Lunedì 23 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Il padre di tutti i pregiudizi

L’idea dell’agricoltura come mondo a parte è il più grave dei pregiudizi. Ciò accade ogni qualvolta si accantonano le grandi politiche strutturali di modernizzazione per dare spazio a interventi assistenzialistici e protezionistici

Alfonso Pascale

Il padre di tutti i pregiudizi

Momenti di Olio Officina Food Festival 2014. Riportiamo la trascrizione, rimodulata in forma testuale, di uno dei tanti interventi di Alfonso Pascale a Olio Officina Food Festival. Si ringrazia per la gentile collaborazione il movimento culturale TreeDream, sia per la stesura del testo dell’intervento di Alfonso Pascale, sia per il video, che potete seguire cliccando QUI


Vediamo quali sono i principali pregiudizi che gravano sull’agricoltura.

Il primo pregiudizio è quello di ritenere le campagne come un mondo di individualisti, di persone non socievoli. Non a caso quando si parla di società civile si pensa immediatamente alla città. “Civile” contrapposto a “rurale”, “urbano” contrapposto a “villano” con un forte connotato negativo.

A questo pregiudizio si aggiunge poi un altro: quello di vedere l'agricoltore e le campagne come entità restie all'innovazione, sostanzialmente soggetti di conservazione, di reazione.

Ancora un ulteriore pregiudizio è quello di considerare l'agricoltura come qualcosa da proteggere. Proprio perché questo mondo non sarebbe capace di innovarsi e di interagire con la modernità urbana e industriale, con le tecnologie, bisogna allora proteggerlo. E sarebbe necessario farlo perché l’agricoltura ci può servire, ad esempio, per procurarci il cibo.

Ma chi è il padre di tutti questi pregiudizi?
Il padre di tutti questi pregiudizi è che l'agricoltura e le campagne costituiscono un mondo a parte. E’ questo il più grave dei pregiudizi che opprime l’agricoltura: essere considerata qualcosa di specifico, da distinguere dall’insieme della società e dell’economia e, quindi, da mantenere separata dal resto.

Quando questo pregiudizio si istituzionalizza?
Ogni qualvolta che si accantonano le grandi politiche strutturali di modernizzazione, come la bonifica integrale, la riforma agraria o le grandi opere infrastrutturali nel Mezzogiorno, e si dà spazio a interventi assistenzialistici e protezionistici.

Per poter realizzare queste politiche, si deve necessariamente immaginare l’agricoltura come un mondo a sé stante, autoreferenziale, chiuso a riccio. Ma è solo una costruzione politica - a fini di controllo sociale - che non corrisponde alla realtà. E che però finisce per trasformare, in ultima istanza, quello che è solo un disegno politico per esercitare un dominio e ottenere un consenso in qualcosa che dà forma al reale e in cui gli stessi agricoltori finiscono per immedesimarsi.
E’ questo l’esito più deleterio dei pregiudizi che attanagliano l’agricoltura e le campagne.

 

Alfonso Pascale - 07-03-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

daniela leoncini

10:56 | 17 marzo 2014

un grazie per il newsletter ricevuto. leo da milano

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Notizie dalle aziende. Nuove etichette per una linea di punta: gli oli extra vergini di oliva ottenuti da singole cultivar.  Emerge un tratto più elegante e distintivo, che pone l’attenzione sulla qualità e sulla provenienza 100% italiana

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

In cosa consiste la scelta consapevole di un olio?

L’agronomo Gianandrea Ettorre, di Palazzo di Varignana, intervistato nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, spiega i criteri di abbinamento di un olio in cucina, in base al profilo sensoriale degli oli

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo