Venerdì 24 Marzo 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > turismo

Olivicoltori per passione

A Settimo Vittone, in provincia di Torino, si è raggiunto un numero di piante di olivo che supera ormai le duemila unità. Queste ultime, aggiunte a quelle esistenti nell’intero territorio del Canavese e della bassa valle d’Aosta, superano in tutto le quarantamila piante. L'impegno ammirevole del Circolo Molino Lingarda

OO M

Olivicoltori per passione

Il “Circolo Molino Lingarda” è un’associazione di volontariato. L' atto costitutivo è registrato presso l'Ufficio del Registro d'Ivrea (TO) il 21 aprile dell'anno 2000 al N° 2354 Serie 3. L’associazione  - come ci confidano dal consiglio direttivo - si prefigge gli obiettivi della protezione e della valorizzazione dell'ambiente, della promozione della cultura, della tutela del patrimonio storico ed artistico".

"A parte le attività ricreative e culturali, il grande interesse è rivolto al recupero e alla valorizzazione del territorio riportando, ai piedi delle Alpi, la coltivazione della pianta di Noè, ovvero l'olivo. A tale proposito - aggiungono - l’associazione è soddisfatta di potere testimoniare che nel territorio di Settimo Vittone (TO) si è raggiunto un numero di piante di olivo che supera le duemila unità. Queste ultime, aggiunte a quelle esistenti nell’intero territorio del Canavese e della bassa valle d’Aosta, superano le quarantamila piante".

"Il nome del Circolo - precisano dall'associazione - è stato preso in prestito dall'antico molino del Castello di Settimo Vittone (TO), in onore della leggendaria Ansgarda, regina dei Franchi e sposa, poi ripudiata, di Luigi II pronipote di Carlo Magno. Il toponimo Lingarda, infatti, altro non è che l'alterazione del nome di Ansgarda".

Si tratta di una realtà interessante, che ci piace far conoscere. "Come associazione - dicono - gestiamo ormai, dal 2010, il frantoio comunale di Settimo Vittone, intestato alla figura di Vito Groccia, ex presidente storico del circolo oramai scomparso". 

Chi l'avrebbe detto che in Piemonte vi sia una attenzione così qualificata nei confronti di una olivicoltura che in verità ha una storia e tradizione consolidata, come si evince da molte fonti storiche. L’associazione organizza ormai da anni la manifestazione denominata “Sagra delle Olive e dell’olio extravergine della Riviera Settimese”. Questa si svolge ogni anno, nella giornata della domenica delle Palme. "Con l’anno 2017, siamo giunti alla XVI^ edizione", lo dicono con orgoglio.

"Durante la manifestazione - aggiungono - è possibile degustare e acquistare l’olio prodotto nel territorio di Settimo Vittone dalle diverse realtà agricole che hanno avviato la coltivazione degli olivi e la conseguente produzione di olio extra vergine di oliva".

L'impegno è a tutto tondo, l'associazione cerca di dare risalto a proprio lavoro e così, come loro stessi dichiarano, dal 2015 partecipano alla manifestazione "Olio di Famiglia", organizzata dal presidente di Terra Sud Mimmo Lavacca, manifestazione-concorso che noi di Olio Officina sosteniamo e rilanciamo ogni volta, giacché rivolta a olivicoltori dilettanti. "Nel 2015 e nel 2016 ci confidano dal consiglio direttivo dell'associazione - abbiamo ricevuto il premio della critica per il nostro olio".

"Anche se con mille difficoltà, anche quest’anno organizzeremo la Sagra nelle giornate di sabato 8 e domenica 9 aprile. Nel pomeriggio di sabato, alle 17, presso la Sala del Consiglio del Comune di Settimo Vittone, si terrà un incontro volto alla presentazione del prodotto 2016 e delle attività svolte dal frantoio e dall’associazione". C'è grande fermento in giro, tant'è che con questa sagra si cerca di valorizzare l'olio individuando consumatori attenti e sensibili. Nella giornata di domenica 9 aprile vi sarà la possibilità di visitare il mercatino dei prodotti tipici per le vie del paese e di acquistare l’olio prodotto nel 2016. Insomma, i riferimenti ci sono tutti, non resta altro che prenderne atto ed esserci, testimoniando la propria vicinanza a un areale olivicolo che promette sorprese.

OO M - 20-03-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Una “Meraviglia” d’olio

Una “Meraviglia” d’olio

Qualcuno ha avuto modo di conoscere l’artista delle maschere, Lory Masks Musizza? Non è soltanto nota per le sue creazioni che vanno a ruba, di cui ne fanno incetta anche i registi di film famosissimi. Lory, un’istriana croata, è anche una produttrice di oli d’eccellenza > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Appunti sull'olio di oliva

Appunti sull'olio di oliva

Una iniziativa lodevole dell'azienda olearia Nicola Pantaleo di Fasano di Puglia, orientata a fornire al consumatore una sorta di "istruzioni per l'uso". Già, perché in tanti consumano gli oli da olive, ma in pochi ne conoscono davvero le differenti qualità, ma soprattutto in pochi ne sanno riconoscere la qualità > Maria Carla Squeo

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Olio Officina Almanacco 2017

Olio Officina Almanacco 2017

È in libreria il quinto numero dell'annuario dedicato al mondo degli oli da olive, ma anche, per estensione, a temi inerenti la sfera alimentare e la ruralità. Una pubblicazione della nostra casa editrice