Venerdì 18 Agosto 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Noi tre

Narrazioni. C’è un momento, ho sempre pensato, in cui l’amore viene premiato. Questo momento è arrivato. Lui, lei ed io… Saremmo stati bene, noi tre. Se non fosse stato per la vostra follia, vi avrei avuti entrambi qui

Mariapia Frigerio

Noi tre

Ero felice.
Mi piaceva stare in città e mi piaceva prendere il sole, appena potevo, sul terrazzino. Ma, soprattutto, mi piaceva vivere con lei.
Mi piaceva la nostra totale sintonia: lei che scriveva e io lì, sempre vicina.
Del resto ho sempre amato la carta, qualunque tipo di carta: di quotidiani, di libri, quella per appunti e quella per bozze.
Poi ci accomunava l’essere entrambe selvagge.
Lei se n’era andata, un giorno.
Io sovente me ne andavo. Ma le mie fughe avevano sempre un ritorno.
Anche lei un giorno era tornata.
Ed era tornata da lui.
Aveva lasciato la città per la campagna.
Io l’avevo seguita.
Poi lei se n’era andata di nuovo.


Io, quella volta, non me n’ero andata con lei ed ero rimasta con lui.
Continuavo ad amare la carta, anche se ora la carta, era quella di lui.
Mi piaceva molto stargli accanto quando leggeva e, appena potevo, mi sedevo sulle sue gambe.
Lui non voleva.
E neppure voleva che io stessi a tavola con lui.
«Un uomo anaffettivo» avrebbe detto lei.
Non l’ho mai creduto.
Rigido, sì. Metodico, pure. Con una vita programmata minuto per minuto, anche, ma, sicuramente, con un cuore.
Mi scacciava, è vero, ma poi quando tornavo, mi accarezzava.
Io però non cambiavo e sovente ero in fuga anche da lui.
Amavo soprattutto uscire la sera.
Lo so, ho sempre saputo che a lui non andava.
Eppure, nonostante il suo disappunto, mi lasciava una luce accesa all’esterno perché non corressi rischi e per agevolare il mio rientro.
E non tralasciava mai di dirmi brava quando, a notte fonda, mi rivedeva comparire.
A me piaceva che mi aspettasse.
Mi piaceva talmente che avrei voluto dormire con lui…
Ma c’erano sempre le sue dannate abitudini da rispettare.
E lui, da una vita, dormiva solo.
Mi accontentavo allora di sdraiarmi sul suo letto quando lui non c’era.
Mi bastava – o mi facevo bastare – il suo calore: il calore del suo corpo aveva un effetto terapeutico per me.


Nessuno ha mai pensato che io avessi sofferto nella decisione di scegliere lui. D’altronde la mia compagnia era diventata un peso nelle continue fughe di lei. Ma, per molto tempo, io non ho fatto altro che pensarla, che sognarla.
Quando stavo ore a guardare fuori dalle lunghe finestre, nessuno ha mai pensato che io aspettassi lei, che sperassi, da un momento all’altro, di rivederla comparire.
Purtroppo ci accomunava un orgoglio sfrenato e anch’io, come lei, non facevo mai il primo passo…
Certo mi pesava quando mi sentivo dire che ero, come lei, un’aristocratica e un’intellettuale e che la mia convivenza con lei mi aveva rovinata.
Non sono un’aristocratica, anche se non vado col primo venuto.
Non sono un’intellettuale, anche se adoro la carta.
Come potrebbe esserlo, poi, una come me?
Ma capire capisco e, anche, soffro.
Lui no, però. Per quanto avesse uno strano rapporto con lei, non si sarebbe mai permesso di insultarla e, di conseguenza, di insultarmi.
E forse è stato proprio questo suo rispetto per lei a farmi iniziare a vivere per lui.


So di avere un carattere scontroso.
So anche di avere una mia totale autonomia.
Eppure ora ho la certezza di avere bisogno di lui.
Ho ora la certezza di essere felice con lui, così come un tempo sapevo di esserlo con lei.
E so che ora anche lui ha bisogno di me.


…………………….
…………………….
No, non doveva succedere adesso.
Non doveva.
Rimpiango la sua freddezza apparente, il suo distacco, oggi che io, anche se volessi, non potrei più andare nel suo letto…
Oggi che invece è lui a venirmi a salutare nel mio.
Viene a controllarmi, è chiaro. Ripete il mio nome. Mi chiama. Mi accarezza.
Io lo lascio fare.
Zitta.
Solamente mi allungo, per quanto mi è possibile, al tocco delle sue dita.
E le sue dita sfiorano le ossa della mia schiena.
Vorrei offrirgli la mia pancia, fargli toccare ancora un po’ della mia carne, ma non ho più forze.
Me ne resto, così, immobile a lasciare che le sue lunghe dita sfiorino la poca pelle che ancora mi ricopre.


C’è un momento, ho sempre pensato, in cui l’amore viene premiato.
Questo momento è arrivato.
Lui mi ama. Lo so.
Io amo lui. So anche questo.
Lo guardo intensamente, ora, quando mi accarezza.
E sono disperata…
Non voglio lasciarlo… non voglio!
Eppure so che tra breve accadrà.


E lei? Quando lo saprà? Se non se ne fosse andata…
Io avrei potuto essere un legame per loro…
Lui, lei ed io…
Saremmo stati bene, noi tre.
Noi tre e le nostre vecchiaie.
Vecchi pazzi!
Se non fosse stato per la vostra follia, vi avrei avuti entrambi qui.
Qui in questo momento.
Qui entrambi per me.
Ma ora non penso a me e neppure troppo penso a lei.
Ora penso a lui.
Non soffro per me. So bene quello che mi aspetta.
Soffro pensando a lui senza di me.


Sono stanca. Non ce la faccio più.
Resisto, sì, ma è solo per lui.
Dormo sempre tra le mie carte. Sempre con Repubblica al fianco.
Sempre sullo strano materasso che lui, già da tempo, ha fatto per me: un materasso di quotidiani… di quotidiani uno sull’altro.
L’ha fatto per me.
L’ha fatto perché mi ama, è evidente.
Sa che amo la carta, anche se in vita mia non ho scritto neppure una riga…
Vorrei saperlo fare ora, però, per scrivere quello che sento per lui.
Ma non è possibile, lo so.
Glielo dirò, allora, con un filo di voce.
Con l’ultimo che mi resta.
E sarà, il mio, un miagolio d’amore.
L’ultimo miagolio della sua gatta.


Lucca, 8 dicembre 2008

 

La foto di apertura è di Mariapia Frigerio

Mariapia Frigerio - 24-07-2017 - Tutti i diritti riservati

Mariapia Frigerio

Dopo aver trascorso l’infanzia a Milano, la giovinezza a Torino dove, dopo il liceo classico, negli anni universitari, si è occupata di marionette lavorando nello storico Teatro dei Lupi, è arrivata in Toscana per amore. Ha collaborato con le sezioni didattiche degli Uffizi e di Palazzo Mansi. Per quattro anni ha narrato fiabe per il Ciscu a Lucca, città dove vive e attualmente insegna, dopo anni di storia dell’arte, lettere.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L'apertivo insolito

L'apertivo insolito

La cipolla egiziana ligure marinata, le olive Taggiasche e l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure. Ed è fatta. Ovvero: quando l'essenziale rende appetibile il necessario > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Alla Terme della Versilia, presso l'Hotel Villa Undulna, a Cinquale, ci sono tutte le occasioni per ritemprarsi all'interno della spa, e non solo durante l'estate. Una grande attrazione la esercitano in particolare due preziosi elementi della natura, con le loro virtù terapeutiche: l’acqua salsobromoiodica e la torba del vicino lago di Massaciuccoli > Maria Carla Squeo

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo