25 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Scuole di assaggio, di tutto di più

Corsi e corsetti in giro per l’Italia. C’è chi si presenta con l’appellativo di “accademia”, magari riportando il nome in inglese perché fa più chic. Il mondo della formazione e degli esperti assaggiatori di oli da olive rappresentano uno scenario davvero multiforme

Nicola Caporaso

Scuole di assaggio, di tutto di più

Il mondo dell’olio di oliva è un mondo affascinante. E molto ricco di unicità e fantasia: non esiste, infatti, altro alimento al mondo che per essere venduto ha bisogno di essere assaggiato. Un po’ come gli assaggiatori delle corti imperiali, a cominciare dalla dinastia Shang. Scherzi a parte, ciò che viene percepito dai non addetti ai lavori come qualcosa di banale, ludico e addirittura uno spreco di tempo e di risorse, in realtà è spesso l’unico modo che gli organi ufficiali di controllo hanno per poter valutare se un olio extra vergine o vergine è davvero tale o dovrebbe appartenere ad una categoria merceologica inferiore.

Lo scenario burocratico nazionale e internazionale ha subito cambiamenti durante gli ultimi anni, in cui si è andato sempre più definendo e consolidando un metodo per l’analisi sensoriale di questo prodotto. L’organismo più importante del settore è il Consiglio Oleicolo Internazionale (COI), che rappresenta quasi tutti i paesi produttori di olio di oliva. Data la sua autorevolezza, molte associazioni, società, manifestazioni varie hanno cercato di creare nomi che richiamassero quello del COI. A volta cambiando l’ordine delle parole, altre sostituendole con sinonimi, altre aggiungendo “scuola” o “accademia”, magari in inglese che fa più chic.

A volte creando addirittura un registro proprio, del quale – a differenza di quello ufficiale previsto dalla legge per qualsiasi membro COI – non è chiara l’utilità, la finalità e il valore.
Spesso all’assaggio dell’olio extra vergine di oliva, non si sa se svolto secondo il metodo ufficiale e da persone competenti, si aggiungono assaggi di vari altri prodotti gastronomici, magari della tradizione locale, giusto per allungare il brodo. Il tutto, ovviamente, accompagnato da un bel panorama e location importante, di forte attrazione turistica.

Forse nulla di male, è anche questo un business, e da tale va trattato. Se c’è chi vuole conoscere l’olio e vuole pagare per questo, ben venga! Se ci sono persone che non conoscono il prodotto, e soprattutto dall’estero sono affascinate dall’olio, facciamogli fare una vacanza con assaggi guidati.
Ma, per favore, che non vengano denominati corsi per esperti, corsi specialistici, corsi professionalizzanti. Diamo il giusto nome, in modo da evitare confusione. La stessa confusione (ma potrebbe essere ancora peggio per l’olio) che si vede a volte con il vino, in cui il consumatore non percepisce la differenza fra un agronomo, un enologo, un enotecnico, un sommelier o un appassionato di vino senza alcuna qualifica.

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

 

Nicola Caporaso - 31-03-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Nicola Caporaso

Laurea di primo livello in Scienze e Tecnologie agrarie, laurea Magistrale in Scienze e tecnologie delle produzioni agrarie, entrambe presso l'Università Federico II di Napoli, con massimo dei voti e lode. Attualmente svolge il dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie agro-alimentari presso il Dipartimento di Agraria dello stesso ateneo, occupandosi di olio di oliva, gastronomia ed emulsioni alimentari. Ha esperienze di studio e ricerca presso l'Università di Córdoba (Spagna), Dublin Institute of Technology (Irlanda) e l'Università di Jaén (Spagna). E’ appassionato di cucina, nuove tecnologie e divulgazione scientifica e tecnica.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza” > Francesco Bruzzo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo