Mercoledì 12 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > che olio sei

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici

Silvia Ruggieri

Le scelte di Marina Ferrara

Marina Ferrara vive a Milano, ma si considera cittadina del mondo. Opera a livello internazionale come transformational coach, ossia allenatore mentale e personal trainer olistico per il benessere totale. In pratica, aiuta le persone a superare lo stress e le loro difficoltà attraverso il rilassamento profondo guidato.

La Ferrara utilizza in particolare delle specifiche tecniche olistiche di training mentale e vibrazionale, le quali migliorano la qualità della vita trasformando le abitudini negative e potenziando le qualità e i talenti personali,  portando così a raggiungere obiettivi di vita, sportivi e professionali.

La sua vena artistica e creativa, abbinata alla caratteristica di cercare la trasformazione in ogni situazione, e quindi anche nella materia, l’ha portata a diventare artista e creatrice di opere, in particolare utilizzando la resina epossidica.


I suoi lavori artistici sono stati presentati ed esposti in diversi eventi e manifestazioni, l'ultimo dei quali a Miami alla famosa mostra d’arte internazionale “Art Basel”.

Particolarmente attiva, Marina Ferrara compie le sue riconosciute sessioni di coaching per il benessere mentale e olistico a Milano e nelle più prestigiose località turistiche internazionali, in Costa Smeralda, Montecarlo, Cannes, Miami, oltre che via web.

Quale idea di olio lei si è fatta nel corso dell'infanzia? L'olio di quegli anni è stato quello ricavato dalle olive o un olio di di semi?

Nasco da padre napoletano e da mamma trentina, e fortunatamente ho potuto raccogliere sin da bambina le tradizioni migliori di queste regioni. Pertanto l'olio di oliva, in particolare quello extra vergine, è sempre stato il condimento che ha prevalso nell’ alimentazione e nell'educazione alimentare molto saporita che mio padre ha portato nella vita culinaria della nostra famiglia.


Il burro ha avuto qualche spazio minoritario nella preparazione dei dolci, in particolare dello strudel e in qualche piatto gastronomico tipico trentino. Il ricordo del burro fuso sui canederli o sul flan di spinaci, tipico tinballo a base di crepes e spinaci che mia madre preparava, si è alternato al classico olio crudo versato sul pane e pomodoro, che mio padre ci raccomandava come la più salutare colazione dei mesi estivi, nelle vacanze trascorse al mare nel Sud Italia.


Questo è proprio un ricordo profumato che ho della mia infanzia e delle estati trascorse a Maratea o a Ischia. 




Una curiosità: i sapori e profumi dell'olio della sua infanzia coincidono con quelli che invece percepisce e apprezza oggi?



Assolutamente sì. Infatti così come ho sempre apprezzato nella mia infanzia questi profumi e sapori genuini non elaborati che mio padre ha saputo trasmettermi, altrettanto ho cercato di farli apprezzare in famiglia e ai miei tre figli, che tuttora ne gradiscono e ne godono la genuinità. Io stessa in casa mia utilizzo sempre solo ed esclusivamente l'olio extra vergine di oliva e devo dire che anche quel poco burro della tradizione trentina è quasi del tutto scomparso.



Cosa apprezza di più di un olio extra vergine di oliva?



Dell'olio extra vergine di oliva apprezzo ed ho sempre apprezzato diverse componenti. La prima in assoluto è il profumo, che diventa gusto e sapore negli alimenti, usandolo soprattutto il più possibile crudo.

L'altro elemento che mi ha sempre stimolato è il colore che vira dal verde intenso dell'olio appena spremuto, a quel colore dorato e limpido tipico dell'olio di qualità. Mi è difficile infatti scindere profumo, gusto e colore; credo siano tre elementi che sollecitano tre dei nostri sensi principali, che, uniti, rendono proprio l'olio extra vergine un elemento e un nutrimento assolutamente unico.


L'altro senso che l'olio stimola è quello del tatto nella sua essenza oleosa che spesso utilizzo anche nei miei trattamenti olistici abbinato ad oli essenziali o che ho spesso utilizzato anche a livello personale per nutrire i capelli o la pelle del corpo.



Quanto sarebbe disposta a spendere per una bottiglia di extra vergine?

Ho sempre cercato di approvvigionarmi direttamente alla fonte in modo di avere la sicurezza di tutti i passaggi di produzione, dalla coltivazione alla frangitura perché ho sempre privilegiato la frangitura a freddo, in quanto so che questo processo permette all'olio di conservare le qualità organolettiche, la sua acidità e le sue migliori qualità.


Pertanto ho sempre beneficiato di prezzi senza i vari passaggi della commercializzazione. In questo modo, dato che ho tre figli e quindi ne usiamo parecchi litri in famiglia, ho anche il vantaggio di contenere il prezzo salvaguardando la qualità.



A tal proposito, per lei la bottiglia che frequentemente acquista di quanto è? Da 250, 500, 750 ml o da litro?



Generalmente acquisto le latte di olio da 5 litri.


Ho sperimentato ultimamente l'utilizzo della bottiglietta con lo spray per l'insalata, che diventa più che altro una comodità sulla tavola.



In tutta sincerità, senza alcun senso di colpa o imbarazzo, qual è il suo condimento preferito?



Decisamente l'olio di oliva extra vergine.



Basta olio. Veniamo al suo lavoro. A cosa sta lavorando?



Come artista sto facendo sperimentazione materica con la resina epossidica amandone la trasparenza, la duttilità e la tridimensionalità.


Dopo un’ estate, in cui ho lavorato per portare con Vip Total Wellness il benessere olistico in Sardegna, in Costa Smeralda, ora sto lasciando spazio alla mia vena artistica.
Sto preparando dei lavori per la prossima mostra "Art Basel" di Miami, dove già ho esposto le mie opere l'anno scorso.

La mia costante ricerca nell'ambito della trasformazione, così come la applico nella mia professione di trasfomational coach, mi ha portato nell'arte a creare sculture e quadri che rappresentano forme energetiche e le frequenze benefiche utilizzando colori e abbinamenti materici anche con pietre semipreziose, cristalli Swarovski, foglia oro e argento. 


 

OPERE IN RESINA DI MARINA FERRARA

 

Silvia Ruggieri - 21-09-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti