Martedì 26 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Trent’anni senza Enrico Berlinguer

Ha sempre avuto un’attenzione particolare per l’agricoltura e per le campagne, scegliendo i dirigenti più prestigiosi alla guida della sezione agraria del Pci. Nei discorsi non mancava mai un riferimento alla politica agricola, senza mai usare espressioni retoriche. Fu lui a volere il socialista Giuseppe Avolio alla testa della Confcoltivatori

Alfonso Pascale

Trent’anni senza Enrico Berlinguer

Trent’anni fa moriva Enrico Berlinguer, mentre stava concludendo un comizio elettorale a Padova alla vigilia del voto per il Parlamento europeo. Il suo ricordo è ancora vivo nel paese, perché egli segnò, con il suo carisma, una fase drammatica della vita italiana alle prese con la crisi economica, la disoccupazione soprattutto giovanile e l’attacco terroristico.
Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Berlinguer e di amarlo come tanti della mia generazione. L’ho amato per il suo carattere schivo e scabro, puntiglioso senza mai essere arrogante, per il suo modo di presentarsi antico e moderno al tempo stesso, umano, autentico, comunicativo. È stato un leader di cui noi che militavamo nel Pci andavamo orgogliosi.

Ricordo la forte emozione che provai al suo funerale. Mi ero appena trasferito a Roma dalla Basilicata per assumere un incarico nazionale nella Confcoltivatori. Con la sua scomparsa si chiudeva una fase turbolenta della vita del paese. E, per molti di noi, anche un capitolo della nostra vita.

Berlinguer ha sempre avuto un’attenzione particolare per l’agricoltura e le campagne, scegliendo i dirigenti più prestigiosi alla guida della Sezione agraria del Pci: da Gerardo Chiaromonte a Emanuele Macaluso, da Pio La Torre a Luciano Barca. Fu lui a volere il socialista Giuseppe Avolio alla testa della Confcoltivatori fin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1977.

Nei discorsi del segretario comunista non mancava mai un riferimento alla politica agricola, senza però usare espressioni retoriche, ma andando sempre al cuore dei problemi.
In una relazione al comitato centrale del dicembre 1974, Berlinguer pone l’agricoltura al primo punto di una politica di rilancio dell’economia con queste parole inconsuete per un politico: “Il campo più importante è quello agricolo, anche perché l’agricoltura è forse il settore economico nel quale più che in ogni altro si è realizzata una assurda politica di mortificazione, di dilapidazione di risorse reali e potenziali: abbandono all’incoltura, soprattutto nell’Italia meridionale e centrale, di zone sterminate, distruzione massiccia di una parte grande del patrimonio zootecnico, di quello boschivo, di colture anche ricche (dalla barbabietola ai frutteti); e distruzione, addirittura, dello stesso humus (per ricostruire il quale ci vorranno decine di anni)”.

Berlinguer si preoccupava che l’abbandono dell’agricoltura in vaste aree del paese potesse distruggere le basi stesse della vita. E con espressioni di rara sensibilità politica, culturale e morale richiamava l’esigenza di un impegno prioritario per riporre al centro il settore primario.

 

 

Nella foto di apertura l'autore dell'articolo, Alfonso Pascale, in compagnia di Enrico Berlinguer, a Tito, in Lucania, nel gennaio 1981

Alfonso Pascale - 10-06-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le olive da tavola a marchio Carapelli

Le olive da tavola a marchio Carapelli

Novità di prodotto. E ora non soltanto l’olio, anche il frutto dell’oliva destinato al consumo tal quale. In diverse soluzioni e varianti. In vaso in vetro, con tre varietà: Leccino, Peranzana e Taggiasca; e in busta stand up per uno snack comodo da provare in ogni occasione, anche fuori casa

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria