16 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Rocco, il santo contadino

Era fortemente legato agli animali che ricambiavano volentieri le sue attenzioni. Il suo mito è parte integrante della cultura rurale

Alfonso Pascale

Rocco, il santo contadino

San Rocco che si festeggia oggi è il patrono di numerose città e paesi. Un santo implorato, dal Medioevo in poi, da chiunque volesse proteggersi dalla peste. Egli era un volontario che girovagava lungo la Via Francigena ovunque vi fosse bisogno di assistenza tra i poveri e i malati. Nella sua vita si registra anche la presenza di un cane che provvedeva ad alimentare il santo quando questi rimase contagiato dal morbo. Rocco era fortemente legato agli animali che ricambiavano volentieri le sue attenzioni. Il suo mito è parte integrante della cultura contadina.

Ho il ricordo vivido dei festeggiamenti di San Rocco a Satriano di Lucania, paese natale di mio padre. Partivamo il giorno prima per partecipare anche ai riti in onore dell'Assunta. Ed eravamo ospiti di nonna Concetta che andava in campagna ogni giorno con il suo asino. Sovrastava la sua casa il campanile della chiesa madre al centro del paese. Ma noi bambini la riconoscevamo perché si ergeva su due piani.

Sulla strada la stalla dove si fermava l'asino di notte e nei giorni di maltempo. E sopra la stalla, la piccola abitazione che si raggiungeva attraverso una scala e un ballatoio da cui ci affacciavamo tutto il giorno.

Quando la processione era finita e tutti erano rientrati, sentivamo le voci che arrivavano dalle case. Le gremivano centinaia di parenti che erano emigrati e tornavano ogni anno per le feste. Quel vociare festoso, intenso, acquietante, fraterno mi rimbomba ancora oggi nell'animo. Una linfa vitale dentro di noi per reinventare comunità nelle forme che riteniamo più opportune.

 

 

L'immagine di apertura è tratta dal sito dell'Associazione Europea Amici di San Rocco

Alfonso Pascale - 16-08-2015 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

VISIONI

Non rispondere è sempre una risposta

Cees Nooteboom