Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

La scomparsa di Leogrande

Aveva quarant'anni. Non è stato solo uno scrittore e giornalista, ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico. Le sue opere costituiscono una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità. Analizzava le attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore

Alfonso Pascale

La scomparsa di Leogrande

Quando stamattina, lunedì 27 novembre, Luigi Caricato mi ha avvertito della improvvisa scomparsa di Alessandro Leogrande, ho avuto netta la sensazione di aver perduto una delle guide più preziose per comprendere il tempo presente. Le sue opere costituiscono, infatti, una mappa formidabile per avventurarci nei fenomeni complessi della contemporaneità.

Quando, nel 2008, uscì Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud, compresi che finalmente qualcuno aveva individuato la giusta misura per approcciare il tema. Leogrande non era solo scrittore e giornalista ma anche un pensatore, con una profonda conoscenza della storia sociale e con uno spiccato intuito socio-antropologico.

Mi colpì, in particolare, il metodo d'indagine adottato: mentre conduceva il suo reportage sui nuovi schiavi, studiava documenti e ritagli di giornali, raccolti per anni, durante le estati della sua infanzia in Puglia, nella masseria di famiglia a Gioia del Colle, sulla strage che, agli inizi degli anni Venti del secolo scorso, si consumò nell’antico centro della Murgia, quando una quarantina di agrari spararono sui braccianti in attesa di ricevere la paga.

Ne era scaturito un racconto-inchiesta di respiro storico che permetteva di addentrarci nelle drammatiche vicende dell'oggi, interpretandole come sedimenti di storia. Una sorta di violenza irrisolta che ritorna ad esplodere in forme marcatamente diverse dal passato ma che trova linfa in comuni radici. Un’onda lunga che riaffiora. E siccome noi tutti – ammoniva Leogrande - chi per un verso e chi per un altro, veniamo da quella storia, conviene che insieme dipaniamo questi fili invisibili che portano alle matasse aggrovigliate del passato.

Era questa consapevolezza che rendeva il giovane scrittore una voce peculiare del nostro tempo. Una voce che non indulgeva mai al sensazionalismo, ma distingueva con scrupolo le responsabilità e parlava delle attività agricole con un profondo sentimento di partecipazione senza mostrare alcun intento diffamatorio nei confronti del settore. E' per questo che seguivo con grande attenzione il suo lavoro di scavo, condotto con rigore e senza infingimenti, per isolare il grano dal loglio e consegnare integra all’opinione pubblica la migliore immagine dell’agricoltura italiana.

E' di questa straordinaria prova di onestà intellettuale che ora, con la morte di Leogrande, ci priviamo. E in un tempo di continue falsificazioni dei dati di realtà, è davvero una perdita incolmabile.

 

 

La foto di apertura è tratta dal sito di informazione Internazionale

Alfonso Pascale - 27-11-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo