Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Tra ignoranza e menzogne

Quando i populisti di ogni latitudine parlamentare, in compagnia degli xenofobi, sparlano senza ritegno dell’Unione europea come di una sorta di serraglio da cui si può uscire solo coi lanciafiamme, le rivolte o le guerre contro i poteri forti della finanza, dimostrano di non conoscere i Trattati europei

Alfonso Pascale

Tra ignoranza e menzogne

Nigel Farage, parlamentare europeo dal 1999, ha salutato l’esito del referendum che si è svolto nel suo Paese con queste parole: “Abbiamo vinto senza nemmeno sparare un colpo”. Eppure avrebbe dovuto conoscere l’art. 50 del Trattato Ue: “Ogni stato membro può decidere, conformemente alle proprie norme costituzionali, di recedere volontariamente e unilateralmente dall’Unione".

La procedura fissata è la seguente:
a) lo Stato membro notifica la richiesta al Consiglio Europeo;
b) l’Unione negozia e conclude un Accordo per definire le modalità del recesso;
c) il Consiglio europeo sigla l’accordo e delibera a nome dell’Unione, previa approvazione del Parlamento europeo.

Ovviamente lo Stato membro in uscita non partecipa né alle deliberazioni né alle decisioni che lo riguardano.
Dunque, dall’Unione europea si può sempre uscire quando si vuole. Nessun Paese, una volta entrato, è obbligato a rimanervi.

Nigel Farage non ha mai proposto di avviare formalmente la procedura prevista dall’art. 50 del Trattato ma ha dovuto fronteggiare il referendum concesso dal premier David Cameron e battersi per vincerlo anche ricorrendo alle menzogne. Altrimenti avrebbe decretato la sua fine politica. Con molta probabilità si è trattato di una sfida di cui avrebbe volentieri fatto a meno.

I populisti, gli xenofobi e gli euroscettici non sanno che anche dall’Unione economica e monetaria si può sempre uscire utilizzando la procedura dell’art. 50 del Trattato. Spesso si lamentano che nei Trattati non si dice come si esce dall’Euro. Ma lo fanno per ignoranza e supponenza. Quando fu scritto il Trattato di Maastricht non si volle ripetere la formula dell’art. 50 per non dare ai mercati un segnale di debolezza della moneta. Ma la procedura esiste eccome.

In Italia, alcune forze politiche si sono spesso dichiarate favorevoli all’uscita dall’Euro, ma nessun parlamentare ha mai presentato una proposta di legge per avviare la procedura prevista dall’art. 50 del Trattato Ue. Fortunatamente, noi non possiamo sottoporre a referendum la ratifica di trattati internazionali perché i padri costituenti vollero evitare di affidare al voto popolare materie incandescenti e complicate. Ma questo non significa che non ci sia il modo per cambiare i propri rapporti con altri Paesi e con l’Unione europea. Bisogna avere il coraggio di farlo, presentando specifiche proposte di legge in Parlamento e mettendo nel conto le conseguenze degli impegni che si prendono. Per non trovarsi in questa condizione scomoda, Beppe Grillo ha modificato il proprio pensiero sull’Europa. Lo faranno anche gli altri?

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Alfonso Pascale - 27-06-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria