Mercoledì 24 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Cosa c’è nell’olio?

A scoprirlo è l’analisi sensoriale. Mai come in questi ultimi anni sono stati studiati così approfonditamente gli oli extra vergini di oliva. Due intensi giorni sono stati dedicati all’analisi sensoriale a Sanremo, dove il 28 e 29 settembre si sono incontrati i massimi vertici del mondo della ricerca scientifica, per un evento ideato e organizzato dalla Sissg, la Società italiana per lo studio delle sostanze grasse

OO M

Cosa c’è nell’olio?

Era dal 1966 che non si svolgeva un congresso scientifico di tale portata da parte della comunità scientifica internazionale, cui fanno riferimento i tanti studiosi aderenti all’Euro Fed Lipid.
La due giorni è stata molto importante perché ha fatto il punto sui venticinque anni di uno strumento, il panel test, che ha permesso di indagare l’olio attraverso l’ausilio dei sensi umani.

Venticinque anni sono tanti e giustamente si è avvertito il bisogno di confrontarsi su più campi di indagine per individuare le possibili interazioni con altre metodologie analitiche, ricercando da una parte l’opzione fornita da modelli matematici utili per procedere con la descrizione delle peculiarità sensoriali individuate negli oli, e, dall’altra, lavorando sulla definizione dei markers chimici delle caratteristiche sensoriali, allo scopo di identificare in particolare i difetti degli oli e procedere sul cammino dell'alta qualità degli extra vergini.

Secondo il presidente della Sissg, il professor Lanfranco Conte, il panel test resta come tale uno strumento importante, da cui non si può prescindere, e, dato il suo delicato ruolo, insieme con l'analitica chimico-fisica tradizionale, nell’attribuire una patente di qualità agli extra vergini, è necessario ogni volta interrogarsi sui metodi, oltre che sulla loro corretta applicazione. Il ruolo esercitato dai giudici che fanno parte di un panel group, guidati a loro volta da un capo panel, devono sempre restare al centro dell’attenzione e devono essere sempre verificati.

La questione panel test è di fondamentale importanza, perché il cammino verso la qualità e la difesa e tutela di un alimento così significativo, non può essere sottovalutata. Rispetto a quanto è stato fatto finora, è necessario fare un ulteriore passo in avanti, e si sta proprio per questo motivo lavorando in tal senso e su più fronti, proprio per giungere a un metodo sempre più sicuro e attendibile, e, soprattutto, che garantisca risultati riproducibili ovunque, in qualsiasi panel test che si riunisca al mono. Ad oggi, il problema che si è riscontrato è in particolare sugli oli cosiddetti borderline, quelli che sono nella zona di incertezza tra le categorie merceologiche vergine ed extra vergine.

Quel che è emerso dalla due giorni sanremese, è che sono ormai da considerare maturi i tempi per un perfezionamento del metodo del panel test, e si è senza dubbio sulla strada giusta, attraverso un metodo analitico strumentale che supporti il lavoro dei giudici assaggiatori, in particlare per risolvere le criticità.

Lucio Carli, tra i vari relatori intervenuti, presidente di Onaoo, la prima organizzazione di assaggiatori in Italia e nel mondo - scuola di assaggio fondata nel 1983 - ha sostenuto in chiusura della due giorni quanto sia stata importante l'analisi sensoriale per far crescere qualitativamente il prodotto, le aziende e gli stessi consumatori e fruitori professionali del prodotto. Il panel test ha i suoi problemi, ma non si può certamente farne a meno. Lavorare insieme, stando uniti, contribuendo a perfezionare il metodo, è molto importante per dare valore a un alimento di cui si può solo essere orgogliosi.

OO M - 02-10-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti