Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Un processo di rimozione

Il vuoto che si sta creando intorno a Rocco Scotellaro è iniziato quando si è nascosto il senso profondo della sua attualità, la quale non è la rievocazione nostalgica di una cultura contadina e di un mondo rurale, ma una lezione politica e sociologica ben più potente ed efficace. La lettura bucolica e posticcia dell’opera letteraria di Scotellaro, esaltata negli ultimi anni da Franco Arminio o Ulderico Pesce, ha contribuito a sconnettere la lezione del poeta di Tricarico con il sentimento popolare

Alfonso Pascale

Un processo di rimozione

L’appello di Raffaele Nigro apparso sulle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno è certamente condivisibile ma arriva purtroppo in forte ritardo. L’iniziativa del sindaco di Tricarico che decide di chiudere il “Centro Studi Rocco Scotellaro” e di intitolare la biblioteca, da sempre denominata “Biblioteca Rocco Scotellaro”, alla poetessa Laura Battista, non fa altro che portare a termine un processo di rimozione che viene da lontano, un’offesa alla memoria del poeta tricaricese perpetrata da alcuni decenni.

Non a caso Nigro si rivolge all’intera classe dirigente lucana e fa emergere l’eclatante paradosso di un impegno straordinario per Matera Capitale della Cultura 2019 e l’oblio, ormai calato da decenni, sul “sindaco contadino” che alla cultura dedicò interamente la sua breve vita.

La rimozione della memoria di Scotellaro è iniziata quando si è incominciato a nascondere il senso profondo della sua attualità. La quale non è la rievocazione nostalgica di una cultura contadina e di un mondo rurale legati alle condizioni di miseria di una porzione ampia delle campagne meridionali fino agli anni Cinquanta. Questa lettura bucolica e posticcia dell’opera letteraria di Scotellaro, esaltata negli ultimi anni, dalle iniziative di Franco Arminio o di Ulderico Pesce, ha contribuito significativamente a sconnettere la lezione del poeta di Tricarico con il sentimento popolare.

Se Scotellaro rappresenta un mondo che non c’è più, tanto vale abbandonarne il mito. Ma la sua vicenda politica e letteraria è legata non tanto alla sua attività di sindaco, quanto invece al suo lavoro di scavo sulla sua esperienza di politico e amministratore, per individuarne i limiti e le incongruenze, e alla sua decisione di abbandonare quell’impegno per dedicarsi allo studio e all’attività di ricerca presso il Centro di Portici, sotto la guida di Manlio Rossi-Doria.

Non si può fare politica senza possedere gli strumenti culturali per esercitarla nel modo più efficace. Questo è il messaggio ancora attuale di Rocco ed è questo il succo delle sue due opere postume L’uva puttanella e Contadini del Sud.

Soprattutto L’uva puttanella – come ha giustamente osservato Antonio Lamantea nel suo saggio critico Il poeta contadino – più che l’abbozzo di un romanzo è un memoriale, un diario interiore in cui l’autore ripensa criticamente i passaggi fondamentali della sua esistenza. Ma è proprio questa eredità che l’intera classe dirigente lucana da tempo ha deciso di non raccogliere, con le conseguenze nefaste per le sorti della regione che vediamo attoniti sotto i nostri occhi. E di Scotellaro sono rimasti solo i simulacri di una cultura materiale che egli voleva rielaborare, con gli strumenti scientifici dell’analisi sociologica, antropologica e psicologica, per convogliarla in quella rivoluzione scientifico-tecnologica di cui egli aveva avvertito precocemente e istintivamente le prime avvisaglie.

Si vadano a leggere le tesi di laurea che, negli ultimi anni, sono state prodotte in diverse università italiane sulla sua opera e si comprenderà quello che soprattutto oggi, nel turbine delle trasformazioni epocali che stiamo vivendo, i giovani cercano nel messaggio lasciatoci in eredità dal “poeta contadino”. È un messaggio altamente moderno in cui si esprime una forte volontà di ricucitura di una faglia culturale che dal decennio in cui avvenne la sua morte non si è mai più ricomposta.

Alfonso Pascale - 29-12-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri