezzogiorno", in merito alla rovinosa gaffe di Coldiretti sugli olivi Arbequina coltivati in Puglia.  Siamo a livello di veder falsata la realtà perchè se facessimo autarchia, come auspica la nota lobby agricola, ci sarebbero metà di italiani che mangia e metà che non mangia

Alberto Guidorzi

Troppa ignoranza

Come si fa a dire che una varietà di una specie vegetale creata in un ambiente, se poi è coltivata in un ambiente diverso (e vi si adatta), conserva le caratteristiche del primo ambiente? Qui siamo alla ignoranza pura e semplice, perchè contraddice con la storia della vita sulla terra.

Tuttavia se rimaniamo in ambito di specialità alimentari, allora il giornalista della "Gazzetta del Mezzogiorno" mi dovrebbe fare un articolo simile per tutto il vino italiano che viene fatto con Cabernet, Merlot, Pinot grigio e nero, Chardonnay, Sauvignon; e poi un articolo per il latte perchè prodotto quasi tutto da pezzata nera olandese; le patate quasi tutte prodotte da varietà francesi, olandesi e danesi; le mele le cui varietà o sono USA o sono francesi ecc. ecc; le pere idem; la soia idem con patate... e se volete posso continuare all'infinito.

Qui siamo a livello di veder falsata la realtà perchè se facessimo autarchia, come auspica la Coldiretti, ci sarebbero metà di italiani che mangia e metà che non mangia (pane, pasta, mele, latte ecc.ecc.) e questo in senso fisico. Per contro, se poi andiamo sul piano economico, la metà che non mangia aumenterebbe in quanto i prezzi dei prodotti lieviterebbero e il cibo diverrebbe indisponibile pur essendoci fisicamente.

 

LEGGI ANCHE

Gli irrimediabili danni di Coldiretti all’agricolturadi Luigi Caricato

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alberto Guidorzi - 21-11-2017 - Tutti i diritti riservati

Alberto Guidorzi

Agronomo, ha studiato Scienze agrarie presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, e vive attualmente a Sermide, nel Mantovano. Scrive sui magazine "Agrarian Sciences", "Salmone" e "La Valle del Siele"

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Estrarre un olio di altissima qualità con la sola pressione meccanica e senza utilizzo di acqua in fase estrattiva. Una piccola realtà siciliana, nata dal basso, si sta presentando come il futuro dell'estrazione olearia, nel pieno rispetto dell'ambiente. Al Maker Faire di Roma l'azienda proprietà della famiglia La Greca, ha presentato BioSpremi®, un progetto dell'estrazione ecosostenibile che resta in linea con gli attuali standard di produttività

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato