Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

C’è chi se la canta e se la suona

Alfonso Pascale

I pentastellati e i leghisti accusano la Commissione europea di prefigurare per il dopo 2020 una “rinazionalizzazione” della Pac. In realtà sono fortemente interessati a conservare il budget agricolo nel prossimo quadro finanziario dell’Ue per evitare che si destinino risorse ad altre politiche. E la proposta della Commissione di spostare le decisioni sulla Pac a livello degli Stati membri, incaricati di redigere un Piano strategico nazionale, viene vista con sospetto. Si teme che il nuovo modello di distribuzione delle risorse preluda all’introduzione del cofinanziamento nazionale anche per gli aiuti diretti agli agricoltori. Misura che è stata finora totalmente a carico del bilancio europeo.

In una recente audizione di europarlamentari nelle Commissioni riunite Agricoltura e Politiche dell’Ue di Camera e Senato, il leghista Giampaolo Vallardi, presidente della Commissione Agricoltura della Camera, ha usato, freudianamente, l’espressione “la Pac è Welfare” per dire che i pagamenti diretti sono considerati una misura assistenzialistica, una sorta di reddito di cittadinanza (meglio sarebbe “contadinanza”!!!) da salvaguardare in qualunque modo e da ogni parte questo provenga.

Tutti sono consapevoli che non si farà in tempo a chiudere il negoziato sulla riforma della Pac prima delle elezioni europee. Ma si continua a discutere i suoi contenuti indipendentemente dal conflitto aperto sul futuro dell’Ue. Quasi che tale politica godesse di una sorta di “extraterritorialità” nel dibattito sulle prospettive dell’integrazione europea.

Sono infatti previste due iniziative nelle prossime settimane: una a Roma il 30 novembre e l’altra a Matera il 6-7 dicembre. Ma il ministro delle Politiche agricole, gli assessori regionali all’agricoltura, lo organizzazioni agricole e gli economisti agrari se la cantano e se la suonano del tutto indifferenti allo scontro oggi in atto tra chi vuole costruire una nuova sovranità europea nell’area Euro (sicurezza esterna, politica migratoria, politica fiscale, bilancio il cui equilibrio si consegua non solo allocando la spesa, ma anche allocando in modo diverso le entrate, in chiave anticiclica) e chi vuole tenere tutto fermo per far implodere il processo d’integrazione europea.

La Pac fu pensata circa sessant’anni fa come grande politica per il mercato unico dei prodotti agricoli, in chiave protezionistica, ed è diventata, a seguito dei primi accordi internazionali di libero scambio in sede di Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), una politica prevalentemente di aiuti diretti per gli agricoltori. Una misura introdotta provvisoriamente per sostenere l’impegno degli agricoltori nell’orientamento del settore verso il mercato e da abbandonare gradualmente, si è trasformata in una misura stabile che rappresenta il 73% dell’intero budget agricolo. Sull’efficienza-efficacia-equità di questa forma di sostegno la comunità scientifica degli economisti agrari esprime pressoché concordemente un giudizio critico, ma evidentemente le pressioni lobbistiche a difesa dell’esistente sono talmente forti da non consentire di uscire dalla path dependency.

Oggi si potrebbe pensare ad uno “sdoppiamento” delle competenze in materia di agricoltura, prendendo in prestito da Sergio Fabbrini il titolo del suo libro sulla nuova governance europea.

È del tutto giustificato che la sicurezza alimentare, la stipula di accordi commerciali con altri Paesi, il coordinamento del sistema della conoscenza e il regime assicurativo in agricoltura per i rischi derivanti dalla volatilità dei mercati restino competenze dell’Ue. Si tratta, infatti, di materie che si collegano all’impianto originario di politica per il mercato unico dei prodotti agricoli.

Ma è altrettanto motivato che la competenza in materia di aiuti diretti sia devoluta agli Stati nazionali membri. Nel suo discorso alla Sorbona del 26 settembre 2017, Macron dedicò proprio a questa politica un passaggio significativo: “La nostra politica agricola comune protegge davvero i nostri agricoltori e i nostri consumatori? La politica agricola non deve essere una politica di superamministrazione di tutti i territori dell’Unione; troppo spesso è una politica di reddito che accompagna approssimativamente le transazioni, e che produce degli schemi complessi che abbiamo difficoltà a spiegare ai nostri popoli. La politica agricola europea deve permettere di far vivere degnamente gli agricoltori e proteggerli dagli alea del mercato e dalle grandi crisi. Ci saranno sempre più modelli agricoli in Europa e mi piacerebbe che ogni Paese possa accompagnare questa trasformazione secondo le sue ambizioni e preferenze. In altri termini, vorrei che noi concepissimo una politica agricola comune che lasci più flessibilità ai Paesi per organizzare la vita dei loro territori e della loro filiere, e che elimini la burocrazia”.

Il processo di ripartizione delle competenze in materia di agricoltura si è avviato di fatto con l’ultima riforma della Pac (2014-2020). Esiste a tale proposito una interessante relazione informativa del Comitato economico sociale europeo (CESE) su “La riforma della PAC: modalità, diversità, effetti redistributivi e altre scelte degli Stati membri nell’applicazione della riforma dei pagamenti diretti” (relatore Mario Campli) trasmessa nel 2015 alle istituzioni della UE.

A seguito della nuova proposta della Commissione per la PAC 2021-2027, la devoluzione della competenza in materia di aiuti diretti agli Stati nazionali membri è ancor più giustificata. Si passa, infatti, da un approccio basato sulla conformità dei beneficiari a regole dettagliate (compliance) ad un approccio orientato ai risultati di ciascuno Stato membro (result-driven based). A tal fine si afferma di voler rafforzare la sussidiarietà attraverso un ribilanciamento delle responsabilità nella gestione della PAC tra Ue e Stati membri.

Lo “sdoppiamento” non sarebbe una rinazionalizzazione della Pac, ma una redistribuzione delle competenze per ottenere tre risultati importanti:

1) facendo in modo che le due sfere di sovranità siano ben definite sul piano delle responsabilità, senza alcuna interferenza reciproca, ogni Stato membro potrà finalmente definire una propria strategia agricola nazionale;

2) eliminando il passaggio Ue-Stati membri, la politica agricola si potrà effettivamente semplificare;

3) concentrando nell’Ue le competenze essenziali, gli agricoltori e i cittadini europei potranno godere di una politica agricola comune giusta ed efficace.

Alfonso Pascale - 27-11-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora