Mercoledì 17 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

Un’ondata di lipofobia

Attenzione, non spariamo ad alzo zero sui grassi. Non facciamo di tutti i grassi un fascio, giusto per parafrasare un detto celebre. La maggior parte delle diete occidentali ha un tenore di grassi troppo elevato, è vero, ma occorre distinguere tra quelli visibili e invisibili

Francesco Visioli

Un’ondata di lipofobia

Un’ondata di “lipofobia” sta, da tempo, attraversando le riviste dedicate al grande pubblico. Limitare al massimo il consumo di grassi è ormai il credo di qualunque dieta venga proposta, sia per fini salutistici sia per fini dimagranti. Di sicuro la maggior parte delle diete occidentali ha un tenore di grassi troppo elevato. Ma i grassi non sono tutti uguali! Iniziamo a distinguerli in grassi visibili e grassi invisibili.

Con i primi definiamo principalmente i condimenti, cioè grassi (più spesso: oli) che aggiungiamo agli alimenti per migliorarne il sapore e la palatabilità. Con i secondi definiamo i grassi che compongono l’alimento vero e proprio.
Ad esempio, mentre è facile quantificare l’olio che aggiungiamo all’insalata e, quindi, sapere la quantità che si sta consumando, è molto difficile sapere con esattezza quanto grasso contiene una braciola, una fetta di salame o un branzino.

Ponendo quindi attenzione alla nostra dieta, possiamo equilibrarla in tenore di grassi. Un’altra distinzione importante è quella tra grassi animali (meglio: di ruminanti) e oli vegetali. Mentre vi è ormai accordo tra i nutrizionisti sul limitare – ma non escludere – i primi, sui secondi i consumatori hanno più libertà di azione.

Pur nel rispetto del computo calorico globale, l’uso di olio d’oliva (soprattutto di alta qualità) come grasso visibile da condimento differisce da quello degli altri grassi. Infatti, l’uso di olio d’oliva, al di là delle sue possibili proprietà salutari, trascina con sè una cultura alimentare molto importante che, globalmente, si associa a miglior salute e longevità.

 

 

L'immagine di apertura riprende un particolare della cartolina della serie Erotic oil, relativa al progetto Olio Officina Food Festival 2015, realizzata da Valerio Marini

Francesco Visioli - 22-12-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo