Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Coldiretti uguale mafia?

Secondo il sociologo Gilberto Antonio Marselli, allievo di Manlio Rossi-Doria, la nota organizzazione non è di fatto un sindacato ma un aggregatore di interessi sotto lo stretto controllo della chiesa cattolica. Così, anziché utilizzare le risorse finanziarie che arrivavano alla Federconsorzi dallo Stato per rafforzare lo spirito cooperativistico dei coltivatori e puntare alla loro crescita professionale, si impiegavano per corrompere la Dc e condizionarla nelle scelte parlamentari e di governo al fine di consolidare il proprio potere economico

Alfonso Pascale

Coldiretti  uguale mafia?

Il sociologo Gilberto Antonio Marselli, allievo di Manlio Rossi-Doria, è stato animatore del “Gruppo di Portici” fin dalle origini, poi presidente del Comitato di Scienze Politiche e Sociali (CoSPoS), promosso dal Centro di Specializzazione e Ricerche Economico-agrarie per il Mezzogiorno, e docente di Sociologia presso l’Università “Federico II” di Napoli.

Alcuni anni fa ha scritto una dispensa per i suoi allievi dell’Università della Calabria dal titolo Società rurale e questione meridionale. Un testo sintetico ma di grande interesse in cui si affronta – con un taglio tra storia, memoria e riflessione sociologica - il tema del passaggio dal meridionalismo classico al nuovo meridionalismo della riforma agraria e dell’intervento straordinario per il Mezzogiorno insieme ad una analisi della società meridionale dall’Unità ai nostri giorni. Tornerò nei prossimi giorni su alcune pagine di questo scritto che meritano di essere commentate con attenzione. Ora mi soffermerò sul giudizio molto netto che lo studioso formula sulla Coldiretti e, in particolare, sul ruolo che questa organizzazione svolse tra gli anni ’40 e ‘70. Egli scrive: “La Coldiretti è stata un'organizzazione associativa che non ha svolto funzione sindacale, ma funzione di associazione di interessi, fortemente controllata dalla chiesa cattolica”.

Marselli fa una netta distinzione tra le funzioni di organizzazione sindacale e quella di associazione di interessi. E dice con nettezza che la Coldiretti non è un sindacato ma aggrega degli interessi ed è sotto lo stretto controllo della chiesa cattolica. Del resto, è cosa nota che nel suo statuto ancora oggi compare un richiamo alla dottrina sociale della chiesa e possiede una rete di assistenti ecclesiastici nelle province e a livello nazionale. Poi il sociologo afferma: “La Coldiretti è diventata ad un certo punto l'azionista di maggioranza della Federconsorzi, il che significava essere il controllore della Democrazia Cristiana”.

Si noti: da una parte, questa organizzazione è controllata dalla chiesa; dall’altra, essa controlla la Dc. Ma come esercita questo controllo sul partito di maggioranza relativa? Vediamo come risponde Marselli: “Anche qui c'è una profonda differenza tra Nord e Sud. Mentre la Coldiretti nel Sud era un'organizzazione mafiosa, la Coldiretti nel Nord capì che si doveva puntare sulla cooperativa, e sulla istruzione dei contadini”. Davvero? Abbiamo letto bene? Marselli scrive proprio così: un’organizzazione mafiosa. E prosegue: “La cosa fu ancora più seria quando, a un certo momento, il rapporto della Coldiretti con la Democrazia Cristiana non fu più solo un rapporto di gestione del potere, e quindi di raccolta dei voti e di rappresentanza parlamentare, ma fu anche un rapporto finanziario, per cui la DC veniva finanziata dai consorzi agrari. La Coltivatori Diretti, in sostanza, era un'organizzazione para-politica per la raccolta di voti”. Quest’ultimo rilievo si trova già nel Rapporto sulla Federconsorzi, presentato nel 1963 da Manlio Rossi-Doria alla commissione parlamentare d’inchiesta sui limiti della concorrenza. Ma ora – leggendo la dispensa di Marselli - a me appare in una luce nuova.

Non si tratta solo di un giudizio politico così come si è voluta leggere – e ho letto per tanto tempo io stesso - la denuncia che Rossi-Doria espresse con lo studio presentato al Parlamento. Nelle parole di Marselli quell’atto di accusa si tinge di connotati sociologici di grande interesse. Studiando la società meridionale nella concreta realtà delle relazioni che si stabilivano tra la bonomiana e i coltivatori e poi tra la sua struttura economica e la politica, il “Gruppo di Portici” pervenne alla conclusione che la Coldiretti esprimeva una presenza mafiosa nelle campagne del Mezzogiorno: anziché utilizzare le risorse finanziarie che arrivavano alla Federconsorzi dallo Stato per rafforzare lo spirito cooperativistico dei coltivatori e puntare alla loro crescita professionale, le impiegava per corrompere la Dc e condizionarla nelle scelte parlamentari e di governo al fine di consolidare il proprio potere economico.

Alfonso Pascale - 28-04-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese