Lunedì 20 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Rocco, il santo contadino

Era fortemente legato agli animali che ricambiavano volentieri le sue attenzioni. Il suo mito è parte integrante della cultura rurale

Alfonso Pascale

Rocco, il santo contadino

San Rocco che si festeggia oggi è il patrono di numerose città e paesi. Un santo implorato, dal Medioevo in poi, da chiunque volesse proteggersi dalla peste. Egli era un volontario che girovagava lungo la Via Francigena ovunque vi fosse bisogno di assistenza tra i poveri e i malati. Nella sua vita si registra anche la presenza di un cane che provvedeva ad alimentare il santo quando questi rimase contagiato dal morbo. Rocco era fortemente legato agli animali che ricambiavano volentieri le sue attenzioni. Il suo mito è parte integrante della cultura contadina.

Ho il ricordo vivido dei festeggiamenti di San Rocco a Satriano di Lucania, paese natale di mio padre. Partivamo il giorno prima per partecipare anche ai riti in onore dell'Assunta. Ed eravamo ospiti di nonna Concetta che andava in campagna ogni giorno con il suo asino. Sovrastava la sua casa il campanile della chiesa madre al centro del paese. Ma noi bambini la riconoscevamo perché si ergeva su due piani.

Sulla strada la stalla dove si fermava l'asino di notte e nei giorni di maltempo. E sopra la stalla, la piccola abitazione che si raggiungeva attraverso una scala e un ballatoio da cui ci affacciavamo tutto il giorno.

Quando la processione era finita e tutti erano rientrati, sentivamo le voci che arrivavano dalle case. Le gremivano centinaia di parenti che erano emigrati e tornavano ogni anno per le feste. Quel vociare festoso, intenso, acquietante, fraterno mi rimbomba ancora oggi nell'animo. Una linfa vitale dentro di noi per reinventare comunità nelle forme che riteniamo più opportune.

 

 

L'immagine di apertura è tratta dal sito dell'Associazione Europea Amici di San Rocco

Alfonso Pascale - 16-08-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Mo`e la favola dell'olio. Alla Camera dei Deputati le scuole vincitrici del progetto di educazione alimentare dell'azienda umbra. Con loro Gianfranco Vissani, Sara Farnetti e il tecnologo alimentare Salvatore Velotto. Oltre ai fratelli Monini, ovviamente: Zefferino, presidente di Monini Spa, e Maria Flora, direzione immagine e comunicazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali