Mercoledì 16 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

Un processo di rimozione

Il vuoto che si sta creando intorno a Rocco Scotellaro è iniziato quando si è nascosto il senso profondo della sua attualità, la quale non è la rievocazione nostalgica di una cultura contadina e di un mondo rurale, ma una lezione politica e sociologica ben più potente ed efficace. La lettura bucolica e posticcia dell’opera letteraria di Scotellaro, esaltata negli ultimi anni da Franco Arminio o Ulderico Pesce, ha contribuito a sconnettere la lezione del poeta di Tricarico con il sentimento popolare

Alfonso Pascale

Un processo di rimozione

L’appello di Raffaele Nigro apparso sulle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno è certamente condivisibile ma arriva purtroppo in forte ritardo. L’iniziativa del sindaco di Tricarico che decide di chiudere il “Centro Studi Rocco Scotellaro” e di intitolare la biblioteca, da sempre denominata “Biblioteca Rocco Scotellaro”, alla poetessa Laura Battista, non fa altro che portare a termine un processo di rimozione che viene da lontano, un’offesa alla memoria del poeta tricaricese perpetrata da alcuni decenni.

Non a caso Nigro si rivolge all’intera classe dirigente lucana e fa emergere l’eclatante paradosso di un impegno straordinario per Matera Capitale della Cultura 2019 e l’oblio, ormai calato da decenni, sul “sindaco contadino” che alla cultura dedicò interamente la sua breve vita.

La rimozione della memoria di Scotellaro è iniziata quando si è incominciato a nascondere il senso profondo della sua attualità. La quale non è la rievocazione nostalgica di una cultura contadina e di un mondo rurale legati alle condizioni di miseria di una porzione ampia delle campagne meridionali fino agli anni Cinquanta. Questa lettura bucolica e posticcia dell’opera letteraria di Scotellaro, esaltata negli ultimi anni, dalle iniziative di Franco Arminio o di Ulderico Pesce, ha contribuito significativamente a sconnettere la lezione del poeta di Tricarico con il sentimento popolare.

Se Scotellaro rappresenta un mondo che non c’è più, tanto vale abbandonarne il mito. Ma la sua vicenda politica e letteraria è legata non tanto alla sua attività di sindaco, quanto invece al suo lavoro di scavo sulla sua esperienza di politico e amministratore, per individuarne i limiti e le incongruenze, e alla sua decisione di abbandonare quell’impegno per dedicarsi allo studio e all’attività di ricerca presso il Centro di Portici, sotto la guida di Manlio Rossi-Doria.

Non si può fare politica senza possedere gli strumenti culturali per esercitarla nel modo più efficace. Questo è il messaggio ancora attuale di Rocco ed è questo il succo delle sue due opere postume L’uva puttanella e Contadini del Sud.

Soprattutto L’uva puttanella – come ha giustamente osservato Antonio Lamantea nel suo saggio critico Il poeta contadino – più che l’abbozzo di un romanzo è un memoriale, un diario interiore in cui l’autore ripensa criticamente i passaggi fondamentali della sua esistenza. Ma è proprio questa eredità che l’intera classe dirigente lucana da tempo ha deciso di non raccogliere, con le conseguenze nefaste per le sorti della regione che vediamo attoniti sotto i nostri occhi. E di Scotellaro sono rimasti solo i simulacri di una cultura materiale che egli voleva rielaborare, con gli strumenti scientifici dell’analisi sociologica, antropologica e psicologica, per convogliarla in quella rivoluzione scientifico-tecnologica di cui egli aveva avvertito precocemente e istintivamente le prime avvisaglie.

Si vadano a leggere le tesi di laurea che, negli ultimi anni, sono state prodotte in diverse università italiane sulla sua opera e si comprenderà quello che soprattutto oggi, nel turbine delle trasformazioni epocali che stiamo vivendo, i giovani cercano nel messaggio lasciatoci in eredità dal “poeta contadino”. È un messaggio altamente moderno in cui si esprime una forte volontà di ricucitura di una faglia culturale che dal decennio in cui avvenne la sua morte non si è mai più ricomposta.

Alfonso Pascale - 29-12-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti