Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Cos'era l'economia curtense

C'è un principio di fondo che ne costituisce l'essenza: quello per cui una classe dominante riesce a provvedere ai propri bisogni materiali, facendo lavorare sulle proprie terre tutta una popolazione dipendente

Alfonso Pascale

Cos'era l'economia curtense

L'economia curtense trova le sue lontane origini nella crisi che fin dal I secolo si manifesta nell'impero romano, crisi che si aggrava a partire dal II secolo, mano a mano che il grande mercato unitario torna a dividersi in mercati sempre più ristretti. La crisi può dirsi completa quando nel territorio occidentale dell'antico impero l'unità economica tipo non fu più lo Stato e nemmeno la provincia, talvolta neanche più la città, con la campagna circostante, ma la villa o corte.

Quali furono le manifestazioni tipiche di questa crisi? Sinteticamente possiamo così individuarle: spopolamento delle città e fuga verso le campagne, abbandono delle arti, inaridirsi del commercio, morosità dei contribuenti con conseguente miseria del fisco; rovina delle opere pubbliche e delle strade; mancanza di ordine, che comportava la difficoltà di circolazione dei beni; autarchie locali.

Dalla individuazione di queste manifestazioni possiamo arrivare a puntualizzare le caratteristiche dell'economia curtense:

1) deterioramento del sistema di comunicazione;

2) base prevalentemente agricola, con alto indice di immobilità delle persone legate alla terra;

3) agglomerarsi della popolazione attorno ai centri feudali amministrativi e di difesa, cioè corti, abbazie, castelli, ecc.;

4) costituzione di nuclei autarchici familiari o curtensi, il che comportava:

a) l'elaborazione familiare delle materie prime;

b) un alto indice delle persone legate alla terra e alla propria manifattura artigiana;

c) scambi ridottissimi;

d) rarefazione della circolazione monetaria.

Il principio che costituisce l'essenza dell'economia curtense è quello per cui una classe dominante riesce a provvedere ai propri bisogni materiali, facendo lavorare sulle proprie terre tutta una popolazione dipendente.

La proprietà della terra è suddivisa in "pars dominica" (a conduzione diretta) e "pars massaricia" (allottizzata in "mansi" tra i coloni in cambio di canoni e prestazioni).

 

 

 

In apertura, una scena di vita rurale, con una coppia di contadini mentre è intenta alla lavorazione del formaggio

Alfonso Pascale - 26-05-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora