Giovedì 24 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

L'addio a Clara Sereni

È una grande perdita la prematura scomparsa di una tra le più raffinate e profonde scrittrici italiane contemporanee. Presto l’editore Giunti pubblicherà l’intera opera. Il padre era il celebre Emilio Sereni, storico dell’agricoltura, autore del volume Storia del paesaggio agrario italiano. La Sereni si è distinta per l'impegno nella politica e nel sociale, costituendo la fondazione "La Citta del Sole" onlus per l'integrazione di persone con disabilità psichica

Alfonso Pascale

L'addio a Clara Sereni

La morte di Clara Sereni è una grave perdita per il mondo della cultura. Le sue opere più famose sono Casalinghitudine e Manicomio primavera. Leggendo il romanzo famigliare Il gioco dei regni, il suo capolavoro, abbiamo potuto apprendere la vita straordinaria della famiglia in cui è nata: le vicende della madre russa, Xenia Silberberg (nota anche come Marina Sereni), e del padre, Emilio, entrambi intellettuali comunisti e grandi protagonisti del Novecento.

Intrecciando con singolare maestria la grande storia con le storie di vita, le letture, i sogni e le amicizie delle persone che le stavano accanto, Clara ci ha trasmesso il senso più profondo di percorsi individuali, ideologici e umani, come quello di Emilio Sereni, che sarebbero rimasti per certi versi incomprensibili. 

Clara si è distinta per l'impegno nella politica e nel sociale, costituendo la fondazione "La Citta del Sole" onlus per l'integrazione di persone con disabilità psichica e dirigendola nei primi dieci anni. 

Ho avuto la fortuna di conoscerla personalmente e di apprezzare la sua grande carica umana. A Clara confidai, per prima, la mia intenzione di costituire nel 2005 la Rete Fattorie Sociali. E ricordo con commozione le sue parole di elogio e di incoraggiamento per quella decisione.

Fu allora che mi parlò, per la prima volta, di suo figlio Matteo, autistico dalla nascita, che vivendo in un contesto rurale aveva migliorato la sua condizione. Mi ha molto rattristato la notizia che ora Clara non c'è più.

Alfonso Pascale - 30-07-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

Lo chef patron del Ristorante Sadler di Milano è stato il vincitore della seconda edizione con la vincente proposta del Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti