Venerdì 24 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Scuole di assaggio, di tutto di più

Corsi e corsetti in giro per l’Italia. C’è chi si presenta con l’appellativo di “accademia”, magari riportando il nome in inglese perché fa più chic. Il mondo della formazione e degli esperti assaggiatori di oli da olive rappresentano uno scenario davvero multiforme

Nicola Caporaso

Scuole di assaggio, di tutto di più

Il mondo dell’olio di oliva è un mondo affascinante. E molto ricco di unicità e fantasia: non esiste, infatti, altro alimento al mondo che per essere venduto ha bisogno di essere assaggiato. Un po’ come gli assaggiatori delle corti imperiali, a cominciare dalla dinastia Shang. Scherzi a parte, ciò che viene percepito dai non addetti ai lavori come qualcosa di banale, ludico e addirittura uno spreco di tempo e di risorse, in realtà è spesso l’unico modo che gli organi ufficiali di controllo hanno per poter valutare se un olio extra vergine o vergine è davvero tale o dovrebbe appartenere ad una categoria merceologica inferiore.

Lo scenario burocratico nazionale e internazionale ha subito cambiamenti durante gli ultimi anni, in cui si è andato sempre più definendo e consolidando un metodo per l’analisi sensoriale di questo prodotto. L’organismo più importante del settore è il Consiglio Oleicolo Internazionale (COI), che rappresenta quasi tutti i paesi produttori di olio di oliva. Data la sua autorevolezza, molte associazioni, società, manifestazioni varie hanno cercato di creare nomi che richiamassero quello del COI. A volta cambiando l’ordine delle parole, altre sostituendole con sinonimi, altre aggiungendo “scuola” o “accademia”, magari in inglese che fa più chic.

A volte creando addirittura un registro proprio, del quale – a differenza di quello ufficiale previsto dalla legge per qualsiasi membro COI – non è chiara l’utilità, la finalità e il valore.
Spesso all’assaggio dell’olio extra vergine di oliva, non si sa se svolto secondo il metodo ufficiale e da persone competenti, si aggiungono assaggi di vari altri prodotti gastronomici, magari della tradizione locale, giusto per allungare il brodo. Il tutto, ovviamente, accompagnato da un bel panorama e location importante, di forte attrazione turistica.

Forse nulla di male, è anche questo un business, e da tale va trattato. Se c’è chi vuole conoscere l’olio e vuole pagare per questo, ben venga! Se ci sono persone che non conoscono il prodotto, e soprattutto dall’estero sono affascinate dall’olio, facciamogli fare una vacanza con assaggi guidati.
Ma, per favore, che non vengano denominati corsi per esperti, corsi specialistici, corsi professionalizzanti. Diamo il giusto nome, in modo da evitare confusione. La stessa confusione (ma potrebbe essere ancora peggio per l’olio) che si vede a volte con il vino, in cui il consumatore non percepisce la differenza fra un agronomo, un enologo, un enotecnico, un sommelier o un appassionato di vino senza alcuna qualifica.

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

 

Nicola Caporaso - 31-03-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Nicola Caporaso

Laurea di primo livello in Scienze e Tecnologie agrarie, laurea Magistrale in Scienze e tecnologie delle produzioni agrarie, entrambe presso l'Università Federico II di Napoli, con massimo dei voti e lode. Attualmente svolge il dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie agro-alimentari presso il Dipartimento di Agraria dello stesso ateneo, occupandosi di olio di oliva, gastronomia ed emulsioni alimentari. Ha esperienze di studio e ricerca presso l'Università di Córdoba (Spagna), Dublin Institute of Technology (Irlanda) e l'Università di Jaén (Spagna). E’ appassionato di cucina, nuove tecnologie e divulgazione scientifica e tecnica.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Il codice sensoriale della carne, edito dal Centro Studi Assaggiatori in collaborazione con Narratori del gusto, aiuterà a rispondere alle domande dei consumatori di fronte alla scelta della carne migliore. Attraverso i sensi, si può imparare a scegliere una carne di qualità

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo