Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

La frittura degli alimenti

Cose da sapere. Su tale metodo di cottura c’è ancora molto da conoscere. Ed è troppa la disinformazione come tanta, nel medesimo tempo, la superficialità nell’approccio. Cosa fare, ad esempio, per cercare di tenere sotto controllo il pericolo acrilamide? E’ giusto consigliare di limitare il consumo di cibi impanati e fritti?

Giuseppe Caramia

La frittura degli alimenti

Le fritture vengono fatte con grassi di origine animale, lardo, strutto, burro, che, a temperatura ambiente, si presentano allo stato solido e sono costituiti prevalentemente da grassi saturi, o con oli vegetali che si presentano allo stato fluido e sono costituiti prevalentemente da grassi insaturi. Fa eccezione la margarina che è un grasso solido prodotto idrogenando oli vegetali, rendendo cioè saturi gli acidi grassi insaturi attraverso l’assorbimento di idrogeno.

Gli oli di semi ricchi di acidi grassi polinsaturi (cioè con più doppi legami fra gli atomi di carbonio) e in particolare di acido linolenico si ossidano facilmente e, quando l’olio, durante la cottura o frittura, viene riscaldato ad alte temperature l’ossidazione è ancora più rapida per la rottura dei doppi legami e l’assunzione di ossigeno, dando così luogo all’abbondante formazione di perossidi e radicali liberi, che sono considerati dannosi e cancerogeni una volta introdotti con l’alimentazione (Br J Nutr. 2002 Jul;88(1):57-65.).

Il riscaldamento degli oli, come avviene nella cottura o frittura, oltre ad accelerare un normale processo di ossidazione quando raggiunge temperature elevate superiori al loro punto di fumo, cioè la temperatura che viene raggiunta prima di sprigionare fumo, determina una perdita di valore nutritivo e formazione di composti tossici. Fra questi, la più importante è l’acroleina, tipica sostanza tossica per il fegato e irritante per la mucosa gastrica, dovuta alla frittura e prodotta dalla disidratazione del glicerolo in quantità tanto maggiore quanto più l'olio è ricco di acidi grassi insaturi.

L’olio di semi per frittura meno dannoso alla salute è, pertanto, quello di arachide che contiene di solito il 35% di acidi grassi polinsaturi, seguito da quello di girasole, che ne contiene il 55% e che si cerca di modificare con interventi genetici (Skorić D,et al. Can J Physiol Pharmacol. 2008).
Dopo la prima frittura, però, si rileva la comparsa di una quantità rilevante di acroleina, che ne sconsigliano l'uso per una seconda frittura, sia in padella che in friggitrice.

Una particolare attenzione, per l’uso nella frittura, merita invece l’olio extra vergine di oliva, in quanto ha un elevato punto di fumo e contiene pochi acidi grassi polinsaturi, per cui subisce un'ossidazione limitata. Inoltre, essendo una spremuta di un frutto che non ha subito trattamenti chimici con esano, butano, propano eccetera, contiene una notevole quantità di antiossidanti, polifenoli, tocoferoli, squalene eccetera, che danno luogo a una importante protezione dalle alte temperature per cui si riscontra una quantità di acroleina pericolosa, solo dopo almeno 2-3 fritture (Indart A, et al. Free Radic Res. 2002).

Infine, non va dimenticato che l’olio extra vergine d’oliva contiene composti ad azione anti-infiammatoria e detossificanti, che, utili al frutto dell’olivo per difendersi da batteri e parassiti, sono simili a quelli dell’uomo, per cui possono in qualche modo essere utili a proteggerlo dall’acroleina formatasi durante la frittura.
In conclusione, dunque, l’olio extra vergine d’oliva è il grasso più adatto per le fritture.

Un discorso a parte merita poi la presenza, in particolare negli alimenti fritti, dell’acrilamide, sostanza tossica che si forma durante il processo di cottura, a temperature elevate, degli alimenti ricchi di carboidrati. Scoperta alcuni anni fa nelle patatine fritte, aveva suscitato notevole scalpore per l’azione neurotossica e perché sospettata di essere un agente mutageno, e quindi cancerogeno, per cui ha indotto diversi gruppi di ricerca a studiare tecniche di cottura che possano evitare un simile inconveniente.

L’argomento, rimasto sempre all'attenzione dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), suscita timori sia da parte degli enti di sanità pubblica, preposti al controllo degli alimenti, sia da parte dei cittadini per il notevole consumo di prodotti da forno derivanti dai cereali e dalle patate.
La formazione di questa sostanza, soprattutto per gli alimenti ricchi di amido quali patate e cereali, comincia a temperature superiori ai 120ºC e diventa massima intorno ai 190°C.

La prevenzione si attua da un lato cercando di eliminare il problema all’origine, cioè selezionando varietà di patate e cereali che generino la minore quantità possibile di acrilamide e, dall’altro, puntando sull’ottimizzazione dei processi industriali e sull’informazione della cittadinanza.

Per cercare di tenere sotto controllo il pericolo acrilamide, viene pertanto consigliato di limitare il consumo di cibi impanati e fritti, in quanto farina e pane grattato sono ricchi di amido, di evitare altresì le parti troppo arrostite o carbonizzate, il pane troppo tostato, e di scegliere, per il fritto, un buon olio extra vergine di oliva, mantenendolo a una temperatura di 170° C e cambiarlo di volta in volta senza “rabboccarlo” e, quando possibile, preferire metodi di cottura al vapore, la bollitura e il cartoccio (non adatto però per i cibi acidi, come limoni e pomodori, perché la loro azione combinata con il calore favorisce il rilascio di alluminio dalla stagnola) (Napolitano A, et al. J Agric Food Chem. 2008).Non bisogna mai esagerare in ogni caso con la cottura, che fra l’altro accentua la perdita di vitamine e micronutrienti, soprattutto dei prodotti vegetali.

L’associazione di alimenti fritti con le verdure fresche, infine, diminuisce i rischi associati all’acrilamide e ad altre sostanze tossiche che si sviluppano durante il processo di cottura, sia per il loro prezioso carico di antiossidanti, sia perché le fibre ne riducono l’assorbimento di nutrienti dannosi.

 

 

La foto di apertura è di Lorenzo Cerretani

Giuseppe Caramia - 24-02-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo