Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

La scomparsa di Leogrande

Aveva quarant'anni. Non è stato solo uno scrittore e giornalista, ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico. Le sue opere costituiscono una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità. Analizzava le attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore

Alfonso Pascale

La scomparsa di Leogrande

Quando stamattina, lunedì 27 novembre, Luigi Caricato mi ha avvertito della improvvisa scomparsa di Alessandro Leogrande, ho avuto netta la sensazione di aver perduto una delle guide più preziose per comprendere il tempo presente. Le sue opere costituiscono, infatti, una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità.

Quando, nel 2008, uscì Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud, compresi che finalmente qualcuno aveva individuato la giusta misura per approcciare il tema. Leogrande non era solo scrittore e giornalista ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico.

Mi colpì, in particolare, il metodo d'indagine adottato: mentre conduceva il suo reportage sui nuovi schiavi, studiava documenti e ritagli di giornali, raccolti per anni, durante le estati della sua infanzia in Puglia, nella masseria di famiglia a Gioia del Colle, sulla strage che, agli inizi degli anni Venti del secolo scorso, si consumò nell’antico centro della Murgia, quando una quarantina di agrari spararono sui braccianti in attesa di ricevere la paga.

Ne era scaturito un racconto-inchiesta di respiro storico che permetteva di addentrarci nelle drammatiche vicende dell'oggi, interpretandole come sedimenti di storia. Una sorta di violenza irrisolta che ritorna ad esplodere in forme marcatamente diverse dal passato ma che trova linfa in comuni radici. Un’onda lunga che riaffiora. E siccome noi tutti – ammoniva Leogrande - chi per un verso e chi per un altro, veniamo da quella storia, conviene che insieme dipaniamo questi fili invisibili che portano alle matasse aggrovigliate del passato.

Era questa consapevolezza che rendeva il giovane scrittore una voce peculiare del nostro tempo. Una voce che non indulgeva mai al sensazionalismo, ma distingueva con scrupolo le responsabilità e parlava delle attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore. E' per questo che seguivo con grande attenzione il suo lavoro di scavo, condotto con rigore e senza infingimenti, per isolare il grano dal loglio e consegnare integra all’opinione pubblica la migliore immagine dell’agricoltura italiana.

E' di questa straordinaria prova di onestà intellettuale che ora, con la morte di Leogrande, ci priviamo. E in un tempo di continue falsificazioni dei dati di realtà, è davvero una perdita incolmabile.

 

 

La foto di apertura è tratta dal sito di informazione Internazionale

Alfonso Pascale - 27-11-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri