Lunedì 15 Ottobre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

La scomparsa di Leogrande

Aveva quarant'anni. Non è stato solo uno scrittore e giornalista, ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico. Le sue opere costituiscono una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità. Analizzava le attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore

Alfonso Pascale

La scomparsa di Leogrande

Quando stamattina, lunedì 27 novembre, Luigi Caricato mi ha avvertito della improvvisa scomparsa di Alessandro Leogrande, ho avuto netta la sensazione di aver perduto una delle guide più preziose per comprendere il tempo presente. Le sue opere costituiscono, infatti, una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità.

Quando, nel 2008, uscì Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud, compresi che finalmente qualcuno aveva individuato la giusta misura per approcciare il tema. Leogrande non era solo scrittore e giornalista ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico.

Mi colpì, in particolare, il metodo d'indagine adottato: mentre conduceva il suo reportage sui nuovi schiavi, studiava documenti e ritagli di giornali, raccolti per anni, durante le estati della sua infanzia in Puglia, nella masseria di famiglia a Gioia del Colle, sulla strage che, agli inizi degli anni Venti del secolo scorso, si consumò nell’antico centro della Murgia, quando una quarantina di agrari spararono sui braccianti in attesa di ricevere la paga.

Ne era scaturito un racconto-inchiesta di respiro storico che permetteva di addentrarci nelle drammatiche vicende dell'oggi, interpretandole come sedimenti di storia. Una sorta di violenza irrisolta che ritorna ad esplodere in forme marcatamente diverse dal passato ma che trova linfa in comuni radici. Un’onda lunga che riaffiora. E siccome noi tutti – ammoniva Leogrande - chi per un verso e chi per un altro, veniamo da quella storia, conviene che insieme dipaniamo questi fili invisibili che portano alle matasse aggrovigliate del passato.

Era questa consapevolezza che rendeva il giovane scrittore una voce peculiare del nostro tempo. Una voce che non indulgeva mai al sensazionalismo, ma distingueva con scrupolo le responsabilità e parlava delle attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore. E' per questo che seguivo con grande attenzione il suo lavoro di scavo, condotto con rigore e senza infingimenti, per isolare il grano dal loglio e consegnare integra all’opinione pubblica la migliore immagine dell’agricoltura italiana.

E' di questa straordinaria prova di onestà intellettuale che ora, con la morte di Leogrande, ci priviamo. E in un tempo di continue falsificazioni dei dati di realtà, è davvero una perdita incolmabile.

 

 

La foto di apertura è tratta dal sito di informazione Internazionale

Alfonso Pascale - 27-11-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un sabato nell'olio, un sabato italiano

Un sabato nell'olio, un sabato italiano

Crescono le attenzioni da parte dei frantoi verso l'accoglienza. A Verona la storica e prestigiosa famiglia Salvagno, una tradizione consolidata nell'arte olearia, accoglie tutti coloro che vorranno assistere all'intero ciclo della produzione, dalla raccolta delle olive alla loro frangitura con i due metodi tradizionale e in continuo, fino a ritrovare l'olio in bottiglia dopo averlo opportunamente degustato

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio secondo Vittorio Sgarbi

Nostra intervista al celebre critico d’arte e opinionista su una materia prima, l'olio extra vergine di oliva, tra le più significative e determinanti per una sana e corretta alimentazione. La produzione dell'olio è una operazione dell'uomo. Si tratta, in quanto tale di una operazione diretta della natura, ed essendo l'olio un elemento primario, è prova che Dio è uno solo

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato