Sabato 04 Aprile 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

La tigre è di carta

Gran parte di ciò che ci uccide è troppo piccolo per essere notato. Vi sono combattimenti cellula-cellula, interazioni molecola-molecola. Una via d’uscita è il metodo Altermune, sfruttando l'abilità evolutiva del nostro sistema immunitario per uccidere i microrganismi dopo che la loro struttura li ha identificati come nemici. In tempi di afflizione per l’avanzata del coronavirus, le riflessioni di un biochimico della nutrizione a partire dalla lezione di un grande scienziato premio Nobel per la chimica (1993), il compianto Kary Mullis

Massimo Cocchi

La tigre è di carta

Ricordo con piacere e affetto il lungo periodo passato con il mio Maestro Kary Mullis, per tutto, per gli insegnamenti ricevuti e per le scorribande verso e nel cosiddetto potere romano. 

Era un momento fortunato, pochi pensieri e la sensazione di un grande potere. Sfrecciavamo con una magnifica Flavia Coupé Pininfarina, ai 200 all’ora su un’autostrada dove il traffico era ancora misurato e non c’erano ancora controlli di velocità. Eravamo liberi. Questa vita, un po’ tra l’avventuroso e lo spregiudicato, non ci impediva mai il confronto con noi stessi, con la nostra coscienza e con la nostra etica. Soprattutto era sempre presente la fragilità umana e una grande consapevolezza dei limiti dell’uomo. Tutto ciò si riassumeva in una frase che il mio Maestro mi ripeteva sempre: “La tigre è di carta, e che io non ho mai dimenticato. Già, la tigre è di carta, non facile da accettare di fronte alle grandi parate degli eserciti, ai potenti mezzi bellici, alle armi devastanti concepite per distruzioni di massa. 

Per molti c’era la profonda convinzione dell’onnipotenza umana, una sorta di delirio di sensazione di invincibilità dell’uomo. Quest’uomo onnipotente che vorrebbe, se potesse, cambiare anche le stagioni, fare scendere le piogge al momento giusto, pilotare caldo e freddo a piacere, che costruisce opere imponenti a volte in modo improponibile e incontrollato, non fa i conti con gli eventi naturali o con l’imbecillità di chi, senza remore, continua a manipolare “bestiolini” submicroscopici non con la finalità del bene ma con il nascosto desiderio di un dominio totale anche sull’invisibile.

Oggi, come altre volte, il “bestiolino” invisibile è scappato e, come dice un mio amico scienziato, anche lui ha una coscienza, una coscienza primordiale che lo porta a difendersi, ad esempio mutando velocemente e diffondendosi a tutto campo. Anche lui si considera onnipotente e vuole vincere. Ecco che la tigre uomo diventa di carta. In questa occasione, che porta a riflettere, ho ripescato uno scritto che mi ha lasciato e illustrato il mio compianto amico Kary Mullis. 

Di seguito riporto lo scritto essenziale e l’illustrazione grafica del fenomeno che aveva intuito. Mi scuso se l’immagine non sarà chiarissima, ma è disegnata, come spesso accadeva quando ci scambiavamo informazioni, su tovaglioli di carta. Era il 2004, uno dei tanti periodi nei tanti anni che abbiamo trascorso assieme. Era il 2007, quando mi scrisse il suo pensiero. Aveva abbandonato la sua incredibile scoperta della PCR (Polymerase Chain Reaction) e si era dedicato allo studio dell’immunità pervenendo a un ragionamento e a una conclusione, anche questa volta, geniali. 

 

Malattia umana

I punti di svolta in medicina tendono ad essere poco appariscenti all'inizio. I grandi cambiamenti si insinuano sempre nelle persone.

Le prime fasi di grandi progressi non vengono mai annunciate o notate. 

Passano anni o decenni prima che le cose che domineranno un campo siano ovvie per gli osservatori attenti. Gli investitori di successo sono fortunati o prescienti.

Altermune è un netto cambiamento di direzione per il trattamento medico di infezioni microbiche, disordini metabolici, cancro, qualsiasi numero di problemi in cui le procedure chirurgiche sono troppo grossolane, gli attuali interventi chimici si sottomettono a ceppi resistenti e, tuttavia, un qualche tipo di intervento molecolare è necessario e ha ancora senso. 

Il sistema immunitario dei vertebrati si è evoluto per far fronte a problemi molecolari e organismici. Gran parte di ciò che ci uccide è troppo piccolo per essere notato con i nostri occhi senza aiuto. Combattimento cellula-cellula, interazioni molecola-molecola sono dove viviamo o moriamo in questa epoca. I grandi animali, anche gli umani, non sono il nostro problema.

Il nostro sistema immunitario si è comportato in modo straordinario mentre la nostra popolazione è cresciuta immensamente e la matematica della sola malattia infettiva - ignorando per il momento il cancro e i disordini metabolici associati a un'abbondanza di cibo malsano - non favorisce numericamente il successo della specie.

Questo è ragionevole, poiché la biologia è squisitamente equilibrata. Ma non mi interessa vedere la mia progenie finire intempestiva davanti ai miei occhi. Le malattie infettive sono quindi qualcosa a cui penso.

Nel 1917-1918, l'influenza ha fatto cadere una miscela particolare, non i neonati o gli anziani, ma i giovani e i forti. Non sappiamo esattamente perché. Possiamo speculare sulle immunità, ma diventa ovvio piuttosto rapidamente che non sappiamo perché. E la prossima volta potrebbe essere lo stesso o potrebbe essere il contrario. Non lo sappiamo, ma possiamo ragionevolmente aspettarci che ci sarà una prossima volta. Quando i microbi diventano un disastro, nessuno sa davvero subito il perché o cosa fare. Di solito è una risposta folle che le persone ottengono quando il loro numero viene drasticamente ridotto da cose invisibili.

Pensiamo di sapere un po' ora. Spero di sì.

Altermune ci prova. Gli umani hanno questo sistema immunitario, che riconosce nuove strutture, possibili problemi, nei nostri fluidi. È sovraccarico di lavoro. Troppi di noi stanno passando troppe cose in giro e il pianeta si è praticamente ridotto alle dimensioni di un intervallo giornaliero di un 747.

Stiamo lentamente sviluppando la chimica: l'arte di rapportarci, usando gli strumenti che escogitiamo, con cose che sono troppo piccole per noi da vedere. Hanno delle cariche più e meno che non possiamo percepire; hanno siti lipidici su di essi troppo piccoli per farceli notare e hanno siti idrofili troppo piccoli per noi per vedere goccioline d'olio che si posano sull'acqua. I microbi hanno bisogno di tutte queste cose, di tipi specifici, per sopravvivere e nessuno di essi va oltre lo scopo dei nostri strumenti. Nessuno di questi è fuori dalla portata dei nostri strumenti di sintesi. Questo è il nostro vantaggio. Proprio in questo secolo scorso abbiamo imparato a conoscere queste cose nel modo in cui conoscevamo giavellotti e spade.

Questo è ciò che la chimica è: non solo bottiglie di sostanze dai nomi esotici, sebbene tutti i veri chimici adorino loro e i loro odori preziosi; è la familiarità con il piccolissimo, il regno dei microbi. Questa è la chimica che abbiamo iniziato a conoscere nel secolo scorso. E giusto in tempo.

Abbiamo un sistema immunitario che ci ha preceduto. Esso è una cosa nobile. Siamo creature erette con cervelli e braccia, non insiemi informi di poltiglia microbica, grazie a quel sistema. Ci ha tenuti intatti nonostante la nostra chiara somiglianza al cibo universale.

Quel sistema potrebbe avere bisogno di aiuto ora. Ricorda i jets e le masse crescenti.

Il modo in cui possiamo aiutare è semplice. Abbiamo immensamente aumentato la velocità con cui il nostro sistema immunitario deve affrontare nuove cose. Forse solo per fortuna o per destino, ora siamo in possesso di strumenti come la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare, i microscopi elettronici, i sequenziatori di proteine ​​e acidi nucleici, i reagenti chimici di straordinaria complessità e la nostra moltitudine ora diventa un vantaggio. Ci sono molti chimici nel mondo. Comunichiamo elettronicamente alla velocità della luce usando i satelliti; siamo una forza da non sottovalutare.

Come possiamo aiutare il nostro sistema immunitario?

Dai ai suoi anticorpi braccia bioniche. Esatto, piccole estensioni chimiche che consentono a un vecchio anticorpo di fare nuovi trucchi. Questo è ciò che dobbiamo fare, e possiamo, e infatti, l’abbiamo fatto. 

Altermune, LLC, in collaborazione con Biosearch a Novato,in California, quest'estate, ha preparato alcuni anticorpi il cui lavoro era precedentemente legato a qualcosa chiamato galattosio-alfa-1,3-galattosil-beta-1,4-N-acetil glucosamina, con nuove braccia bioniche, sintetizzate su un ABI 3900 di Applied Biosystems, braccia che possono afferrare saldamente un virione influenzale, scuoterlo un po' per enfatizzarlo e trasformarlo in un macrofago umano affamato per ulteriori elaborazioni. Il cambiamento è stato realizzato con un farmaco. Non è necessario rispedire gli anticorpi in fabbrica. I virus non hanno mai visto arrivare l'ABI 3900. Nemmeno io come studente di chimica alla Georgia Tech nel 1966, ma nel 21° secolo ci sono molti miracoli che nessuno ha previsto.

Cos'altro possiamo fare con questo sistema oltre a curare l'influenza? Ci sono batteri come il famoso E. coli là fuori che hanno imparato a superare in astuzia i nostri cari antibiotici. Dobbiamo occuparci di loro e di ceppi resistenti di Staphylococcus aureus, che possono farti marcire di fronte ai tuoi medici e familiari nei migliori ospedali. E altri batteri resistenti sono in aumento. Nessuna sorpresa. La resistenza agli antibiotici era già nel mondo quando Alexander Fleming scoprì la penicillina in Inghilterra nel 1929. Il suo consulente, Almroth Wright, aveva predetto la resistenza agli antibiotici prima ancora che fosse notata sperimentalmente. Dopotutto, Fleming aveva preso in prestito solo penicillina da una muffa, utilizzata per uccidere i batteri da almeno cento milioni di anni. Alcuni batteri avevano inventato un antidoto, la penicillinasi, che nel 1929 nessuno sapeva che fosse codificato su un plasmide che poteva essere trasferito da batterio a batterio secondo necessità. Ma ci vollero solo cinquant'anni prima che l'enzima venisse trasferito in un batterio con il sapore del sangue caldo.

La storia è la stessa per tutti i nostri antibiotici.

Dobbiamo ricavare i nostri primi principi, nuovi composti che non sono mai stati visti su questo pianeta. È il metodo Altermune, sfruttando l'abilità evolutiva del nostro sistema immunitario per uccidere i microrganismi dopo che la loro struttura li ha identificati come nemici, sta sviluppando il processo di costruzione di armi bioniche per gli anticorpi, che una volta identificato il microrganismo offensivo, può afferrarlo. Il processo è già rapido ed efficiente, e così scioccante per i microbi, che sono abituati al lento insinuarsi della biologia e non sanno nulla della risonanza magnetica nucleare o della spettroscopia di massa ad alta risoluzione.

Kary B. Mullis, 12 settembre 2007

 

Aveva ben capito, lui, il genio, qual era la strada da intraprendere, ma la sua nuova intuizione, dopo le prime e positive evidenze sperimentali, verrà nascosta in un “cassetto” ad opera dello strapotere finanziario, certo sarebbe stata una scoperta che avrebbe cancellato uno dei fenomeni più pericolosi per l’uomo, l’antibiotico-resistenza, di fatto rendendo superfluo l’uso degli antibiotici. 

Era anche convinto, lui, che sarebbe stata applicabile anche ai virus la metodologia che aveva progettato.

Mi sia concessa una piccola debolezza: un altro fenomeno, silente e diffusivo come un virus, riguarda la scoperta, fatta da chi scrive e dall’amico Lucio Tonello, e magistralmente interpretata nella dinamica onto-biologica da quel grande filosofo che è Fabio Gabrielli, sulla cardiopatia ischemica e sulla depressione.

Di seguito riporto quanto mi scrisse l’amico Kary. Era il 2007. 

 

Il potenziale diagnostico inaspettato delle piastrine

Per la maggior parte di noi le piastrine sono un modesto organello del sangue che, intrappolato in una complicata rete di fibre di trombina che circonda una ferita, aiuta a fermare l'emorragia.

Comodo quando ne hai bisogno, ma qualcosa che qualsiasi piccola particella avrebbe potuto fare o almeno così sembra.

Misurare la composizione lipidica delle membrane piastriniche sembrerebbe essere solo un altro esercizio accademico di routine nel legare le estremità sciolte.

I risultati recenti del professor Massimo Cocchi a Bologna e del suo collega Lucio Tonello indicano molto diversamente. Queste umili palline possono essere al centro di alcuni dei nostri problemi medici più urgenti. Che la loro composizione lipidica, che è facilmente accessibile, da un campione di sangue potesse contenere la chiave per stabilire se il donatore potrebbe essere a rischio di problemi cardiovascolari è piuttosto scioccante, date le alternative diagnostiche costose e invasive disponibili. Ma i dottori Cocchi e Tonello sono seduti su un'altra bomba piastrinica. 

Quella stessa misurazione relativamente semplice fornisce anche un'indicazione di qualcosa che solo molti psichiatri, dopo ampie interviste a te e alla tua famiglia, sono stati prima d’ora in grado persino di ipotizzare, se sei in uno stato depressivo che potrebbe finire con un suicidio. Ciò sembrerebbe davvero fornire una spinta conoscitiva, ma gli scienziati che si rifiutano di prestare attenzione ai dati che preferirebbero non vedere, spesso si ritrovano, dopo che sono passati un anno o due e il caso è stato archiviato, a desiderare di non essere stati così certi circa i loro preconcetti. 

Ci sono ragioni per cui le concentrazioni lipidiche sulle piastrine potrebbero avere effetti di così vasta portata, e Cocchi e un certo numero di altri lo stanno esaminando. Non è solo perché sono curiosi, anche se ce n'è in abbondanza. Siamo tutti curiosi quando arriva qualcosa di strano e inaspettato. La grande motivazione deriva da ciò che accade quando gli scienziati iniziano a capire qualcosa che è stato un mistero. Essi, se sono in grado, cominciano a risolverlo, se si è rotto. I farmaci attuali per i problemi cardiovascolari sono rozzi e carichi di effetti collaterali nella migliore delle ipotesi. Lo stesso vale nel settore della depressione. Man mano che questo lavoro procede, non sarà affatto sorprendente se sorgeranno nuove strategie per i trattamenti. Potremmo essere in uno di quei punti di svolta che all'inizio è sempre sottile, ma si trasforma in un torrente molto rapidamente. Tieni gli occhi su quelle palline di grasso. Qualcosa sta per succedere.

Kary Mullis, premio Nobel per la chimica, 1993 

 

Anche in questo caso avevamo incontrato una radicale umano-resistenza dei cosiddetti poteri forti, ma con il conforto di un appoggio illuminato come quello di Kary Mullis.

Questo inusuale racconto, breve, come è nel mio stile, termina con una riflessione, ricordiamoci che la tigre è di carta”!

 

 

Il professor Massimo Cocchi, biochimico della nutrizione, ha ritirato tra l’altro, giovedì 6 febbraio a Milano, il Premio Olio Officina Cultura dell’Olio, ed è autore, per le edizioni Olio Officina, del libro La valigia dei ricordi. Racconti scientifici e d’amore.

 

LEGGI ANCHE

Ricordando Kary Mullis

 

Massimo Cocchi - 10-03-2020 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
I cento anni di Monini

I cento anni di Monini

La nota impresa olearia spoletina celebra il proprio anniversario augurando a tutti “Buon Appetito, Italia!” Il primo secolo di vita – si legge in una nota ufficiale - cade in un momento difficile per il Paese, ma attraverso campagne social e televisive, la famiglia Monini dà il via a un Piano di sostenibilità decennale e a una ricerca per il rilancio del settore olivicolo, facendosi portavoce di un messaggio di positività, di condivisione e di futuro

GIRO WEB
La Borsa Merci telematica rinnova il proprio sito

La Borsa Merci telematica rinnova il proprio sito

È disponibile on line il web site della società del sistema camerale italiano per la regolazione, lo sviluppo e la trasparenza del mercato e per la diffusione dei prezzi e dell’informazione economica. Ora è tutto più immediato, snello, intuitivo e comprensibile. All’interno delle varie macro aree, si segnalano le sottosezioni “Prezzi e analisi”, “Commissioni Uniche Nazionali” e “Mercati telematici” 

OO VIDEO

La letteratura per l’olio

 

Francesca Salvagno, veronese, racconta la sua esperienza a Olio Officina Festival 2020, impegnata nella veste di attrice, con una lettura di brani scelti in cui emerge l’olio nella sua piena identità attraverso il ricorso ai nostri sensi, per mezzo dei quali possiamo percepire tutta la bontà. Produttrice,rappresenta la terza generazione frantoiana nell’azienda di famiglia, il Frantoio Salvagno, dove si occupa di produzione e del mercato estero

BIBLIOTECA OLEARIA
Xylella fastidiosa. Misure di contenimento e prevenzione

Xylella fastidiosa. Misure di contenimento e prevenzione

È stato aggiornato e reso disponibile a tutti, dalla redazione di InfoXylella, l'opuscolo con le informazioni sulle misure necessarie per contrastare l'epidemia di olivi in Puglia. Questo batterio da solo non si ferma e diviene pertanto ancor più fondamentale informare capillarmente al fine di contrastare la diffusione del contagio