Giovedì 12 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Come ti giudico un olio

Nel passaggio da giudice di panel che svolge analisi sensoriale a giudice membro di commissione di concorso si cambia metodologia e sostanzialmente si passa da un metodo sensoriale analitico a una valutazione edonistica. I concorsi oleari rappresentano di fatto dei veri e propri “concorsi di bellezza”. Il giudizio sugli extra vergini? Può variare da giuria a giuria

Lorenzo Cerretani

Come ti giudico un olio

L’analisi sensoriale è diventata negli anni uno strumento analitico sempre più applicato per diverse tipologie di prodotti alimentari. Sicuramente il settore oleario ha fatto scuola insieme ad altri perché grazie al Consiglio Oleicolo Internazionale la metodologia è stata condivisa a livello internazionale. Oggi questo metodo analitico è ampliamente applicato e rappresenta un elemento importante per la classificazione merceologica al pari di altre analisi chimiche. Inoltre, questo strumento rappresenta un ulteriore elemento di garanzia a tutela della valutazione qualitativa degli oli a denominazione di origine. A proposito delle denominazioni di origine, è anche interessante sottolineare che diversi disciplinari hanno subito modifiche relative alla valutazione sensoriale, in funzione dell’aggiornamento del metodo che negli anni ha visto diversi aggiustamenti.

Uno degli elementi su cui si basa l’analisi sensoriale è rappresentato dall’addestramento dei giudici e del capo panel. Anche a tal riguardo la normativa cogente si è evoluta negli anni ed oggi la figura ed il percorso di formazione del “giudice” panelista e del “capo-panel” sono ben delineati.
Questi giudici costituiscono l’elemento cardine dei comitati di assaggio ma grazie alla loro formazione possono anche essere chiamati a far parte di commissioni o giurie di concorsi oleari. Anche io ho partecipato negli anni a numerosi concorsi di assaggio in Italia e in altri paesi. A mio giudizio i concorsi hanno permesso la crescita qualitativa di molti oli. Tutti i concorsi, tanto locali quanto nazionali o internazionali, hanno contribuito ai percorsi di miglioramento qualitativo dell’extravergine.

Tuttavia, credo sia importante ribadire che nel passaggio da giudice di panel che svolge analisi sensoriale a membro di commissione di concorso si cambia metodologia e sostanzialmente si passa da un metodo sensoriale analitico ad una valutazione edonistica. Infatti, questi concorsi rappresentano di fatto dei veri e propri “concorsi di bellezza”.
Il giudizio finale, perché la valutazione possa essere più facilmente spendibile, non può non richiedere una valutazione soggettiva, un giudizio. E’ interessante infatti notare che durante i concorsi il commissario ci tiene ad esprimere e a premiare con un voto il prodotto che più si avvicina alla propria idea di olio perfetto.
Alla luce di questa considerazione credo che sia importante ricordare che il giudizio può variare da giuria a giuria in quanto costituiti da individui diversi.

Si può dire però che un olio che raggiunge sempre i massimi livelli in più concorsi è un olio di alta qualità in quanto raccoglie l’apprezzamento di più esperti. Chiaramente il peso di un concorso va valutato in funzione dell’area di estensione della partecipazione (locale, nazionale, internazionale) e del numero dei partecipanti. In tal senso sono lodevoli le esperienze di aggregazione delle graduatorie dei diversi concorsi come QUESTA o QUEST’ALTRA.

Peccato che tali aggregatori non prendano in considerazione i risultati di guide o concorsi nazionali che permettono di valutare anche piccoli produttori, che ovviamente non hanno né possibilità (si veda concorso Mario Solinas che si rivolge soltanto a grandi produttori) né interesse a partecipare alle competizioni internazionali su cui si basano le valutazione dei ranking.

 

La foto di apertura è di Lorenzo Cerretani

Lorenzo Cerretani - 24-05-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora