Giovedì 24 Maggio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > turismo

Vent'anni di Frantoi aperti

Vent'anni di Frantoi aperti

Correva l’anno 1997. In Umbria non c’era ancora la Dop, si cominciava la raccolta a fine novembre, si mettevano le olive nei sacchi di iuta, ancora in tanti frantoi vi erano le macine in pietra. Ora tutto è cambiato. In quegli anni, in quell’incubatore di idee che è stato il Centro Agroalimentare dell’Umbria guidato da Marco Caprai, nasceva l’embrione di “Frantoi Aperti"


Il turismo dell’olivo e dell'olio

Il turismo dell’olivo e dell'olio

Secondo lo studioso spagnolo Juan Vilar, l’oleoturismo, se ben definito e organizzato strategicamente, può servire a incrementare la competitività dell’olivicoltura tradizionale. Si ridurrebbero in tal caso gli alti costi di produzione, aumentando nel contempo il rapporto di fiducia con il consumatore-turista


Il Paese degli ulivi millenari

Il Paese degli ulivi millenari

Oleo Revista accende i fari su Canet lo Roig, località della provincia di Castellón. “El pueblo de los olivos milenarios”, è il caso di dire. Nel 2016 la Asociación de Municipios del Olivo ha attribuito a un ulivo di questo comune il titolo di “Migliore ulivo monumentale di Spagna”, non a caso divenuto protagonista del film di Itziar Bollaín, “El Olivo”


Olivicoltori per passione

Olivicoltori per passione

A Settimo Vittone, in provincia di Torino, si è raggiunto un numero di piante di olivo che supera ormai le duemila unità. Queste ultime, aggiunte a quelle esistenti nell’intero territorio del Canavese e della bassa valle d’Aosta, superano in tutto le quarantamila piante. L'impegno ammirevole del Circolo Molino Lingarda


Viaggio in Irlanda

Viaggio in Irlanda

Sulle orme di William Butler Yeats, il fotografo Alberto Martelli ci porta idealmente con sè, attraverso un percorso per immagini, riuscendo così, molto abilmente, a farci cogliere ogni possibile emozione anche a distanza dai luoghi ritratti


La casa delle creature

La casa delle creature

Strategie alternative del vivere in natura. Un interessante workshop di autocostruzione di spazi per l’ospitalità dei bambini nel Parco agricolo dei Paduli nel Salento. Una iniziativa in programma presso l'uliveto pubblico di San Cassiano, in provincia di Lecce. L'edizione 2016 del progetto “Nidificare i Paduli” va da giovedì 4 a domenica 7 agosto


Camminare sulle acque, si può

Camminare sulle acque, si può

Mancano poche ore all’apertura dell’ultima straordinaria opera di Christo, The Floating Piers, sul Lago d’Iseo. Dice l’artista: “Vi farò camminare sulle acque, meglio se verrete senza scarpe; sarà una passeggiata dove sentirete le onde sotto i vostri piedi”


Rilassatevi, c’è l’olio nuovo

Rilassatevi, c’è l’olio nuovo

Quello appena franto c’è, ed è anche buono: molto buono. Per celebrarlo, in Umbria, torna “Frantoi Aperti”. Il genius loci di questa terra? E’ in un olio unico, fruttato e con profumi d'erba tagliata, ma anche di mandorla e carciofo. La carta vincente? La Dop, che ha strappato l’olio dalla bassa gamma delle commodity per elevarlo ai piani alti


Il bosco di San Francesco

Il bosco di San Francesco

Ad Assisi il Fai, Fondo Ambiente Italiano, ha recuperato un gioiello della natura di grande fascino e impatto emotivo e spirituale. E' sicuramente un buon inizio, un bel modo per riprendersi dalle tante deforestazioni selvagge, come suggerisce Elena Macellari attraverso una galleria fotografica


Dire Rioja significa dire vino

Dire Rioja significa dire vino

Potete saggiarne la bellezza a Expo, questa settimana. Il 21 maggio sarà tra l’altro possibile degustare anche gli oli da olive Redondilla e Royuela. L’ideale è farc un salto per una vacanza, visitando la regione più piccola della Spagna, appena cinquemila chilometri quadrati, magari percorrrendo in bicicletta o a cavallo i numerosi vigneti


Viaggio tra gli olivi in Istria

Viaggio tra gli olivi in Istria

Non è solo mare e vacanze estive questa terra che sa ancora d’Italia. C’è un estesa presenza di olivi nella campagne coltivate che si percepiscono come fossero "orti dell’anima". Il racconto di un’esperienza vissuta in prima persona, in giro per olivi, frantoi, ristoranti e negozi


Nel cuore della storia

Nel cuore della storia

Grande interesse per il progetto di restauro del Fai all’Abbazia di Santa Maria di Cerrate. A lavori compiuti, emergerà la duplice anima del luogo: da un lato la storia religiosa di un importante centro di monaci italo-greci e di un celebre scriptorium, dall’altro la storia contadina di una masseria pugliese, la cui più importante testimonianza è rappresentata dai frantoi scavati nella roccia


Il micro turismo su internet

Il micro turismo su internet

Per Bed & breakfast e agriturismi puntare sulla rete può essere la migliore delle strategie possibili, ma occorre saper agire bene. I vantaggi si possono cogliere non soltanto usando bene lo strumento, ma creando contenuti utili ed efficaci


Una oleoteca

Una oleoteca "parlante"

E’ per certi versi una propaggine fisica dell’antico frantoio musealizzato di Seggiano, in provincia di Grosseto. Vi si respira un’atmosfera del passato, ma è come immergersi nel futuro. E’ sufficiente guardare come è stato allestito lo spazio per rendersene conto


Chi è l’ospite di un B&B

Chi è l’ospite di un B&B

Il turismo della microricettività: solo pernottamento e prima colazione in famiglia. La formula del Bed and Breakfast si sta facendo largo con successo. Il ritratto che ne fa l’esperta ci offre l’identikit dei soggetti che decino di scegliere questa opzione. C'è chi cerca l’ambiente e l’ospitalità familiare, chi una soluzione più economica, chi è in giro per affari o si sposta per lavoro, chi è solo di passaggio e chi ama il turismo creativo


Aprire e gestire un B&B

Aprire e gestire un B&B

Con l’arrivo di Expo 2015, in tanti si rendono finalmente conto di quanto costituisca una importante fonte di reddito certo la formula "letto e colazione". Si tratta di un modo di far turismo dal basso. Non è richiesta la partita Iva per un Bed & Breakfast, la gestione è semplice e la burocrazia, almeno finora, è ridotta al minimo


La bellezza delle reti sotto gli olivi

La bellezza delle reti sotto gli olivi

Mentre i giornali danno sfogo alla fantasia nel gettare un'ombra sinistra sullo stato dell'olivicoltura, tra Xylella fastidiosa e mosca olearia, nel Salento gli alberi vivono uno stato di grazia, tra il verde della vegetazione sottostante e le reti pronte ad accogliere le olive al minimo cenno di cedimento, senza perderne nessuna


Il vigneto sul Castello angioino

Il vigneto sul Castello angioino

A Copertino campeggia in bella vista su bastioni e terrazze il vitigno Negroamaro. A credere nell’iniziativa, l’enologo Pizzolante Leuzzi e il presidente della cantina sociale della città salentina. Documenti storici raccontano che già in passato le mura e i camminamenti erano utilizzati come giardini pensili coltivati a uliveto e vigneto


Vedute di finestre

Vedute di finestre

Ci si affaccia sempre molto volentieri, per godersi il panorama, o comunque per prendere un po’ d’aria o per curiosare e sapere cosa accade o udire il vociare all’esterno. Non sempre, tuttavia, ci si sofferma su di loro, a osservare proprio loro: le finestre


Il traktor story di Silvio Legovic

Il traktor story di Silvio Legovic

Non siete ancora stati in Istria e non avete visitato il complesso di Baredine con la grotta e le sue meraviglie sotterranee? Grave errore, non esiste solo il mare. Se siete in zona, non perdete la storica collezione di trattori


Ed è LovOlio Puglia

Ed è LovOlio Puglia

Secondo libro per Cosimo Damiano Guarini. A distanza di una settimana da LovOlio, è tempo di LovOlio Puglia, una sorta di viaggio di iniziazione all'insegna dell'olio da olive. La vera Puglia, secondo l’autore, agronomo di professione, non può che fondarsi sull’olivo, che è poi il grande padre tutelare di una regione che ha fatto dell’olio la propria miniera


| 1 | 2 | >>

INOLTRE
OLTRE
PARTNERS
Enoplastic Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 22 maggio 2018

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

Si chiama Naturalmente biologico ed è una abbinata tra due cultivar binarie

Si chiama Naturalmente biologico ed è una abbinata tra due cultivar binarie

In Puglia ci sono due varietà di olive, di carattere opposto, che si integrano alla perfezione. Insieme, costituiscono un olio che piace molto al consumatore. Il nome di quest’olio extra vergine di oliva richiama esplicitamente la coltivazione biologica degli ulivi, e reca la firma di Agridè > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

È il frutto della tradizione gastronomica ligure che nulla ha a che vedere con  la altrettanto celebre farinata, pur essendo una preparazione a base di farina di ceci. Per chi ama il fritto, è una gran delizia > Marco Damele

EXTRA MOENIA
I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

I monocutivar del Frantoio del Poggiolo Monini

Nuovi prodotti. Frantoio, Nocellara e Coratina. Sono in tutto tre oli extra vergini di oliva. Tutti e tre 100% biologici e 100% italiani, ciascuno dei quali espressione di una singola varietà di olivo. Una iniziativa che si inserisce in un progetto che va alle radici della cultura dell’EVO, legando gusto e territorio 

Filiera produttiva tracciata per la Nicola Pantaleo

Filiera produttiva tracciata per la Nicola Pantaleo

Piano di sviluppo da sette milioni di euro per l’acquisto e la messa a coltura di 150 ettari di terreno e la realizzazione del frantoio. L’azienda pugliese di Fasano chiude la filiera produttiva e traccia i suoi extra vergini dalla pianta alla bottiglia con un QR-Code in etichetta

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Nutrirsi bene è un'arte

The art of healthy eating. Una storia vera e di grandi emozioni, che evoca la grande tradizione olivicola e olearia della Puglia, la paziente cura del territorio e il forte legame con il prezioso succo di olive. Così, in un fascinoso spot in lingua inglese, Masserie di Sant’Eramo presenta il proprio mondo e il frutto del proprio lavoro: l’olio extra vergine di oliva

The Legend, l'olio sott'acqua

Nostra intervista a Jean Paul Mifsud, patron di Barbuto Natural, Premio Idea Innovativa conseguito alla quinta edizione del Premio Le Forme dell'Olio. Da cosa nasce tale progetto e a cosa punta? 

Come si fa a ottenere un grande olio

Nostra intervista al produttore ligure di Albenga Agostino Sommariva, in occasione della settima edizione di Olio Officina Festival. La qualità si fa ovunque, il territorio la caratterizza

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?