Martedì 17 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Bimbi assaggiatori

Mentre può essere più difficile insegnare la degustazione degli oli a un adulto, i più piccoli si confrontano con maggiore spensieratezza e senza pregiudizi con l'assaggio. Il riconoscimento dei profumi è più facile se abbiamo meno “disturbi”. Insegnare a chi non ha conoscenze pregresse o preconcetti, è più facile

Lorenzo Cerretani

Bimbi assaggiatori

La più grande delle mie figlie ha compiuto cinque anni da pochi giorni, un’età in cui le bambine sono delle spugne, hanno sete di conoscenza. Lei, nello specifico, vorrebbe imparare a leggere e chiede aiuto per farlo in autonomia.

In queste attività si mettono chiaramente in evidenza le propensioni all’autoapprendimento, che sono in generale comuni a tutti gli esseri umani.

Al di là di queste considerazioni, mi ha colpito l’esperienza di questa mattina. Premetto che sono abituato ad assaggiare oli coinvolgendo diversi famigliari, così come la più grande delle mie figlie… a breve toccherà anche alla più piccola.

Questa mattina abbiamo assaggiato due oli.

Il primo di questi era caratterizzato da note verdi e da un sentore gustativo di piccante. Lo passo a lei e mi dice che ha un buon odore e dopo averlo assaggiato mi dice che “pizzica”.
Fin qui nulla di strano, rientra nelle normali esperienze di assaggio condotte insieme.

Passo quindi al secondo olio, un monovarietale di Ascolana tenera. Io cerco di cogliere i profumi, poi passo alla parte gustativa e quindi le passo il bicchiere, mentre annoto le mie percezioni.
Scrivo “fruttato di buona intensità, sentori erbacei, foglia di pomodoro”.
Mentre scrivo mia figlia cerca di cogliere i profumi e mi dice: "quest’olio profuma di pomodoro". Che bella soddisfazione! Che piacevole constatazione!
Per lei è facile, ama i pomodori, li mangia interi, a morsi, da quando aveva due anni.

La constatazione è piacevole perché mi ha fatto pensare alla fatica che facciamo durante i corsi a trasmettere agli allievi i descrittori caratterizzanti di un olio riconosciuti da un panel di esperti.
Facciamo fatica, e chiaramente notiamo la diffidenza di alcuni, che probabilmente penseranno che si tratti della fantasia del panel o del docente.

Quello di questa mattina è un esempio che riporterò agli allievi durante i prossimi corsi con alcune considerazioni.
L’abitudine a riconoscere un profumo (pomodoro, mandorla, erba, ecc.) e l’abitudine a sentirlo ci aiutano a riconoscerlo quando lo troviamo in alimenti più complessi (un piatto ricettato ma anche un olio caratterizzato normalmente da più profumi).

Il riconoscimento dei profumi è più facile se abbiamo meno “disturbi”.
Insegnare a chi non ha conoscenze pregresse o preconcetti è più facile.

 

 

L'immagine di apertura riprende un particolare del Gioco dell'Olio di Olio Officina

Lorenzo Cerretani - 02-01-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
A Vieste l’olio è stato protagonista

A Vieste l’olio è stato protagonista

Una intera settimana per celebrare il re dei grassi nel Gargano. L’olio extra vergine di oliva ha dimostrato di essere un "marcatore culturale” in grado di catalizzare le attenzioni al pari del mare. Gli olivi di Vieste e dintorni sono stati il paesaggio al quale si è potuto fare riferimento, persino per praticare lo yoga e ritrovare se stessi

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è stato sempre nascosto, ora è tempo di rimetterlo in risalto

Recuperare il valore della materia prima è fondamentale. Dare centralità all’olio ricavato dalle olive è importante e oggi occorre puntare soprattutto ai giovani, adottando linguaggi adeguati Ai tempi. L’intervista al creative director Antonio Mele nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione (Milano, 2019)

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo