Lunedì 26 Febbraio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

La grammatica è gioco

Ovvero, quando la fantasia ci permette di prendere confidenza con le regole del linguaggio. Qual è non si apostrofa mai; e l'obiettivo, invece, è sempre meglio del rafforzato obbiettivo, perché se troppo "carico" di doppie, va a finire che non lo si raggiunge mai

Massimo Occhinegro

La grammatica è gioco

Ci sono "un" e "una", il maschio che mantiene le distanze senza apostrofare, mentre c'è la femmina, più amorevole, che tenta un approccio con l'apostrofo, quando vede una vocale che segue, speranzosa. Ma, si sa, le donne sono più vezzose.

Poi c'è "qual è" che non osa avvicinarsi apostrofandosi, è timida, e si tronca perché esiste e vuol rimanere single. Poi mi sovviene il "soprattutto", che vuole essere invece più deciso e vorrebbe preferibilmente tutte le  "t" doppie. Da non confondersi, quindi, con il dopotutto, oppure oltretutto, per carità.

Cucùlo poi suona quasi come una brutta parola ma l'accento va posto lì, senza alcun dubbio.

La "è", quando è di aiuto (ausiliare) o è verbo, richiede l'accento, mi raccomando.

Poi veniamo al congiuntivo che nulla ha a che fare con la "congiuntivite" (che fastidio!) da non confondere con il condizionale.

Il "se" introduce il congiuntivo, e giammai il condizionale, se fossi un re, se avessi tempo ma, essendo una "condizione" e non una certezza (mai sia, il mondo è costellato di incertezze!), ecco che segue poi il condizionale. Se avessi tempo, infatti, potrei godermi in pieno l'unica vita che ho.

Io adesso sto "insegnando", sperando di imprimere il segno nelle menti, mentre chi legge, i più attenti, impareranno, semplicemente perché si procurano una nozione che non vuol essere una lezione, però.

L'obiettivo, infine, è sempre meglio del rafforzato obbiettivo, se troppo "carico" di doppie, va a finire che non lo si raggiunge.

Massimo Occhinegro - 15-08-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Pujje in formato pocket da 50 ml

Pujje in formato pocket da 50 ml

Nuovi prodotti. L’azienda di Palagiano affronta il mercato con una soluzione pensata per custodire al meglio l’oro verde contenuto al suo interno. Studiate e realizzate per un consumo veloce e individuale a tavola, al fine di garantire al consumatore l’eccellenza e la purezza del prodotto, mantenendo intatte le sue caratteristiche sensoriali

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio dell’olio spiegato a tutti

L’assaggio dell’olio spiegato a tutti

Il nuovo libro di Rosalia Cavalieri - I sensi e la lingua dell’olio, edito da Olio Officina - piace per la sua impostazione e per la capacità di raccogliere in poche pagine quanto dovrebbe sapere un bravo assaggiatore. Con un linguaggio rigoroso quanto nel medesimo tempo divulgativo, diventa un agevole strumento di approfondimento, utile anche ai "nasi" più esperti, in quanto affronta in maniera sintetica e ben argomentata, tutti gli aspetti tecnici dell’assaggio dell’olio > Lorenzo Cerretani