Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > che olio sei

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

OO M

Le scelte di Antonella Millarte

Più che una giornalista, è – come ama definirsi – un “segugio” che cerca, scopre, codifica e divulga gli sterminati giacimenti del gusto di Puglia e Basilicata.
Riesce a non essere accademica, eppure l’enciclopedia dei sapori di questi due territori confinanti e “fratelli” l’ha esplorata in lungo e in largo.

Antonella Millarte ha iniziato dalle materie prime, lavorando per anni con i produttori di Puglia e Basilicata per comunicare al mondo del gusto le loro peculiarità e farne apprezzare le bontà. Con la leggerezza di chi sembra nata in un orto, fra i fornelli si muove con agilità e da anni è la “voce” narrante - in Italia e in tutto il mondo – di grandissimi chef come Gianfranco Vissani, Gualtiero Marchesi, Pietro Zito, Domenico Maggi, Peppe Zullo, Federico Valicenti, Marianne Hunnel, Bob Waggoner, Ugo Alciati, Antonella Ricci e Vinod Sookar.

Ha avuto il privilegio di collaborare con i più noti gastronomi italiani quali Paolo Marchi, Luigi Cremona, Davide Paolini il Gastronauta nonché con l’oleologo Luigi Caricato.

Questo lunghissimo percorso della buona tavola, unita al buon vino ed al buon extravergine, è iniziato al Fancy Food di New York nel lontano 1990 e continua ancora oggi con grande passione. Dietro ai fornelli si cimenta come chef onorario, ma più per gioco.

Attualmente Antonella Millarte coordina “La Guida al Buongusto di Puglia e Basilicata” (ricette inedite, vini e birre artigianali) edito da “La Gazzetta del Mezzogiorno”. E’ stata inoltre l’autore de La Guida ai Vini Buoni d’Italia, La Puglia è Servita Per il vino e per l’olio), l’Atlante della Tavola del Pollino in Basilicata e l’Altlante dei tipici del Nord Barese

I libri del cuore di Antonella Millarte per questo fine estate 2015

Passione e lavoro, vita quotidiana e il piacere di poter passare un po’ più di tempo ai fornelli. Ecco, la mia estate è sempre all’insegna dei sapori. Tutto rallenta un po’ e il piacere di leggere va sempre in quella direzione: conoscere, sapere e saper gustare, abbinando al meglio. Ma c’è tutto un mondo, quello del made in Italy,che ruota attorno ad uno scaffale del supermercato oppure al menu di un ristorante, o nella nostra cucina. Mi è piaciuto esplorarlo, facendomi condurre da chi dal di dentro lo conosce a menadito. Ci salveranno gli chef. Il contributo della cucina italiana alla crescita del sistema agroalimentare, di Alessandra Moneti e di Denis Pantini, edito da Agra, è stata una lettura illuminante, e che consiglierei a chi ha – come me – un grande amore per il food: è un mondo che va capito, a 360 gradi.

Anche quest’anno, puntualmente, prima dell’estate ho preso cinque kg. Come? Assaggiando, come curatore della Guida al Buongusto di Puglia e Basilicata, tutte le 45 ricette inedite di queste due meravigliose regioni. Ho condotto la giuria delle nove scuole alberghiere delle due regioni in cui si sono svolte le degustazioni ma, alla fine, mi è rimasta la curiosità o meglio il gusto di mettermi ai fornelli e di provare a cucinarne alcune. Quindi la Guida al Buongusto, in vendita in tutte le edicole di queste due regioni, di cui è in arrivo l’edizione on line. Quest’anno, per la prima volta, ho chiesto a tutte le scuole di indicare gli oli monovarietali adatti alla realizzazione di ciascuna ricetta: poche sono state in grado di farlo. Insomma, che dire, per la cultura dell’extravergine – anche nelle scuole alberghiere – la strada da fare è ancora tanta e di certo tutta in salita.

 

Anche se la qualità la si produce ovunque, là dove c'è la capacità dell'uomo di osservare le buone regole, vi sono tuttavia gli extra vergini che sono i preferiti indipendentemente da tutto. Che caratteristiche hanno quelli utilizzati da te? E da quale territorio provengono?

Allora, le due varietà che più amo per condire a crudo sono la Coratina (da Andria ed il Nord Barese) e la Nocellara del Belice (Sicilia). Ma in cucina tutto cambia e per friggere, senz’altro, un blend di Ogliarola e Leccina (Salento) perché il punto di fumo dell’extravergine è il più alto in natura. Lo preciso perché, insomma, sono stanca di sentirmi dire che friggere fa male o che si frigge al meglio con gli oli di semi: non è vero. Friggendo con l’extravergine, e con queste cultivar non si può dire che sia pesante, non solo il gusto ne guadagna, ma si assorbono anche i polifenoli dell’olio.

 

Se ha un ristorante oliocentrico del cuore, qual è? Un ristorante in cui l'olio da olive viene valorizzato al meglio…

Per anni ho recensito i ristoranti di tutta la Puglia per il gastronauta Davide Paolini. Fra tutti era, e resta, Antichi Sapori di Pietro Zito a Montegrosso di Andria il mio ristorante oliocentrico preferito. Se vuoi capire cosa significa cultura dell’olio, se vuoi comprendere cosa si può fare cucinando il meno possibile ma usando materie prime di qualità e prima su tutte sua maestà l’extravergine in Puglia questo è l’indirizzo giusto, probabilmente anche in Italia non c’è un altro posto così.

 

 


Nella foto di apertura lo chef Mimmo Persano con la giornalista Antonella Millarte con il suo Salento nel piatto

OO M - 10-09-2015 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti