Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

Prima la salute

Lo stato di benessere del pianeta, "One Health", è un concetto che comprende la salute umana, animale e vegetale. A Barcellona si è tenuto un evento importante, nel quale alcuni noti esperti mondiali di virologia si sono incontrati per affrontare temi insidiosi come il cambiamento climatico, gli effetti della globalizzazione nella trasmissione di malattie virali. Tante le tante sfide, vi è quella di poter prevedere gli agenti patogeni candidati per future epidemie emergenti

IR TA

Prima la salute

Dal 9 al 12 giugno, scienziati di tutto il mondo esperti di virus si sono incontrati a Barcellona nell'ambito del 15° Congresso di virologia della Società spagnola di virologia e dell'undicesimo incontro internazionale del Global Virus Network (Gvn). La salute del pianeta "One Health" è un concetto che comprende la salute umana, animale e vegetale

Attualmente, più di 200 specie di virus sono note per causare malattie nelle persone e ogni anno vengono scoperte da 3 a 4 nuove specie. Più della metà di questi virus umani possono colpire anche altri animali, come mammiferi e uccelli. Infatti, secondo la FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations), il 70% delle malattie infettive che colpiscono gli esseri umani sono di origine animale, note come zoonosi, come la rabbia, l'influenza aviaria, il nuovo corona virus del Medio Oriente (Mers-Cov), e molte altre.

Sempre più spesso gli operatori scientifici e medici sottolineano la necessità di prendere coscienza collettiva del legame tra salute animale, salute umana e salute degli ecosistemi per lavorare nella stessa direzione e garantire la salute del pianeta.

Ci sono malattie causate da virus che sono esclusivi degli animali ma che hanno un forte impatto sulla società. È il caso della peste suina africana, un virus innocuo per l'uomo ma letale per i maiali. L'epidemia, di origine africana, è arrivata per la prima volta in Europa, in Belgio, nel 2018. In Asia, l'arrivo del virus sta costringendo milioni di suini infetti ad essere macellati. La sfida è trovare un vaccino per questa malattia altamente contagiosa tra questi animali.

La globalizzazione e il cambiamento climatico sono il passaporto per le nuove malattie

Molte delle malattie infettive emergenti provengono da animali e possono essere trasmesse all'uomo direttamente o attraverso vettori come zanzare o zecche. La crescita demografica del pianeta, l'urbanizzazione, la globalizzazione dei viaggi e del commercio e i cambiamenti climatici ci mettono in contatto con nuovi ambienti, climi e nuovi vettori di malattie. Il rischio di epidemie è più alto, "ora più che mai, dobbiamo essere reattivi per rispondere rapidamente alle epidemie", afferma Marion Koopmans, capo del dipartimento di Viro Scienza dell'Erasmus MC di Rotterdam, Paesi Bassi, leader mondiale nella ricerca sulle malattie virali zoonotiche e sui virus emergenti.

Dalla comparsa dell'epidemia più importante di oggi, l'Ebola in Africa occidentale, la ricerca prospettica si è ulteriormente rafforzata. "Il nostro obiettivo è quello di essere meglio preparati a individuare il più presto possibile le malattie infettive emergenti e di limitarne l'impatto", dice Koopmans. Il virologo aggiunge che "dobbiamo capire cosa causa l'insorgenza di malattie virali. Gli esseri umani e gli animali vivono insieme negli ecosistemi e, quindi, interagiamo anche con i vettori. Dobbiamo essere in grado di individuare qualsiasi cambiamento o squilibrio che indichi quando il rischio di epidemie è più elevato.

Un'altra sfida per gli esperti è prevedere quali agenti patogeni sono candidati per future epidemie emergenti. "Se identifichiamo l'agente patogeno che ha maggiori probabilità di scatenare un'epidemia, possiamo sviluppare meglio le misure di prevenzione e di controllo. Tuttavia, siamo di fronte a malattie imprevedibili, dobbiamo investire di più nella ricerca generica sui virus", conclude Koopmans.

La salute globale richiede una maggiore comunicazione tra medici, veterinari e professionisti dell'ecosistema

Da alcuni anni ormai, gli scienziati parlano del concetto di "One Health", la somma degli sforzi di professionisti con esperienza in sanità pubblica, salute animale, salute delle piante ed ecosistemi. "C'è la necessità di un maggiore dialogo e la condivisione di informazioni epidemiologiche tra medici, veterinari, virologi e biologi al fine di individuare e prevenire focolai zoonotici e problemi di sicurezza alimentare", spiega Albert Bosch, professore del dipartimento di genetica, microbiologia e statistica dell'Università di Barcellona (Ub) e presidente della Società spagnola di virologia (Sev)

Il Sev sottolinea inoltre che "non dobbiamo dimenticare i virus che colpiscono le piante, perché anche se non ci colpiscono direttamente, le conseguenze economiche possono essere molto gravi quando colpiscono le colture". Infatti, il primo virus scoperto nella storia è stato in una pianta, quella del tabacco, nel 1892.

 Al fine di proteggere la salute pubblica, è necessario sviluppare strategie globali di coordinamento tra tutti gli attori coinvolti. In Spagna, la Sev è l'associazione di riferimento in materia di virus che riunisce virologi esperti in una vasta gamma di virus provenienti da diversi centri di ricerca e università. "Lavoriamo per promuovere la ricerca virologica, stabilire contatti internazionali e offrire consulenza in caso di episodi causati da un virus e applicare strategie di sorveglianza o di controllo, ad esempio quando la crisi ha avuto origine dai casi di Ebola in Spagna nel 2014", spiega Albert Bosch. D'altra parte, il SEV coordina il Master ufficiale di Virologia dell'Università Complutense di Madrid dal 2010.

La Global Virus Network (Gvn) è una coalizione senza scopo di lucro di virologi provenienti da 45 centri di eccellenza globale in 29 diversi paesi del mondo. I suoi obiettivi sono la ricerca di virus per identificarli, migliorare la diagnosi delle pandemie, studiare come controllarli e sviluppare farmaci e vaccini per prevenire le malattie causate da virus e morte. Christian Bréchot, presidente del Gvn e co-fondatore Robert Gallo, sottolinea che è l'unica istituzione globale composta da scienziati con esperienza in tutti i settori della virologia. "Il lavoro di squadra di Gvn è essenziale per essere preparati e rispondere ai virus emergenti e ad altri virus non identificati che possono minacciare la salute pubblica. Siamo costantemente alla ricerca di soluzioni ai problemi causati dai virus in coordinamento con le istituzioni nazionali e internazionali. Questo congresso porrà un'enfasi particolare sull'eradicazione e il controllo dei virus emergenti e riemergenti in un contesto di cambiamento climatico. Gvn sta inoltre lavorando per distribuire gruppi regionali e locali di esperti per soddisfare le esigenze di ogni area del pianeta e promuovere programmi di formazione e ricerca in virologia per i giovani. 

Virus umani: l'AIDS continua a circolare tra la popolazione ma con una prevalenza inferiore

Attualmente sono 36,9 milioni le persone infettate dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV) in tutto il mondo e ogni anno vengono diagnosticati 1,8 milioni di nuovi casi. Secondo l'ultimo rapporto di sorveglianza epidemiologica del Ministero della Salute nel 2018, ci sono tra 140.000 e 170.000 persone infettate dal virus in Spagna. In Catalogna 31.334 persone ce l'hanno, secondo i dati del Ceeiscat (2018), e il 12% di questi non lo sa.

Finora, ci sono stati tre casi di remissione totale del virus in persone che hanno subito un trapianto di cellule staminali. L'unico caso di cura dell'HIV, a Berlino nel 2009, "il paziente HIV è stato sottoposto ad un trapianto di cellule staminali per curare la leucemia che ha sofferto, ma queste cellule avevano la mutazione CCR5 Delta32, che impedisce l'ingresso del virus nelle loro cellule. Grazie a questa mutazione e ad altri fattori legati al trapianto di cellule staminali, il paziente ha eliminato il virus dal suo corpo", spiega Bonaventura Clotet, dottore in medicina, presidente della Fundación Lucha contra el Sida, direttore dell'Istituto IrsiCaixa per la ricerca sull'AIDS e responsabile del Servizio Malattie Infettive dell'Ospedale Universitario Tedesco Trias i Pujol.

Dopo più di un decennio di ricerca dopo il primo caso di cura, a marzo hanno annunciato il secondo e il terzo caso di pazienti che sono riusciti ad eliminare il virus HIV con la stessa terapia, ma in modo meno aggressivo. "Questi tre casi confermano che è possibile trovare una cura per l'AIDS, ma il trapianto non è l'opzione più efficace, perché è una procedura ad alto rischio per il paziente", spiega Clotet. Attualmente, l'Istituto di ricerca sull'Aids, IrsiCaixa sta lavorando alla ricerca di vaccini preventivi in collaborazione con il Barcelona Supercomputing Center-National Supercomputing Center (Bsc-Cns). Grazie a questo lavoro congiunto, hanno creato un metodo bioinformatico per prevedere l'efficacia dei farmaci antiretrovirali contro diverse mutazioni dell'HIV.

Le terapie attuali hanno migliorato notevolmente la qualità della vita delle persone affette da HIV nei paesi sviluppati. Tuttavia, si affidano pesantemente ai farmaci perché se smettono di prenderli, i livelli del virus aumentano rapidamente. I virus che sopravvivono al trattamento nascondono i serbatoi, il che rende molto difficile eliminarlo completamente dall'organismo. Per far fronte a questa situazione, i ricercatori di IrsiCaixa e la Fundación Lucha contra el Sida stanno sviluppando strategie come un vaccino terapeutico, riattivatori della latenza virale e anticorpi neutralizzanti, che dovrebbero essere combinati per ottenere una guarigione totale.

Un trattamento efficace di un virus come l'HIV riduce a zero il rischio di trasmissione.

A seguito di queste prove, la Fundación Lucha contra el Sida e l'istituto di ricerca IrsiCaixa sostengono fortemente la dichiarazione di consenso “non rilevabile = non trasmissibile (U = U)", rilasciata dalla Campagna di prevenzione dell'accesso a livello globale. Questa dichiarazione di consenso evidenzia il fatto che la diagnosi precoce e il trattamento con terapia antiretrovirale (ART) non solo dà una normale aspettativa di vita alle persone affette da HIV, ma ha anche implicazioni per la salute pubblica.

Tuttavia, la povertà rimane il fattore limitante nella lotta contro l'epidemia nelle regioni più povere del mondo, come le parti meridionali del pianeta, l'Europa orientale e l'Asia centrale, dove non vi è accesso alla diagnosi e al trattamento dell'HIV. Per questo motivo, la Fundación Lucha contra el Sida sta avviando la sua prima azione importante al di fuori della Spagna. Insieme all'ospedale Carmelo di Chókwè, in Mozambico, hanno avviato un programma per combattere a lungo termine l'epidemia di HIV in Africa, seguendo le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), con la quale la Fondazione collabora strettamente. La prima delle sperimentazioni cliniche inizierà a luglio con l'obiettivo di stabilire le linee guida ottimali per il follow-up delle persone affette da HIV nella regione.

Riconoscimento dei ricercatori

Durante la cerimonia di apertura del congresso, il presidente del Gvn Christian Bréchot ha consegnato un premio al presidente del comitato organizzatore del congresso Joaquim Segalés (Irta-Cresa) e al presidente di Sev Albert Bosch. D'altra parte, lo scienziato William Hall è stato riconosciuto anche per il suo impegno di eccellenza.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

IR TA - 02-07-2019 - Tutti i diritti riservati

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri