Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Confagricoltura ieri e oggi

Come ha influenzato il mondo della campagne italiane questa organizzazione di rappresentanza e interessi? Che bilancio possiamo trarne? Cosa la differenzia da Coldiretti? E perché, rispetto a quest’ultima, non cerca popolarità a buon mercato in cambio di ingenti risorse pubbliche? E, soprattutto, perché non cede a slogan come Campagna Amica e altre amenità simili?

Alfonso Pascale

Confagricoltura ieri e oggi

Nella storia delle campagne italiane, Confagricoltura si colloca tra i primi organismi a svolgere funzioni di rappresentanza. Un modello asfittico e contraddittorio nei primi decenni postunitari, osteggiato solo da Bettino Ricasoli e pochi altri, quando prevale un legame molto forte della proprietà agraria con il ministero dell'Agricoltura. Un modello che evolve poi in quello di vera organizzazione di interessi nel 1920, quando si costituisce con l'attuale denominazione, in Campidoglio, nella sala degli Orazi e dei Curiazi. Ma è già tardi per svolgere una funzione di interfaccia del forte movimento dei lavoratori agricoli diretto con sagacia e sensibilità da Argentina Altobelli. Il fascismo rapidamente assorbe queste organizzazioni nel suo modello corporativo e totalitario.

Dopo la seconda guerra mondiale, a insediare Confagricoltura nell'Italia democratica ci pensa Attilio Sansoni, un avvocato romano di tendenze repubblicane che, in qualità di consigliere comunale, aveva sostenuto l'amministrazione laica di Ernesto  Nathan e che non aveva mai aderito al fascismo. Dopo di lui, guidano Confagricoltura Marino Rodinò e Alfonso Gaetani, legati ad una visione dell'agricoltura più attenta agli interessi della proprietà fondiaria che a un'evoluzione imprenditoriale delle campagne.

Bisognerà attendere la presidenza del giovane Alfredo Diana per scorgere un'inversione di tendenza. Anche a seguito degli aspri conflitti sociali nelle campagne degli anni '60, sfociati nell'eccidio di Avola e negli scontri di Fondi e Battipaglia, egli inaugura una fase di ripensamento nell'organizzazione degli imprenditori agricoli, facendo emergere una visione più aperta ai temi dell'impresa e dello sviluppo economico e al dialogo sociale.

Con Coldiretti permane un'intesa che nessuno mette in discussione: Confagricoltura riconosce a Paolo  Bonomi il primato nelle campagne e in cambio ottiene che propri rappresentanti siedano nei consigli di amministrazione di Federconsorzi e casse rurali.
L'equilibrio si rompe con il fallimento del colosso economico e finanziario agricolo agli inizi degli anni '90. La Coldiretti diventerà un'agenzia di servizi sostenuta da una comunicazione che strumentalizza un'immagine bucolica dell'agricoltura. Una comunicazione costruita su dati falsi per dare visibilità ad un ceto politico trasversale alla ricerca di popolarità a buon mercato e disposto a dirottare, in cambio, ingenti risorse pubbliche al fine di mantenere "scatole vuote", come Campagna Amica e altre amenità simili.

Confagricoltura si trova così a svolgere la propria funzione di rappresentanza senza più l'opprimente presenza della sorella maggiore. Incomincia a dare più spazio alla propria Federazione delle imprese familiari, tenuta da sempre in una posizione marginale per non infastidire Coldiretti. E a guardare con rinnovata attenzione ai temi del territorio, dello sviluppo rurale e della multifunzionalità. Non perché in passato non se ne sia occupata. Anzi, va dato atto a Confagricoltura di essere stata la prima ad organizzare i pionieri dell'agriturismo e del biologico in sintonia con analoghe iniziative in altri Paesi europei, come la Frania e l'Inghilterra. Agriturist nasce nel 1965, per iniziativa di Simone Velluti Zati, e viene riconosciuta con decreto ministeriale come associazione ambientalista nel 1987.

Confagricoltura ha, dunque, nel proprio Dna quanto basta per proporsi come un'organizzazione che guarda schiettamente alla nuova ruralità e cerca di amalgamarne gli interessi con altre forme di agricoltura. Non c'è da meravigliarsi se negli ultimi anni questa organizzazione ha incominciato ad occuparsi - con continuità e passione - dell'agricoltura sociale. Lo fa con discrezione e premura, mettendo a disposizione della Rete Fattorie Sociali le proprie strutture tecniche centrali e territoriali, inventando iniziative simpatiche come il Premio "Coltiviamo agricoltura sociale" e contribuendo con Confindustria e Confprofessioni ad alimentare la cultura del welfare aziendale.

Anche in queste cose si possono intravedere i profondi cambiamenti avvenuti nella società italiana; cambiamenti che dovrebbero indurre tutti, indipendentemente dalle storie da cui proveniamo, a guardare al futuro con nuovi occhi e soprattutto coltivando un'attitudine all'ascolto e al rispetto reciproco.

 

 

 

Foto di Francesco Buccarelli, VHS

Alfonso Pascale - 18-10-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria