Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > che olio sei

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

OO M

Le scelte di Alessandra Lofino

La passione per la cucina l’ha ereditata dalla nonna. “Ero sempre con lei, da piccola, quando preparava le sue orecchiette e i cavatelli, e mille altri piatti. Diceva che avevo le mani calde, quelle giuste per poter lavorare la pasta. Io non capivo, poi ho compreso l’utilità di questa dote che non tutti hanno. Poi la fantasia, in cucina, spesso inventando ricette, con la sola immaginazione. Ecco – aggiunge – io mi diverto a cucinare e quasi mai assaggio, quando sono io la cuoca: mi basta l’odore e il profumo,. E’ proprio così che ho imparato”.
La giornalista Alessandra Lofino non ha lasciato in secondo piano la sua passione e ha così iniziato a seguire percorsi di gastronomia per scoprire i segreti degli chef, cominciando a intervistarli. “Quasi ero incantata dalla loro emozione e imbarazzo a parlare dei loro piatti” – osserva. Intervistandoli in cucina, li vedeva “un po’ timidi e un po’ distratti dai fumi dei fornelli”.

La Lofino ha realizzato innumerevoli servizi, andati in onda nell’emittente presso cui lavorava, il Gruppo Norba, e dove lavora tutt’ora, ma da collaboratrice esterna e come autrice di alcuni approfondimenti. “Ho raccontato come valorizzare il territorio pugliese con l’intervento di tanti esperti e ricercatori, spaziando dai temi dell’agricoltura a quelli più specifici enologici e gastronomici, soffermandomi sull’importanza dei prodotti locali, esplorando e ricercando ristoranti con produzione propria di prodotti, poi portati in tavola, direttamente dall’orto”.

La Lofino è stata conduttrice e ha co-coordinato una trasmissione che va tutt’ora in onda, sempre sul Gruppo Norba: “I colori della nostra terra”. Da qui anche la sua attività di blogger, Filo alle Stellle.

Tre libri del cuore per affrontare con gioia l'autunno...

Storie in cucina. Ricordi, racconti e ricette, di Caterina Stiffoni, edito da Contrasto. Mi diverte gironzolare tra gli spazi espositivi delle librerie. Molti di noi sono incuriositi e leggono titoli e recensioni, cercando il proprio libro, come si cerca un amico, di cui fidarsi. Un po’ per caso, questo libro che racconta l’amore per la cucina, mi è apparso davanti, mi ha attratto la parole “racconti”, poi, la parola “storie”, quelle che mi piace ascoltare e raccontare e poi, la parola “ricordi”. Un po’ appresenta la missione di noi pugliesi, che stiamo recuperando tradizione e storia culinaria che stava scomparendo, per dare spazio al convenzionale. Eravamo presi e condizionati da una buona attività di marketing di grandi marchi multinazionali, senza far caso più ad una risorsa che per noi è diventata volano della nostra economia: i prodotti locali. L’autrice racconta di una cucina, quella di sua nonna. Questo mi ha dato la conferma a concedermi un regalo.

Altro titolo: Frammenti di un discorso culinario, di Piero Ricci e Simona Ceccarelli, edito da Gierini e associati. Stile ironico, ma anche di larga leggibilità, oggetto di questo testo, è una ragnatela di rifrazioni tra tracce di scrittura e manipolazioni culinarie; è contiguità tra parole e bocconi. Da qui, i titoli ai paragrafi “mangiar le parole” e “mordersi la lingua”. In pratica, il pasto diventa testo, dalla preparazione del piatto alle trasformazioni che avvengono in cucina.

Infine Chef e Gourmet, un diario semiserio di un grande cuoco e di un discreto buongustaio, di cui sono autori Nicola Batavia e Massimo Roscia, pubblicato per Daniela Piazza Editore. Un volume insaporito con gustosissime ricette di cucina tradizionale, intervallate da racconti, come fosse un diario a quattro mani. Ho provato a fare anche qualche ricetta, oltre ad averla provata preparata dallo chef a Torino, e mi sono divertita a leggerlo. La scelta dello schizzo al posto della foto della ricetta, mi è piaciuta un sacco!

Anche se la qualità la si produce ovunque, là dove c'è la capacità dell'uomo di osservare le buone regole, vi sono tuttavia gli extra vergini che sono i preferiti indipendentemente da tutto. Che caratteristiche hanno quelli utilizzati da te? E da quale territorio provengono?

Si, è vero, la buona qualità si dovrebbe produrre ovunque, ma non è sempre così. In ogni caso, sono due le varietà che preferisco e che mi fanno prendere chili, ahimè, perché mi piace degustarlo con i “pani”. Riesco a perdermi di gusto, se a tavola, trovo i miei due oli preferiti e le varie tipologie di pane!
La prima è la Leccina, dal sapore delicato - c’è un olio in particolare che si realizza con le Leccine nel sud est barese. L’altra è la Coratina, siamo nel territorio del nord barese. Mi piace troppo sentire quel piccantino sulla lingua. A molti non piace. Ecco, due varietà agli opposti. Un po’ come sono io, razionale e istintiva. Del resto, le preferenze di gusti relative all’alimentazione, rispecchiano in toto la nostra personalità. Bisogna assecondarle. Non credi?

Qual è il ristorante oliocentrico preferito, quello nel quale l'olio da olive viene molto valorizzato?

Per i vari percorsi di degustazione, mi ritrovo ad assaporare piaceri della tavola in diversi ristoranti, ma, nelle giornate in cui hai bisogno di rilassarti e farti sorprendere dal gusto, scegli i tuoi preferiti, dove degusti ad occhi chiusi, per poi aprirli e restare incantato dal modo in cui viene preparato un piatto, dai colori e dai profumi che emana. Il mio ristorante oliocentrico preferito è Menelao A Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi, un palazzotto del ‘700 che propone piatti, dove l’olio diventa protagonista, come fosse una firma dello chef. L’olio è di produzione propria, e si coltiva nella Tenuta Villa Menelao, nelle campagne tra Turi e Rutigliano, la cui spremitura avviene a freddo, presso un frantoio che si trova in contrada San Marco, a Locorotondo, nel cuore della Valle d’Itria. Ed è proprio in questo ristorante, che non smetto mai di assaggiare i pani con l’olio, facendo finta di non averne compreso il gusto! Scherzo, naturalmente ma, man mano che giri, diventi sempre più esigente e mi capita che,quando non trovo la bottiglia dell’olio sulla tavola,insieme a posate e bicchieri, lo chiedo al ristoratore e, in Puglia, non dovrebbe mai accadere di non trovare già sulla tavola olio e cruditè.

OO M - 05-10-2015 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo