Giovedì 18 Ottobre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Cos'era l'economia curtense

C'è un principio di fondo che ne costituisce l'essenza: quello per cui una classe dominante riesce a provvedere ai propri bisogni materiali, facendo lavorare sulle proprie terre tutta una popolazione dipendente

Alfonso Pascale

Cos'era l'economia curtense

L'economia curtense trova le sue lontane origini nella crisi che fin dal I secolo si manifesta nell'impero romano, crisi che si aggrava a partire dal II secolo, mano a mano che il grande mercato unitario torna a dividersi in mercati sempre più ristretti. La crisi può dirsi completa quando nel territorio occidentale dell'antico impero l'unità economica tipo non fu più lo Stato e nemmeno la provincia, talvolta neanche più la città, con la campagna circostante, ma la villa o corte.

Quali furono le manifestazioni tipiche di questa crisi? Sinteticamente possiamo così individuarle: spopolamento delle città e fuga verso le campagne, abbandono delle arti, inaridirsi del commercio, morosità dei contribuenti con conseguente miseria del fisco; rovina delle opere pubbliche e delle strade; mancanza di ordine, che comportava la difficoltà di circolazione dei beni; autarchie locali.

Dalla individuazione di queste manifestazioni possiamo arrivare a puntualizzare le caratteristiche dell'economia curtense:

1) deterioramento del sistema di comunicazione;

2) base prevalentemente agricola, con alto indice di immobilità delle persone legate alla terra;

3) agglomerarsi della popolazione attorno ai centri feudali amministrativi e di difesa, cioè corti, abbazie, castelli, ecc.;

4) costituzione di nuclei autarchici familiari o curtensi, il che comportava:

a) l'elaborazione familiare delle materie prime;

b) un alto indice delle persone legate alla terra e alla propria manifattura artigiana;

c) scambi ridottissimi;

d) rarefazione della circolazione monetaria.

Il principio che costituisce l'essenza dell'economia curtense è quello per cui una classe dominante riesce a provvedere ai propri bisogni materiali, facendo lavorare sulle proprie terre tutta una popolazione dipendente.

La proprietà della terra è suddivisa in "pars dominica" (a conduzione diretta) e "pars massaricia" (allottizzata in "mansi" tra i coloni in cambio di canoni e prestazioni).

 

 

 

In apertura, una scena di vita rurale, con una coppia di contadini mentre è intenta alla lavorazione del formaggio

Alfonso Pascale - 26-05-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Deoleo e Confagricoltura, l'accordo entra nella fase operativa

Deoleo e Confagricoltura, l'accordo entra nella fase operativa

Tre incontri programmati in Sicilia, Calabria e Puglia. L'obiettivo? Aumentare produttività, qualità e sostenibilità. "La produzione dell’olio di oliva destinato ad extra vergine in Italia è notoriamente insufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’industria di trasformazione e del consumo – fa notare Pierluigi Tosato, Presidente e AD Carapelli Firenze SpA, gruppo Deoleo"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio secondo Vittorio Sgarbi

Nostra intervista al celebre critico d’arte e opinionista su una materia prima, l'olio extra vergine di oliva, tra le più significative e determinanti per una sana e corretta alimentazione. La produzione dell'olio è una operazione dell'uomo. Si tratta, in quanto tale di una operazione diretta della natura, ed essendo l'olio un elemento primario, è prova che Dio è uno solo

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato