26 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > che olio sei

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

OO M

Le scelte di Valeria  Biagi

Valeria Biagi è nata a Pietrasanta. In provincia di Lucca. Laureanda in Lettere Moderne all'Università di Pisa, ricopre la carica di Vice Presidente del Centro Studi Sirio Giannini fin dalla sua fondazione. Nel maggio 2014 ha pubblicato con Alessandro Viti il volume da collezione Bibliografia degli scrittori della Provincia di Lucca - Gli anni di Giannini: 1925-1960. Parte Prima, edito da Zona Franca; la seconda parte è attualmente in fase di revisione e sarà pubblicata nel 2016.

Da diversi anni la Biagi è attiva nel campo della cultura, prima nel mondo dell'associazionismo e dei circoli, poi, con un gruppo di giovani diretti dalla professoressa Daniela Marcheschi, critico letterario e docente universitario, ha fondato il Centro Studi Sirio Giannini organizzando festival, incontri letterari e seminari di studio.

Appassionata di fotografia e di scrittura creativa, nel tempo libero ama dedicarsi alla lettura, alla musica, alla medicina orientale e alla cucina, sperimentando ricette per il suo compagno Francesco.

 

Tre libri del cuore per affrontare con gioia l'autunno...

Al primo posto segnalo La valle bianca di Sirio Giannini, M. Boni editore, 1981, romanzo d'esordio di un giovane scrittore seravezzino morto a soli 35 anni, ma che aveva già il carisma per diventare un nome importante. Il romanzo è ambientato in un bacino marmifero nella catena delle Alpi Apuane dove i protagonisti Stefano, Giulio e Alda si muovono su uno sfondo aspro e insolito come certe vette delle Apuane.

Il secondo invece si avvicina alla fotografia, una delle mie passioni, dal titolo A occhi aperti, di Mario Calabresi, Contrasto editore, 2013. L'autore attraverso le immagini, talvolta inedite, scattate da grandi fotografi come McCurry, Erwitt, Salgado e altri racconta vari momenti della storia mondiale.

Infine consiglio vivamente a tutti di leggere il capolavoro dello scrittore parmigiano Guido Conti, intitolato Il grande fiume Po, edito da Mondadori nel 2012. Il romanzo si snoda lungo il fiume più grande d'Italia dove l'Autore ha raccolto aneddoti e curiosità, ripercorrendo non solo la storia antica di questo fiume ma anche la storia della letteratura citando Virgilio, Ovidio, Ariosto e tanta narrativa contemporanea.

Anche se la qualità la si produce ovunque, là dove c'è la capacità dell'uomo di osservare le buone regole, vi sono tuttavia gli extra vergini che sono i preferiti indipendentemente da tutto. Che caratteristiche hanno quelli utilizzati da te? E da quale territorio provengono?

Premettendo che la mia famiglia da molte generazioni produce olio a scopo esclusivamente privato, consumo ogni giorno il delizioso extra vergine. Viviamo nella campagna versiliese, in provincia di Lucca, dove si produce un discreto olio di qualità.

Negli ultimi anni la produzione ha subito un drastico calo, a causa sia degli insetti nocivi per le olive, sia delle condizioni climatiche sfavorevoli alla crescita di questi preziosi frutti. Perciò ho acquistato oli provenienti da agricolture biologiche locali.

Qual è il tuo ristorante oliocentrico preferito, quello nel quale l'olio da olive viene molto valorizzato?

Segnalo il ristorante ed enoteca "Antico Uliveto", in via Martiri di Sant'Anna, in Toscana. È un parco con secolari piante d’olivo quercetano. Il locale è situato nella frazione di Pozzi nel comune di Seravezza, a pochi chilometri dal mare di Forte dei Marmi, dalla città d’arte di Pietrasanta e dalle fantastiche Alpi Apuane.

Gli olivi sono la storia di quest’oasi verde nel cuore della Versilia, ieri una casa colonica oggi l’Antico Uliveto. I titolari, Cristina e Massimo, vi accolgono con cordialità nelle accoglienti sale o nel fresco gazebo, nel periodo estivo, per farvi degustare i piatti legati alle stagioni abbinati agli ottimi vini che in questi anni hanno selezionato con passione.

 

La foto di apertura è di D. Cappello

OO M - 27-09-2015 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Il codice sensoriale della carne, edito dal Centro Studi Assaggiatori in collaborazione con Narratori del gusto, aiuterà a rispondere alle domande dei consumatori di fronte alla scelta della carne migliore. Attraverso i sensi, si può imparare a scegliere una carne di qualità

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo