Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

C’è ancora molto da fare

Luigi Caricato

Il testo che leggerete di seguito, riprende integralmente l'editoriale riportato nel numero 6 di Oliocentrico, novembre 2019, giornale mensile edito da Olio Officina, CHE POTETE LEGGERE CLICCANDO QUI

Cambiare atteggiamento e guardare all’olio non solo come alimento/condimento e, di conseguenza, quale merce destinata a essere veduta e utilizzata, ma anche come oggetto di design. 

Io ci credo tantissimo, in questa nuova visione; le aziende forse un po’ meno, ma per il carattere che mi ritrovo, chi mi conosce sa che non demordo. 

Anno dopo anno è giunto così alla settima edizione il concorso “Le Forme dell’Olio”, e ora, dal 19 al 21 novembre, nell’ambito del Simei, al padiglione 15 di Fiera Milano a Rho, proprio là dove è collocata la sala convegni, nel perimetro esterno, sarà possibile visitare la mostra che riprende integralmente nel nome il titolo del concorso. 

La forma e il contenuto per me sono valori complementari da veicolare insieme, riservando loro la massima attenzione e cura. Spero sia lo stesso per chi legge.

Il mio impegno sta tutto nel far superare la pessima abitudine di vedere nell’olio una indistinta massa grassa, utile e funzionale solo in cucina, e per ciò stesso poco incline a essere presentata in modo originale e discontinuo. 

La qualità – lo ripeto da sempre – non può essere confinata solo all’interno della bottiglia, o della lattina o del bag in box in cui viene confezionato l’olio, ma deve essere evidente ed esplicita anche nella sua veste esterna, quella più appariscente, riscontrabile nell’abbigliaggio del contenitore come pure nello stesso imballo attraverso il quale l’olio viene movimentato. 

A dirla tutta con estrema franchezza, in pochi ancora ci credono, anche se qualcosa sta cambiando, ma non è facile. Gli stessi produttori credono poco nella bellezza. Immaginano il proprio olio triste e austero, spoglio e inespressivo. C’è ancora molto da fare per convincere le imprese a rivoluzionare il packaging e a innovare a partire dagli stessi materiali. 

Il messaggio fin qui mi sembra sufficientemente chiaro, l’ho anche ripetuto più volte: mi fermo. Sappiate, però, che ho una grande sorpresa in serbo, ma, nessuna illusione, non la svelo nemmeno sotto tortura.

 

NON HAI ANCORA LETTO I NUMERI PRECEDENTI DEL MENSILE OLIOCENTRICO?

PUOI FARLO CLICCANDO DI SEGUITO:

Oliocentrico 1, giugno 2019

Oliocentrico 2, luglio 2019

Oliocentrico 3, agosto 2019

Oliocentrico 4, settembre 2019

Oliocentrico 5, ottobre 2019

Oliocentrico 6, novembre 2019

LEGGI LE ALTRE RIVISTE DI OLIO OFFICINA: QUI

Luigi Caricato - 19-11-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora