Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Carapelli for Art punta sulle Radici. Tradizione, identità, crescita

Abbiamo sempre creduto nelle imprese che fanno opera di mecenatismo, ed ecco che rilanciamo con piena convinzione la terza edizione del premio internazionale per le arti visive voluto dalla storica impresa olearia Carapelli Firenze. Il tema individuato fa perno su un forte elemento di sicurezza - le radici, appunto - tra storia e trasformazione, sia in ambito artistico, sia sul fronte della produzione di olio extra vergine di oliva 

OO M

Carapelli for Art punta sulle Radici. Tradizione, identità, crescita

La cultura è un faro che illumina sulle vicende umane. Ed è con questa convinzione che noi di Olio Officina sosteniamo e rilanciamo un progetto culturale ideato, voluto e organizzato da Carapelli Firenze. Un Premio destinato agli artisti che quest'anno giunge alla sua terza edizione e che il 18 maggio è stato ripresentato sulla scena artistica internazionale; ed è pertanto con grande piacere che rilanciamo la notizia diffusa da Angelina Zoner per Hill+Knowlton Strategies.

Forte del grande successo delle due precedenti edizioni, con adesioni di più di 1.350 artisti da tutto il Mondo, torna anche quest’anno Carapelli for Art, il concorso di arti visive nato con l’obiettivo di premiare e sostenere il valore e la qualità del lavoro degli artisti a livello internazionale  Carapelli Firenze – azienda con oltre centoventi anni di esperienza nell’arte olearia e da sempre impegnata nel sostegno alla cultura – promuove la terza edizione di questa prestigiosa iniziativa, che ha aperto ufficialmente il bando di concorso il18 maggio.

Un nuovo tema su cui gli artisti sono chiamati a interpretare le loro opere: “Radici”, ossia tutti gli elementi che offrono sicurezza, permettono la crescita personale e rappresentano, allo stesso tempo, l’identità, la storia e la tradizione individuali e collettive. Nell’arte, i significati semantici della parola “radici” possono essere numerosi: possono rappresentare il rapporto con la propria origine, il carattere ricorrente di una ricerca, il legame saldo con una materia o un'idea, l'elemento primo e necessario di un processo. 

Anche per Carapelli Firenze le radici rappresentano un elemento fondamentale e imprescindibile, poiché permettono all’ulivo di ancorarsi al terreno, di sostenere il resto della pianta, di fornire acqua e nutrimento, determinando così la crescita del frutto.

Ed è proprio così che nasce l’olio extra vergine di oliva, prodotto unico e cardine della cultura alimentare italiana. Carapelli è da sempre impegnata in una produzione fatta di grande competenza e passione autentica per la qualità, portando ogni giorno sulle tavole delle famiglie italiane il gusto semplice di un capolavoro della natura.

La giuria di quest’anno, rinnovata rispetto alle passate edizioni, sarà composta da quattro personalità molto attive nel mondo artistico: Elisa del Prete (curatrice e producer nel campo delle arti visive), Matteo Innocenti (curatore, storico e critico d’arte, giornalista), Massimiliano Tonelli (direttore editoriale di Artribune) e Gabriele Tosi (curatore indipendente e direttore artistico di LOCALEDUE - Bologna).

Per la nuova edizione, il premio si arricchisce di una serie di contenuti che saranno condivisi nel corso dei mesi tramite i canali social ufficiali di Carapelli for Art, come spunto di approfondimenti delle varie fasi del premio. 

Come per gli anni precedenti, saranno due le categorie su cui si pronuncerà la giuria: Open, aperta a tutti gli artisti professionisti, e l’Accademia, rivolta agli studenti delle Accademie di Belle Arti di tutto il mondo. Con un montepremi complessivo di 12 mila euro (suddiviso tra le due categorie), gli artisti vincitori verranno annunciati nel mese di ottobree saranno premiati nel corso di uno speciale evento. Le loro opere entreranno a fare parte della collezione Carapelli.

Anche in un momento difficile come quello odierno, che sta impattando significativamente il settore artistico, Carapelli conferma con il progetto Carapelli for Art il proprio impegno e la volontà di farsi portavoce di un messaggio positivo e di speranza, volto a sottolineare e ad affermare l’importanza dell’arte e della bellezza nella vita di ciascuno di noi. 

 Le iscrizioni sono aperte fino al 20 luglio 2020.

Bando e modulo d’iscrizione per partecipare alla tera edizione di Carapelli for Art 2020 sono disponibili QUI e per ogni altra informazione utile si può scrivere a info@carapelliforart.it

 

Nella foto di apertura, Gabriele Tosi, tra i componenti della giuria del Carapelli for Art 2020

OO M - 21-05-2020 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri