Mercoledì 17 Gennaio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Nel segno di Olea

Il comitato di assaggio professionale della nota scuola di assaggio presieduta da Renzo Ceccacci ha inaugurato lo scorso 15 dicembre a Jesi, nelle Marche, la nuova sala Panel e il proprio centro operativo. Oltre ai tradizionali corsi, vi si svolgeranno attività di valutazione sensoriale degli oli da olive ma anche incontri di formazione per i giudici assaggiatori

OO M

Nel segno di Olea

L’inaugurazione è stata un successo, e segna un altro momento storico da incorniciare per l’associazione Olea. La struttura inaugurata a Jesi è stata messa a disposizione dalla nota azienda Pieralisi. La scuola di assaggio di Olea opererà in piena autonomia e indipendenza, svolgendo le proprie attività di valutazione sensoriale degli oli di oliva ma anche di formazione dei giudici assaggiatori.

La struttura, inaugurata lo scorso 15 dicembre, è suddivisa su due piani e include una sala panel completamente attrezzata affiancata a una sala per la riunione collegiale del gruppo dei giudici, oltre a una sala per la conservazione dei campioni e per la preparazione per l’assaggio.

Al piano superiore la struttura mette a disposizione diversi spazi da dedicare alle attività didattiche. Nella nuova struttura Olea opererà con il proprio comitato di assaggio (panel) accreditato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) lo scorso 23 ottobre 2017.

I comitati di assaggio sono regolamentati da una normativa nazionale che prevede percorsi specifici di formazione e di accreditamento. L’attività di formazione dei giudici inizia con i corsi di idoneità fisiologica all’assaggio e prosegue con le sedute di assaggio che hanno lo scopo di aumentare la propria esperienza nel tempo.

Per la costituzione di un Comitato di assaggio è necessario rispondere positivamente alle prove di riconoscimento certificate da un ente terzo incaricato dal Mipaaf.

Il centro operativo di Olea a Jesi
Il taglio del nastroI membri del Comitato di assaggio OleaUn momento della festa inauguraleEsposizione di oliIl capo panel Lorenzo Cerretani all'interno di una cabina di assaggio

 

Renzo Ceccacci presidente di Olea e giudice del comitato ha ribadito l’importanza della giornata inaugurale e del centro che potrà rappresentare un luogo di formazione e di informazione rivolto anche alle scuole.
Ceccacci ha inoltre ricordato come, “con le scuole elementari, abbiamo attivato da alcuni anni il progetto L’olio di casa mia attraverso il quale i bambini portato l’olio che le mamme usano in casa, lo abbinano ad una carta di identità che raccoglie tutte le informazioni (luogo di acquisto, eventuali peculiarità dell’olio che i genitori vogliano raccontare, prezzo di acquisto, ecc.) e quindi l’olio viene raccolto da Olea per essere sottoposto alla valutazione sensoriale. Il risultato è sconfortante perché mette in evidenza troppo spesso che gli oli sono caratterizzati da molti difetti”, ha aggiunto il presidente Olea Renzo Ceccacci. "Va spiegato a tutti - ha proseguito Ceccacci -che l’olio rancido va buttato e invece le famiglie rischiano di abituarsi a questo e ad altri difetti”.

I capi panel Giorgio Sorcinelli e Lorenzo Cerretani hanno a loro volta raccontato il percorso di accreditamento del panel Olea da parte del Mipaaf. Il percorso è stato piuttosto rapido e comunque non ha avuto intoppi, e questo grazie all’esperienza già maturata da gran parte dei giudici membri del comitato; sono diversi i giudici che hanno operato per anni in altri panel, alcuni sono anche abilitati a svolgere la funzione di capi panel e tutti hanno maturato esperienza nei numerosi concorsi organizzati da Olea a livello locale e nazionale.

Quanto all’ultimo concorso in ordine temporale, il 18° concorso regionale “L’Oro delle Marche”, nell’occasione dell’inaugurazione, al piano superiore dello stabile, è stata allestita l’esposizione di tutti gli oli che vi hanno partecipato.

Erano presenti all’inaugurazione anche il vescovo Gerardo Rocconi, che ha officiato la benedizione della struttura, il padrone di casa, Gennaro Pieralisi, che ha tagliato il nastro, e inoltre il consigliere regionale Enzo Giancarli, il sindaco di Jesi Massimo Bacci e il dirigente Assam Cristina Martellini.

 

 

OO M - 16-12-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

La nota azienda marchigiana è particolarmente sensibile al tema salutistico, tanto che qualche anno fa ha realizzato il primo olio funzionale al mondo, il Petrini plus - brevettato - con le vitamine D3, K1 e B6, atte a favorire l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa, dagli effetti comprovati da tests clinici

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato