Giovedì 19 Luglio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Le problematiche del panel

Cos'è il CVr%? Tutti coloro che si occupano di oli da olive e fanno parte di un panel di assaggio dovrebbero saperlo. Il Coi ha previsto l’utilizzo di un foglio di calcolo per la sintesi del risultato e per la valutazione delle performances di gruppo dei giudici. Siamo veramente sicuri che tale indice rappresenti un sistema attendibile e utile? Cosa succede con gli oli caratterizzati da bassi attributi, positivi o negativi?

Lorenzo Cerretani

Le problematiche del panel

Con questo articolo mi piacerebbe aprire un confronto con i capi panel e comunque con tutti gli addetti ai lavori che si occupano di analisi sensoriale degli oli da olive.
Come premessa, ribadisco la mia opinione relativa all’utilità dello strumento dell’analisi sensoriale per la valutazione merceologico-qualitativa degli oli prodotti dalle olive.

Il ruolo svolto dall’analisi sensoriale nella valutazione della categoria merceologica di appartenenza prima ma soprattutto nella nascita di una maggiore consapevolezza e quindi conoscenza di tali caratteristiche da parte degli operatori del settore è innegabile. Infatti, oggi molti operatori, dal mondo agricolo a quello trasformativo fino a quello dell’imbottigliamento, hanno avuto modo di conoscere più in profondità le caratteristiche dell’olio grazie all’analisi sensoriale e ai corsi di formazione correlati.
Quindi credo che l’analisi sensoriale dell’olio abbia rappresentato uno strumento tecnico ma anche uno strumento che ha permesso una maggiore diffusione delle conoscenze qualitative del prodotto.

Detto ciò, torniamo al primo punto. Al confronto con gli addetti ai lavori, a chi opera tra le cabine di assaggio.
Ovviamente è noto a tutti che oltre alla scheda di assaggio compilata dal singolo giudice è importante la fase successiva di analisi delle informazioni, la fase di sintesi. Questa sintesi è realizzata mediante un sistema di analisi statistica. Anche qui, va riconosciuto che il metodo di analisi sensoriale dell’olio è stato congegnato in modo molto approfondito e dettagliato prevedendo anche un metodo di analisi statistica dei risultati. Infatti, il COI ha previsto l’utilizzo di un foglio di calcolo per la sintesi del risultato e per la valutazione delle performances di gruppo. Il foglio di calcolo è stato aggiornato nel tempo seguendo le modifiche del metodo di analisi.

A mio avviso il principale punto di forza del metodo di analisi statistica è rappresentato dall’individuazione della mediana quale strumento di sintesi. La mediana permette infatti di fornire un valore che non è influenzato dagli outlier ovvero da quei singoli soggetti che per una specifico attributo abbiano fornito una valutazione distante dal gruppo.
Per quanto riguarda invece la valutazione della performance del gruppo si è fatto riferimento da sempre al CVr%. Il foglio di calcolo ricorda che tale valore deve essere inferiore a 20. Detto ciò, specificando che il mio approccio non è quello di uno statistico bensì di un utilizzatore, riporto alcune casistiche derivanti dall’utilizzo del foglio di calcolo (COI/T20/Doc. 15 Rev. 08).

Le 4 simulazioni riportate nella tabella precedente sono state realizzante considerando la partecipazione di 8 giudici (da A a H). Per ognuna è stato individuato un valore mediano (1, 4, 4, e 7); per 5 giudici è stato inserito il valore della mediana (1, 4, 4, e 7), per 2 giudici un valore distante di 1 unità dal valore mediano (2, 5, 3, e 8) e per 1 giudice un valore distante di 2 unità dal valore mediano (3, 6, 4, e 9).

Pertanto, in una situazione in cui sono stati simulati scostamenti analoghi dal valore centrale (dalla mediana), quindi di fatto sono stati simulate performances analoghe del gruppo dei giudici il risultato ha mostrato CVr% molto diversi al variare della mediana. Pertanto, a mio avviso tale indice non rappresenta un sistema attendibile ed utile per la valutazione delle performance del gruppo di giudici diversamente da quanto riportato nella definizione (COI/T.20/Doc. No15/Rev. 7):“Il CVr% rappresenta un numero puro che indica la percentuale di variabilità della serie di dati analizzata intorno la mediana; per questo motivo risulta molto informativo sull’attendibilità dei giudici del panel.”

Infatti, il CVr% risulta fortemente influenzato dal valore assoluto della mediana più che dalla variabilità intorno alla mediana. Pertanto tale influenza condiziona il giudizio della performance per i valori più bassi della mediana. Per intenderci gli oli caratterizzati da bassi attributi (positivi o negativi) è soggetto ad un maggiore CVr%. Per assurdo quindi gli oli caratterizzati da difetti di intensità leggera o allo stesso modo da attributi positivi (fruttato, amaro e piccante) leggeri hanno una più elevata possibilità di “mettere in crisi” il panel.

Per contro se si considerano i valori di CI (Intervalli di confidenza della mediana al 95 %) e più in particolare la variazione del CI per le simulazioni si può vedere che questo è sempre uguale a 1,2.
Pertanto tornando all’intento inziale, ovvero quello di confrontarsi con gli addetti ai lavori, apriamo il dibattito sull’argomento. Commenti e considerazioni in tal senso sono benvenute.

 

 

 

La foto di apertura è di Lorenzo Cerretani

Lorenzo Cerretani - 26-09-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Sono Matteo Grandi, chef e patron del ristorante De Gusto Cuisine (San Bonifacio, in provincia di Verona), Claudio Sadler, chef e patron del Ristorante Sadler (Milano) e Antonello Sardi, chef del ristorante La Bottega del Buon Caffè (Firenze) i tre finalisti della seconda edizione del Premio Laudemio, rispettivamente nelle categorie “secondo piatto”, “primo piatto” e “antipasto”

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è elemento cardine

In cucina non si può prescindere dalla scelta di un ottimo olio extra vergine di oliva. Il principio ispiratore deve essere riconducibile al territorio: gli oli del territorio con gli alimenti del territorio. Nostra intervista allo chef Vincenzo Butticè, del Ristorante “Il Moro” di Monza, nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese