Mercoledì 17 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

L’ulivo albero della vita

Signa atque verba civitatis Butunti. Una mostra di Nicola Petta al Museo Archeologico di Bitonto.L’ulivo accoglie fra i suoi rami le varie testimonianze scritte, contenute in forme circolari; queste si armonizzano agli astri, il sole e la luna, che scandiscono il trascorrere del tempo

OO M

L’ulivo albero della vita

Signa atque verba civitatis Butunti. Tecnica: tempera al tuorlo d’uovo su legno e doratura a guazzo con oro zecchino. L’opera dell'artista Nicola Petta si ispira alla ricca iconografia antica e medievale dell’albero della vita e riporta i vari riscontri scritti del nome di Bitonto, dalle origini fino al Boccaccio. L’intento è quello di coltivare, con misura, il senso di una cittadinanza consapevole, attraverso il recupero delle radici storiche. 

L’operazione si avvale anche di suggestioni visive che ci appartengono fin dall’infanzia, nella frequentazione dei luoghi della nostra città. Ecco allora che l’arco a sesto acuto evoca l’Arco Pinto. Il lembo di mare e il lontano rilievo ci ricordano la vista del Gargano, di cui si gode nelle terse giornate di Maestrale. I motivi degli ornamenti aurei si estrapolano da quelli della nostra Cattedrale: ambone e pergamo.                

E’ quasi superfluo ribadire il significato dell’ulivo come “Albero della Vita”, nella nostra storia. In esso sono leggibili simbolicamente le generazioni che si avvicendano, nell’intreccio degli elementi del tronco. L’ulivo accoglie fra i sui rami le varie testimonianze scritte, contenute in forme circolari; queste si armonizzano agli astri, il sole e la luna, che scandiscono il trascorrere del tempo.


 

Stile delle citazioni

Una specifica nota richiede lo stile calligrafico utilizzato nei vari testi, nel rispetto di quello che quasi certamente doveva essere usato all’epoca della stesura di ciascuno scritto. 

Procedendo dal basso verso l’alto, si passa dalle monete ai papiri e alle pergamene. 

Nello stesso senso, dal basso verso l’alto, si usano i vari stili.

1)    Stile rozzo,per Peucezi e monete

2)    Capitale rustica,per il periodo imperiale: Plinio,  Marziale, Antonino Augusto e Frontino.

3)    Onciale,per il periodo post imperiale: Itinerarium Burdigalense e Anonimo Ravennate.

4)    Minuscola carolina,per Guidone, con titolo in capitale romana

5)    “Decameron”, titolo, in capitale longobarda

6)    “Decameron”, citazione, in gotica rotunda.

7)    Titolo dell’opera, intorno al grifone, in capitale romana; stile che si continuò ad usare a lungo per le iscrizioni importanti.

 

OO M - 07-05-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo