Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Il panel test secondo il Ceq

È da considerarsi a tutti gli effetti un patrimonio italiano, nato per i meriti di Mario Solinas, un illuminato studioso pescarese che tanti anni fa aveva intuito i potenziali vantaggi connessi all’opportunità di apprezzare un olio extra vergine anche per le sue proprietà sensoriali

OO M

Il panel test secondo il Ceq

A distanza di tanti anni, dopo che in molte occasioni abbiamo utilizzato lo strumento per differenziare gli oli tipici e di qualità, dovremmo esserci convinti che il gusto e le proprietà nutrizionali dell’extra vergine, sono tra le armi più importanti, se non le uniche, in grado di differenziarlo agli occhi dei consumatori, dall’universo di proposte di grassi da condimento schiacciati su prezzi bassissimi e irraggiungibili.
Eppure, le insistenti voci che pervengono dal Consiglio Oleicolo Internazionale di Madrid, sembrano prospettare un percorso diverso legato a interessi commerciali estranei e incomprensibili per il Consorzio di Garanzia dell’olio Extra Vergine di qualità (Ceq Italia), che da sempre, da oltre 15 anni, ha posto al centro del proprio impegno, l’obiettivo di creare valore e consapevolezza per separare un prodotto da un mondo a lui estraneo.

Possiamo comprendere che la strada dell’efficienza e della standardizzazione possa ambire a ridurre sensibilmente quel gap di prezzo con gli oli vegetali concorrenti, al punto tale da ritagliare un mercato competitivo anche per un extra vergine o vergine che sia, ma si tratta di una strategia che il Consorzio di Garanzia ha sempre considerato inopportuna e penalizzante per un’olivicoltura come quella nazionale che vedrebbe vanificato quel vasto patrimonio di sensorialità, che dovrebbe invece poter valorizzare.

Il Consorzio di Garanzia, ha scelto da anni una direzione opposta e ha inserito l’analisi sensoriale tra le analisi obbligatorie per ottenere la sua garanzia di alta qualità rappresentata dal bollino del Consorzio. Su questa strada sono arrivati anche un importante gruppo di produttori spagnoli che con la loro associazione, QvExtraInternacional, hanno condiviso con il Consorzio italiano lo stesso sistema di controlli e di garanzia di qualità.

L’analisi sensoriale è lo strumento più potente in mano ai produttori di olio extra vergine per creare quel valore differenziale con gli altri grassi vegetali di cui il settore ha urgente bisogno e non sarà certo l’uso improprio fatto da taluni per demonizzare i propri competitor a decretarne l’archiviazione. Ben vengano le proposte per migliorarne l’oggettività e per regolarne l’uso ma senza penalizzarne la forza di comunicazione.

Un olio extra vergine di alta qualità, così come il Consorzio intende garantire, non potrebbe esistere senza poter valorizzare le sue peculiarità sensoriali e le sue proprietà nutrizionali, non potrebbe esistere senza l’analisi sensoriale.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 19-02-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese